Google+

Nel 2013 sono state uccise in Pakistan 56 donne la cui unica colpa è stata aver partorito figlie femmine

novembre 27, 2013 Benedetta Frigerio

I.A. Rehman, segretario generale della Commissione per i diritti umani denuncia la cultura che divide uomo e donna: «Tutti si scandalizzano, ma nessuno agisce»

Uccise per aver partorito una figlia femmina. Sono 56 pakistane, punite con la morte nel 2013. I.A. Rehman, segretario generale della Commissione per i diritti umani del Pakistan, in occasione della Giornata internazionale per eliminare la violenza contro le donne, ha denunciato la strage durante un simposio intitolato “La gioventù come forza per un cambiamento positivo”.

835 VIOLENZE. «Un Paese dove le donne vengono uccise per aver messo al mondo delle bambine non può essere considerato una società etica», ha detto Rehman. Il fenomeno degli aborti selettivi si sta espandendo sempre di più in tutta l’Asia. Nella vicina India, nel 2011, si è verificata la più alta disparità numerica fra bambini e bambine dagli zero ai sei anni, con 914 femmine ogni mille maschi.
Sempre in Pakistan, dal gennaio 2012 al settembre 2013, sono state sfregiate con l’acido 90 donne, 72 sono state ustionate con altri metodi, 344 sono state stuprate in gruppo, 491 hanno subìto violenze domestiche, 835 hanno subìto violenze di altro tipo. Secondo il segretario generale, il problema è che quando si parla delle «bambine violentate in Pakistan, tutto quello che si fa è urlare allo scandalo, ma poi nessuno agisce praticamente».

CAUSE. In un’analisi prodotta nel 2011 dal Centro per la salute e lo sviluppo internazionale sulle cause dell’aborto selettivo in Cina, India e Corea del Sud si parla di crescenti squilibri che fanno aumentare la violenza. Emerge che la stragrande maggioranza dei crimini è «perpetrata da uomini giovani non sposati e della fascia povera». Persone che non riescono ad «avere accesso all’ordine sociale esistente» e che «adottano comportamenti antisociali, rivolgendosi alla criminalità organizzata». Rehman ha dato la colpa alla diseducazione e al sistema scolastico esclusivo delle fasce povere.

EFFETTI. Gli effetti della discriminazione femminile erano stati descritti nel 2005 dal Centro di Ginevra per il controllo democratico delle forze armate (Dcaf), che aveva pubblicato un documento in cui si legge: «Il numero delle donne “mancanti”, uccise per ragioni legate al sesso, è dello stesso ordine di grandezza dei 191 milioni di esseri umani che hanno perso la vita, direttamente o indirettamente, a causa di tutti i conflitti e delle guerre del XX secolo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Laura says:

    Qui sì che si deve parlare di femminicidio

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download