Google+

Messico, il narcotraffico fa più vittime della guerra in Iraq: 15 mila morti nel 2010

gennaio 13, 2011 Rodolfo Casadei

Il dato spaventoso è stato diffuso dal presidente Felipe Calderon. Le vittime nell’arco dello scorso anno sono in totale 15.273, il doppio del 2009, il triplo del 2008. L’elenco delle vittime comprende gli agenti delle forze di sicurezza, i narcos vittime delle guerre fra i cartelli criminali, quelli caduti in scontri a fuoco con polizia ed esercito e i civili coinvolti. Nel 2010 le vittime del conflitto iracheno sono state 5.165, tre volte di meno di quelle messicane causate dal narcotraffico

Il doppio del 2009, il triplo del 2008: i 15.273 morti registrati nella guerra del narcotraffico in Messico nell’anno che è alle nostre spalle rappresentano un record terrorizzante che il governo messicano non ha voluto nascondere, prendendo anzi in contropiede autorevoli organi di stampa che stimavano cifre più basse, fra gli 11.500 e i 12.600 caduti. L’esercizio di trasparenza dovrebbe rendere più credibili quelli che il presidente Felipe Calderon ha presentato in conferenza stampa come i primi risultati positivi della politica anticrimine del governo.

Condensati nell’annuncio che nel corso del 2010 ben 19 dei 37 principali capi del narcotraffico sono stati arrestati o uccisi,
che nell’ultimo trimestre dello scorso anno gli omicidi per la prima volta da più di un anno sarebbero diminuiti del 10 per cento e che la quantità di armi e narcotici sequestrati è sensibilmente aumentata. «Abbiamo tolto dal mercato una quantità di droga pari a 1.600 dosi a testa per ogni giovane messicano fra i 15 e i 30 anni di età», ha sottolineato il presidente.

Non potendo annunciare nuove misure anticrimine, il governo sembra orientato a migliorare la propria immagine dando sempre più spazio all’informazione e alla trasparenza.
In questa prospettiva è stata annunciata l’istituzione di un link sul sito internet della presidenza dello Stato messicano che porterà a una pagina web contenente il database continuamente aggiornato degli omicidi ascrivibili al crimine organizzato. Il portavoce del governo per le questioni di sicurezza, Alejandro Poiré, evidenzia che il 50 per cento di tutti gli omicidi relazionati al crimine organizzato è concentrato in tre dei 31 stati di cui è composto il Messico: Chihuahua (lo stato con Ciudad Juarez, che da solo registra il 30 per cento di tutti gli assassinii), Sinaloa e Tamaulipas.

Il primo e il terzo di questi Stati confinano con gli Stati Uniti.
L’elenco delle vittime comprende gli agenti delle forze di sicurezza caduti nell’adempimento del dovere, i narcos vittime delle guerre fra i cartelli criminali (quelli principali sono otto, alcuni dei quali formati da ex militari), quelli caduti in scontri a fuoco con polizia ed esercito e anche i civili coinvolti nella violenza, come i migranti clandestini che hanno avuto la sfortuna di imbattersi nei narcos e nei loro traffici mentre tentavano di attraversare la frontiera con gli Stati Uniti. Fra la metà del 2006 e la fine del 2010 sono stati uccisi 2.000-2.500 agenti di polizia federale, statale e municipale in assalti riferiti alla criminalità organizzata.

Per farsi un’idea dell’ampiezza della violenza, si può anche raffrontare il dato messicano con quello della guerra in Iraq:
nel 2010 le vittime del conflitto iracheno sono state 5.165 (78 per cento civili, poco più dell’1 per cento forze della coalizione), cioè tre volte di meno di quelle messicane causate dal narcotraffico.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download