Google+

Non il maso chiuso, la comunione è il metodo e la liberazione il contenuto

maggio 11, 2012 Luigi Amicone

Lettera di Pippo Corigliano a Tempi: «Caro direttore, ce ne fossero di ciellini nelle altre regioni (disastrate) d’Italia».

Caro direttore, in questi giorni è aumentata la mia stima e simpatia per Comunione e Liberazione. La dignità con cui le persone, vittime di attacchi, hanno reagito, e la fermezza che hanno dimostrato mi hanno fatto desiderare che anche in altre regioni d’Italia aumenti il numero di aderenti al movimento. Come sarebbe bello se in Lazio, in Campania, in Sicilia, in Calabria ci fossero amici di Comunione e Liberazione, in posti di responsabilità e altrove. In questi giorni penosi se ne sente particolarmente la mancanza. Viceversa è aumentata la sensazione di ridicolo che i cosiddetti laici, cioè i laicisti che imperano ovunque, m’ispirano. Sussiegosi e complicati credono di essere apprezzati mentre è sempre più evidente che il re è nudo: non hanno idee né progetti, non sanno chi sono né cosa vogliono; ma impartiscono lezioni dai vari mezzi di comunicazione, tutti a loro disposizione. Dopo la fine della Balena Bianca, la Dc, da loro salutata come un lieto evento, cos’hanno combinato? Hanno portato il paese allo sfascio e danno chiaramente l’impressione di non sapere che pesci pigliare. I cristiani hanno il senso dell’impegno, dell’onestà e hanno la dottrina sociale della Chiesa. Ce ne vogliono di più. Preghiamo il Signore della messe perché mandi operai nella sua messe. Grazie, e viva Tempi! La rivista dei tempi nostri.
Pippo Corigliano

Grazie uomo dell’Opera. No, il “maso chiuso” – come ha spiegato Roberto Formigoni nella sua bella intervista al Corriere della Sera – non è l’orizzonte di noi cattolici. Né, tantomeno, è l’orizzonte di Cl. Che, da quando abbiamo sentito don Giussani parlare per la prima volta, da che il movimento esiste, ha sempre e solo cercato di vivere la “comunione” come metodo, la “liberazione” come contenuto. L’“unità” come legge della vita. “Cristo” come compagnia a sé, a tutti i sé del mondo, a tutte le dimensioni del mondo. E a proposito del mondo. Ci diceva in questi giorni di cancan mediatico-giudiziario un nostro amico politico, Mario Sala, che ha appena condotto in porto l’ennesima buona legge di Lombardia (nel caso, “per la crescita e lo sviluppo” che apre concrete opportunità alla ripresa e all’occupazione): «Il 58 per cento del sistema internazionale di welfare si concentra in Europa, dove vive solo l’8 per cento della popolazione mondiale. Perché in nessun’altra regione del mondo c’è stata tanta attenzione alla persona? Perché dire “persona” è dire “cristianesimo”. E così, dopo l’anticristianesimo dei due totalitarismi che hanno distrutto il continente, l’Europa è rinata grazie alle sue radici cristiane. Oggi che le risorse sono limitate, viviamo nel posto più vecchio del mondo, il debito è diventato insostenibile, ancora una volta la persona è diventata una variabile subordinata a un progetto di élite. L’utopia oggi si chiama tecnocrazia. Eppure sono stati il francese Schuman, il tedesco Adenauer e l’italiano De Gasperi gli artefici dell’Europa che si è risollevata dalle macerie e ha costruito benessere, democrazia e libertà per tutti. Erano tutti e tre cristiani. La loro impresa deve diventare la nostra». Perciò caro Pippo, le tue parole non ci sono soltanto di conforto, ma ci descrivono in pieno. E se a qualcuno l’impresa piace chiamarla “federativa”, a noi, qui, piace semplicemente chiamarla amicizia. Con chiunque lavori per il bene comune e lotti per la libertà di tutti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. jp says:

    Mi pare che la lettera di Corigliano dia ragione a Galli della Loggia. Noi siamo i migliori, non siamo come gli schifosi laicisti, siamo più bravi, siamo più umani, più impegnati, più onesti…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.