Google+

Nigeria. Sei mesi fa Boko Haram rapiva 276 ragazze da Chibok e «la gente ha ormai perso la speranza»

ottobre 14, 2014 Leone Grotti

Il governo e i nigeriani pensano che siano ancora vive ma in pochi sperano di riaverle indietro. Intervista a padre Kassam (Jos): «Confido nel governo e in Dio»

Ormai non se ne parla quasi più ma sei mesi fa, nella notte tra il 14 e il 15 aprile, 276 ragazze sono state rapite da Boko Haram dalla cittadina di Chibok, nello Stato settentrionale di Borno. Alcune decine sono riuscite a scappare subito dopo il sequestro ma delle altre non si sa ancora nulla.

PROMESSE DEL GOVERNO. «Il governo ci ha assicurato che le riporterà indietro. Continua a dire che le salverà», afferma a tempi.it padre Kassam Basil Fukshiwe, sacerdote dell’arcidiocesi di Jos e membro della commissione Giustizia e pace. «Per il momento però non è successo ancora niente e sinceramente non sappiamo quanto queste assicurazioni siano sincere».

«PERSA LA SPERANZA». Padre Kassam ha deciso di «credere nel governo, visto che continuano a promettere che saranno salve», e «in Dio, perché se Lui vuole possiamo reintegrare queste ragazze nelle loro comunità». Ma la maggioranza dei nigeriani non la pensa così: «Quasi nessuno crede più nella loro liberazione, la gente ha perso la speranza. Ormai sono sei mesi che le cercano e ancora non sappiamo se sono nello stesso luogo o in posti diversi».
L’unica buona notizia è che in Nigeria tutti credono che «siano ancora vive, anche se non sappiamo come il governo intenda riportarle a casa. Temiamo però che la dignità di queste giovani ragazze, appena studentesse, sia stata violata».

«CONFIDIAMO NELL’ESERCITO». Negli ultimi giorni sull’esercito sono piovute moltissime critiche. Da sempre alcune divisioni dell’arma nigeriana vengono accusate di favorire i terroristi, evitando di combatterli davvero o arrivando in ritardo nei paesi attaccati dai terroristi islamici. Le condanne si sono fatte più insistenti dopo che diversi soldati sono stati arrestati con l’accusa di essere informatori di Boko Haram: «In ogni società umana ci sono le persone che perseguono il bene e quelle che perseguono il male», continua padre Kassam. «La stessa cosa vale per l’esercito nigeriano, dove molti sono informatori di Boko Haram. La grande maggioranza però combatte sinceramente contro i terroristi e noi li consideriamo i nostri angeli. Solo l’esercito infatti può fermare Boko Haram e riportare a casa le ragazze di Chibok».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Menelik says:

    Ci vorrebbero dei consiglieri militari occidentali.
    D’accordo coi settori sicuri del governo e dell’esercito nigeriano, tendere trappole, cimici e quanto serve per smascherare i traditori, farli sparire….eliminarli, scusate il cinismo, ma è così.
    Una volta ripulito l’esercito muovere l’attacco a Boko Haram.
    Individuare le cellule operative, isolarle e neutralizzarle tanto dentro la giungla non sente e non vede nessuno.
    E basta col pietismo da quattro soldi, buono solo a generare mostri, e darci l’illusione di non essere ipocriti fino al midollo.
    I Boko Haram sono un branco di gradassi.
    Fanno i gradassi perché sanno di essere ben spalleggiati.
    Se la loro rete di informatori viene a mancare, si sgonfiano e crollano, cioè faranno una finaccia.
    In quanto alle ragazze, sono state ridotte in schiavitù.
    Magari sono state già vendute e chi non si è piegata sarà stata uccisa, probabilmente, e chissà in quali modi raccapriccianti come deterrente per le altre.
    E si dovrebbero avere paranoie per tendere trappole per smascherare i traditori e farli sparire?

  2. Sebastiano says:

    Povere ragazze, divorate prima dagli animali di BH e poi dal consumismo occidentale.
    Prima tutti e tutte in bella vista, con gli adesivi e gli hashtag, a mostrare (il più mediaticamente possibile) compassione per loro e poi via nel secchio del dimenticatoio. The show must go on.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.