Google+

Mio padre, Leopardi e la nobiltà della natura umana. Altro grande intervento di Margherita, la figlia di Freak Antoni

febbraio 18, 2014 Redazione

La figlia del cantante degli Skiantos recentemente scomparso, ieri è intervenuta in apertura del Consiglio comunale di Bologna. Socci: «Se questo paese ha una speranza ha il volto di Margherita»

Margherita, la figlia di Roberto “Freak” Antoni, il cantante degli Skiantos recentemente scomparso, ieri è intervenuta in apertura del Consiglio comunale di Bologna. La ragazza – ha solo 15 anni – ha ricordato il genitore con parole simili, ma non uguali a quelle che aveva usato venerdì, durante la veglia funebre (come si vede nel video in pagina). Oggi su Libero, in un bell’articolo che riprende la vicenda, Antonio Socci scrive: «Se questo paese ha una speranza ha il volto di Margherita e dei ragazzi e delle ragazze come lei. Che ci sono e sono molti di più di quanto si immagini. Nei loro volti si intravede una speranza, una certezza, una pietà che oggi sembrano impossibili. Come quella pace di Margherita davanti al dolore della morte. Talora l’impossibile per grazia accade».

Di seguito riportiamo le parole di Margherita pronunciate ieri al Consiglio comunale:

«Mi chiamo Margherita, ho 15 anni e sono la figlia di Roberto “Freak” Antoni. Oggi sono qui per riprendere quello che ho detto quando ho preso la parola venerdì scorso. La mia è una piccola testimonianza su chi era mio padre per me. Lui non è stato un padre molto presente, ma non perché non volesse, semplicemente perché non ne era capace. Io, quindi, sono cresciuta con mia madre, e mio padre lo vedevo solo di domenica, come era stato prestabilito in sede di separazione.
Crescendo ho sentito sempre di più la mancanza di una figura paterna nella mia vita e ho iniziato ad accumulare sentimenti, frustrazione, rabbia, odio. Non pensavo affatto che fosse colpa mia, se i miei genitori si erano separati, pensavo fosse colpa di mio padre, che non era stato capace di amare la sua famiglia.
Ma adesso che non c’è più, non posso dire più niente: perché lui ha passato una vita intera a cercare qualcosa e quel che cercava lui lo cerco anch’io. Lui cercava qualcosa da amare che durasse per sempre: chiamatela anima gemella, chiamatelo iPhone, chiamatelo Dio o X, potete chiamarlo come volete, ma il fatto non cambia. Mio padre era un grande perché lui continuava a cercare quel qualcosa e non si accontentava.
Vorrei citare Leopardi, in un pezzo a me caro, tratto dallo Zibaldone: “Il non poter essere soddisfatto da alcuna cosa terrena (…) e trovare che tutto è poco e piccino alla capacità dell’animo proprio (…) e sempre accusare le cose d’insufficienza e di nullità e patire mancamento e voto (…) pare a me il maggior segno di grandezza e di nobiltà, che si vegga nella natura umana”.
Mio padre era un grande proprio perché era non era soddisfatto dalle piccole cose insufficienti, ma aveva l’animo così grande che niente e nessuno poteva appagarlo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. marzio scrive:

    Verso la fine degli anni 70 ,quando ero studente, sono andato ad un concerto degli Skiantos, devo dire che erano eccezionali dal vivo e contrariamente al loro autodefinirsi “demenziali”, secondo me sapevano davvero suonare e scrivevano dei testi molto ironici,con della musica semplice ma accattivante , che io e tanti altri apprezzavamo molto. Un gruppo davvero orginale! Secondo me ,uno dei migliori gruppi punk dell’epoca !

  2. beppe scrive:

    antony aveva questa posa da matterello anarchico e irriverente, ma con quel fisico minuto e anche col suo viso tradiva la sua vera natura. aver conosciuto la sua inquietudine esistenziale ci fa apprezzare ancora di più le sue trasgressioni. le sbarbine le cantava per noi , mentre lui cercava silvia. me lo ricordo ripescato da quei CATTIVONI di mediaset per un’edizione di colorado. ciao freak.

  3. ragnar scrive:

    Freak, ora fatti dare da Dio delle spiegazioni possibilmente convincenti!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana