Google+

Mentre tutti parlano del matrimonio gay, Hollande prepara la supertassa ammazza-imprese

febbraio 4, 2013 Leone Grotti

Mentre tutti si concentrano sul matrimonio gay, Hollande mette a punto la nuova supertassa «illegale» sui redditi sopra il milione.

Mentre il Parlamento francese approva una dietro l’altra le disposizioni principali per legalizzare matrimonio e adozione gay, catalizzando tutta l’attenzione dei media, il ministro dell’Economia prepara una riedizione della supertassa del 75% sui redditi sopra il milione di euro, già dichiarata «illegale».

MATRIMONIO GAY. Sabato scorso, con 249 voti a favore e 97 contrari, l’Assemblea nazionale ha approvato la clausola principale del “Matrimonio per tutti”: il diritto al matrimonio viene esteso a tutti, indipendentemente dal sesso dei contraenti. Mentre i deputati approvano la misura, migliaia di persone a Parigi protestano esponendo questi cartelli: “Siamo tutti nati da un uomo e una donna”. Ma le proteste, comprese quella della grande “Manif pour tous”, sono rimaste inascoltate, non ci sarà alcun referendum, bocciato dai socialisti. Dopo avere preso in esame circa 5 mila emendamenti presentati dall’opposizione, il Parlamento tra due settimane approverà la legge Taubira.

TORNA LA SUPERTASSA. E mentre l’opinione pubblica francese si scontra sul matrimonio gay, Pierre Moscovici, ministro dell’Economia e delle Finanze, ha promesso che entro fine febbraio sarà messa a punto un nuovo modo per tassare al 75% i redditi superiori al milione di euro. L’imposta originale, che ha fatto fuggire in Belgio Gerard Depardieu e altri 126 francesi solo nel 2012, era stata dichiarata «illegale» il 29 dicembre scorso dalla Corte costituzionale francese, ma l’economia francese va a picco e le casse dello Stato hanno bisogno di entrate.

POLITICA FISCALE DISASTROSA. Secondo Laurence Parisot, presidente di Medef, l’unione degli industriali francesi che riunisce oltre 750 mila aziende, soprattutto piccole e medie imprese, la politica fiscale del governo socialista è «disastrosa», perché ha degradato il paese agli occhi degli investitori esteri, che ora hanno paura ad investire capitali in Francia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. ErikaT scrive:

    W il matrimonio egualitario!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana