Google+

Miserere, storie di cristiani perseguitati. Aleksei farà due anni di prigione per avere aperto la sua casa ai senzatetto

dicembre 12, 2013 Franco Molon

Bielorussia. Cattolico 28enne accoglieva i poveri a proprie spese e dava loro un pasto caldo. È stato arrestato perché aveva adibito una stanza a locale di preghiera

Pubblichiamo la ventesima puntata di “Miserere”, la serie realizzata da Franco Molon e dedicata ai cristiani perseguitati (per leggere le storie precedenti clicca qui).

Dimitri cammina con passo lento lungo il viottolo sterrato: alla sua sinistra uno sterminato campo di grano pronto per la seconda mietitura, alla sua destra le ultime case del villaggio di Aleksandrovka. Avanti, di qualche settimana, il confine con la Polonia. Chi, come lui, è abituato da anni a vivere senza un tetto e di quello che la strada offre sa che, quando l’estate si avvia al termine, è meglio incamminarsi verso ovest. Là la gente è meno povera, i cassonetti sono più pieni e la sopravvivenza più facile anche per chi deve cercarsi un riparo ogni notte.

Quando il sentiero, oltre il paese, torna a raddrizzarsi Dimitri nota uno strano movimento sull’orlo del campo. Le spighe ondeggiano e frusciano come se nascondessero i movimenti bruschi di un animale di grossa taglia. L’uomo si fa guardingo, stringe il bastone e si avvicina pronto a difendersi dai morsi di un cane randagio. L’animale in caccia è però un uomo che, distratto dall’arrivo di Dimitri, perde la preda e la calma: «Vaffanculo, stronzo! Hai fatto scappare il mio pranzo. Adesso dammi tu qualcosa da mangiare, cazzo!».

«Cosa cercavi di pendere?».

«Un topo, merda! Sono tre giorni che non mangio, ce l’avevo quasi fatta e sei arrivato tu a rovinare tutto. Vaffanculo!», risponde il cacciatore rialzandosi e sbattendosi gli abiti sdruciti per togliersi la terra e le spighe impigliate.

È fin troppo evidente che si tratta, anche lui, di un senza tetto. Dimitri lo osserva e ne legge tutta l’inesperienza; cava di tasca un pezzo di formaggio e lo porge dicendo: «Sei messo male, amico mio: in estate, a digiuno da tre giorni, alla caccia di un topo, vestito leggero. Se vai avanti così, non arrivi a Natale. Da quanto tempo vivi in strada?».

Il vagabondo afferra il formaggio e lo divora con avidità. «Da circa un mese», risponde.

Dimitri rivede in quella fame la disperazione delle sue prime settimane senza dimora e ne prova  pietà. «Sei proprio uno scemo alle prime armi», dice. «Dar la caccia ai topi quando in questo paese c’è Aleksei. Vieni, andiamo da lui».

«Chi è questo tipo?», risponde sospettoso l’altro, con la bocca ancora piena.

«Fidati! È un brav’uomo. Ha trasformato la sua casa in un rifugio per quelli come noi. Quando non ce la fai più, quando hai troppa fame o troppo freddo vai da Aleksei! Ti dà un tetto, una coperta e una minestra fino a quando non sei pronto a riprendere il viaggio. Tutti, prima o poi, passano da Aleksei, anch’io. Lo scorso anno, quando c’è stata quella nevicata a ottobre, sarei morto se non avessi trovato rifugio da lui».

«Non è che questo tizio poi vuole dei soldi? Perché io non ho uno spicciolo; e nemmeno ho intenzione di dargli il mio culo, non mi piacciono i froci».

«Stai tranquillo, è solo carità cristiana. Il peggio che ti può capitare è un invito a pregare in quella sua specie di cappella; ma non sei obbligato. Puoi pure bestemmiare; certo, fa la faccia scura e te ne dice quattro ma lui ti tiene comunque».

Dimitri non aspetta la risposta, si volta e si dirige verso il paese. Il suo compagno lo segue, ubbidiente. Giungono sulla via principale dove i pochi passanti camminano svelti senza fissare la loro sporcizia e i loro abiti dimessi. Dimitri si ferma davanti a una bella casa del centro e pigia il campanello con la scritta “Shchedrov” ma nessuno risponde; suona ancora una lunga scampanellata. Nessuno apre. L’uomo, allora, fa un paio di passi all’indietro e osserva preoccupato le finestre chiuse, poi torna ad attaccarsi al campanello.

Un’anziana donna, spazientita, apre una finestra della casa a fianco e si sporge.

«Buongiorno signora! Stiamo cercando Aleksei».

«Non c’è», risponde la vecchia. «lo hanno arrestato perché non aveva il permesso. Dicono che starà in prigione per due anni».

I due sul marciapiede si guardano meravigliati: «Non c’è nemmeno padre Aleksandr?».

«No. Non c’è nessuno. È tutto chiuso. Andate via».

Giugno 2013 – Aleksei Shchedrov, un cattolico di 28 anni residente nel villaggio di Aleksandrovka (Bielorussia, provincia di Grodno) viene indagato per aver organizzato, nella propria abitazione e a spese proprie, un ricovero per senza tetto. L’avere adibito una stanza a locale di preghiera, secondo la polizia, configura il reato di “partecipazione ad attività religiosa da parte di un soggetto non registrato” in violazione della legge 1931-1.

Nel video, le immagini di oltre 60 chiese cattoliche in Bielorussia: alcune abbandonate, altre adibite a garage o cinema, altre restaurate, altre ancora costruite nuove. Una muta testimonianza della fede di un popolo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana