Google+

Nigeria. «Cadaveri nelle case, per le strade, nel letto del fiume»

aprile 28, 2015 Leone Grotti

Nella città di Damasak, riconquistata dall’esercito il 15 marzo, dopo una più attenta perlustrazione sono stati trovati «almeno 400 morti»

Venti fosse comuni. Tante ne hanno dovute scavare le autorità nigeriane questo fine settimana per deporvi i cadaveri ritrovati a Damasak. La città di 200 mila abitanti dello Stato settentrionale di Borno, quasi interamente distrutta dai terroristi di Boko Haram, era stata riconquistata dall’esercito nigeriano il 15 marzo.

CADAVERI OVUNQUE. Entrando nella città, sotto un ponte, i militari della coalizione composta da soldati nigeriani, nigerini, camerunensi e ciadiani, avevano trovato una fossa comune con circa 100 cadaveri. Ma le vittime che i jihadisti si sono lasciati alle spalle sono «di gran lunga superiori». «Cadaveri sono stati trovati nelle case, per le strade e moltissimi nel letto del fiume Damasak, che si è prosciugato», rivela un testimone al Guardian.

«ALMENO 400 MORTI». Mohammed Sadiq, un abitante locale che ha aiutato le autorità a seppellire i corpi, ha parlato di almeno «400 morti», mentre il governo si è limitato a un vago «centinaia». Non c’è pace per la città di Damasak, che a fine marzo, dopo essere stata liberata, era stata di nuovo attaccata dai jihadisti. Nell’occasione, avevano rapito 506 persone tra quelle che erano appena tornate ad abitare la città su invito del governo, che aveva garantito sulla sicurezza.

BOKO HARAM ANCORA FORTI. Nonostante l’offensiva della coalizione partita il 14 febbraio, e che ha quasi ripreso tutte le città un tempo conquistate dagli islamisti, i Boko Haram non sono sconfitti. Sabato hanno occupato l’isola di Karamga nel lago Ciad, attaccandola a bordo di motoscafi. Venerdì hanno ucciso 21 civili nel villaggio di Bultaram, sempre nel nord del paese.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Filippo81 says:

    Dei Cristiani massacrati dagli islamisti i media non ne parlano spesso, e soprattutto non ne parlano volentieri, perche non “bisogna offendere il mondo islamico”, oppure semplicemente perche non glie ne frega un tubo, anzi……. !Grazie a Tempi per l’ennesimo coraggioso articolo !

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.