Google+

Michael Moore combatte l’obesità o prepara un nuovo film?

dicembre 23, 2010 Paola D'Antuono

Il regista vincitore della Palma d’oro a Cannes per Fahrenheit 9/11 è ricoverato in una costosa rehab per perdere peso. Ma dietro la voglia di ritrovare la forma ideale potrebbe nascondersi l’idea per un altro documentario

Che Michael Moore soffrisse da tempo di evidenti problemi di peso, questo è un fatto noto. Basta guardare i suoi documentari per rendersi conto di come negli anni l’ago della sua bilancia abbia subito paurose oscillazioni per poi assestarsi su un sovrappeso impietoso. Come fare per buttare via tutti quei chili di troppo? In America sono tantissimi i centri di dimagrimento che promettono una forma perfetta in poco tempo. In un paese dove l’obesità colpisce anche i bambini è indispensabile correre ai ripari con costosissimi centri specializzati.

 

Anche il regista di Fahrenheit 9/11 a quanto pare ha deciso di provare una di queste rehab dei miracoli: da metà novembre Moore è ricoverato all’interno della Pritikin Longevity Center and Spa a Miami, un posto esclusivissimo dove l’ospite sborsa 4.200 dollari a settimana per sottoporsi ai trattamenti. Come mai il regista della verità, colui che da anni lotta contro gli sprechi e le nefandezze (e in Sicko se la prendeva anche con il sistema sanitario americano) degli Usa ha deciso di investire migliaia e migliaia di dollari per guarire dal suo sovrappeso? Il dubbio c’è e si chiama documentario.

 

E se Moore avesse deciso di lavorare a un nuovo film, questa volta concentrandosi sulle costosissime e modaiole rehab in cui sempre più spesso vengono ricoverati divi di Hollywood e stelle della musica? Ecco spiegato l’investimento di denaro, allora: fingere di essere un paziente e riprendere nel frattempo ciò che accade all’interno di questi centri. Fantascienza? Può darsi, ma da uno come lui c’è da aspettarsi di tutto, anche che riesca a prendere due piccioni con una fava. Film nuovo e peso forma raggiunto: cosa chiedere di più?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.