Google+

Neolingua “gender-friendly”: per dire “transessuale” in modo inclusivo, in inglese serve una frase di 25 parole

maggio 15, 2014 Leone Grotti

Ecco a quali regole dovranno attenersi gli insegnanti dell’Oberlin College (Ohio) secondo le “Linee guida per il trattamento rispettoso degli studenti transessuali”

Le lobby Lgbt negli Stati Uniti non riposano mai e proseguono indefessamente il loro lavoro per affermare nella società l’ideologia gender a partire dal cambiamento del linguaggio. Capita così che l’Oberlin College (Ohio) abbia deciso di introdurre nuove regole «obbligatorie» nel dipartimento di atletica per essere sicuri che lo staff e gli insegnanti rispettino la «sensibilità transessuale».

facebook-gender-opzioniNIENTE “RAGAZZI” E “RAGAZZE”. Le “Linee guida per l’inclusione e il trattamento rispettoso degli atleti-studenti transessuali intercollegiali” sono state scritte da una commissione transessuale, prevedono qualche piccola modifica nell’utilizzo di «nomi e pronomi» e impongono di «non usare “ragazze” o “ragazzi” quando ci si rivolge a un gruppo di persone». Il testo obbliga anche a rimpiazzare i pronomi “he/him/his/she/her/hers” con un generico plurale “they/them/theirs”.

SUPER GENDER-FRIENDLY. Il dipartimento, inoltre, per rivolgersi ai transessuali nei documenti ufficiali non potrà più usare l’ex termine gender-friendly “FTM” (female-to-male), cioè “da-femmina-a-maschio”, o “MTF” (male-to-female), “da-maschio-a-femmina”. Al posto di “studente-atleta FTM” dovrà usare una formula un po’ più lunga e articolata che in inglese consta di ben 25 parole e tradotto in italiano recita più o meno così: “Studente-atleta transessuale che è stato designato femmina alla nascita e sta/non sta sottoponendosi a una terapia ormonale prescritta dal medico in relazione alla sua transizione di genere”.
Al posto di “studente-atleta MTF” invece dovrà scrivere: “Studente-atleta che è stato designato maschio alla nascita e sta/non sta sottoponendosi a una terapia ormonale prescritta dal medico in relazione alla sua transizione di genere”. Semplice no? Gli insegnanti dell’Oberlin College stanno già sudando sette camicie per imparare la formula a memoria.

CAMPAGNA INGLESE. Negli Stati Uniti la rivoluzione linguistica è già cominciata anche nello Stato di Washington e in Colorado, dove è stato inventato un nuovo pronome neutro (Ze), ma non ha risparmiato neanche la Gran Bretagna, dove la docente Jennifer Coates ha lanciato una campagna contro la discriminazione linguistica appoggiata dal suo ateneo.

SIR E MISS. La professoressa emerita di lingua inglese e linguistica all’università di Roehampton, nella periferia di Londra, ha tenuto come volontaria alcune lezioni in una scuola secondaria, l’Accademia femminile di East Dulwich. Introdotta come “professoressa” dal preside, Jennifer Coates si è indignata perché invece le alunne dal primo giorno si sono rivolti a lei usando il titolo “Miss”: «È un esempio deprimente di come alle donne venga conferito uno status inferiore rispetto agli uomini, che vengono chiamati “Sir”, anche se più giovani e con meno titoli accademici».

CONTRO IL LINGUAGGIO SESSISTA. E così la docente, che tiene un corso all’università sul linguaggio di genere, ha deciso di lanciare una campagna per porre fine a queste «visioni sessiste», che gli alunni apprendono fin da giovani, insieme all’idea che «le donne siano esseri inferiori agli uomini». Le soluzioni proposte sono due: o si eliminano i titoli e si chiede agli alunni di chiamare i professori semplicemente per nome oppure si conferisce anche alle professoresse il titolo di “Sir”.
Un richiamo (purtroppo inascoltato) al buon senso e alle difficoltà reali della scuola è arrivato da Debbie Coslett, direttrice del Brook Learning Trust, che dirige tre scuole inglesi: «Se io fossi appena arrivata in una scuola dove gli studenti non mi conoscono e cominciassero a chiamarmi “Miss”, mi andrebbe benone. Vorrebbe dire che mi stanno mostrando rispetto, piuttosto che rivolgersi a me con espressioni del tipo “hey” o “ehi, tu”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Raider scrive:

    C’è chi si diverte a seminare zizzania con la scusa di una ‘lingua inclusiva’ e una ‘cultura inclusiva’ e tanto per cominciare, somministra una bella purga staliniana alla lingua materna (oh, genitore di qualche numero che non abbia precedenza in un ordine numerico), infligge neologisimi assurdi come olio di ricino e alla fine di tutto questo, con coerenza da Stato Etico, prepara leggi ad hoc in cui rinchiudere chi non si conforma alla babele che si sta costruendo per rinchiuderci tutti.

  2. domenico b. scrive:

    Io penso alle risate che si faranno tra qualche secolo coloro che studieranno i costumi della nostra epoca…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana