Google+

Mentre tutti parlano del matrimonio gay, Hollande prepara la supertassa ammazza-imprese

febbraio 4, 2013 Leone Grotti

Mentre tutti si concentrano sul matrimonio gay, Hollande mette a punto la nuova supertassa «illegale» sui redditi sopra il milione.

Mentre il Parlamento francese approva una dietro l’altra le disposizioni principali per legalizzare matrimonio e adozione gay, catalizzando tutta l’attenzione dei media, il ministro dell’Economia prepara una riedizione della supertassa del 75% sui redditi sopra il milione di euro, già dichiarata «illegale».

MATRIMONIO GAY. Sabato scorso, con 249 voti a favore e 97 contrari, l’Assemblea nazionale ha approvato la clausola principale del “Matrimonio per tutti”: il diritto al matrimonio viene esteso a tutti, indipendentemente dal sesso dei contraenti. Mentre i deputati approvano la misura, migliaia di persone a Parigi protestano esponendo questi cartelli: “Siamo tutti nati da un uomo e una donna”. Ma le proteste, comprese quella della grande “Manif pour tous”, sono rimaste inascoltate, non ci sarà alcun referendum, bocciato dai socialisti. Dopo avere preso in esame circa 5 mila emendamenti presentati dall’opposizione, il Parlamento tra due settimane approverà la legge Taubira.

TORNA LA SUPERTASSA. E mentre l’opinione pubblica francese si scontra sul matrimonio gay, Pierre Moscovici, ministro dell’Economia e delle Finanze, ha promesso che entro fine febbraio sarà messa a punto un nuovo modo per tassare al 75% i redditi superiori al milione di euro. L’imposta originale, che ha fatto fuggire in Belgio Gerard Depardieu e altri 126 francesi solo nel 2012, era stata dichiarata «illegale» il 29 dicembre scorso dalla Corte costituzionale francese, ma l’economia francese va a picco e le casse dello Stato hanno bisogno di entrate.

POLITICA FISCALE DISASTROSA. Secondo Laurence Parisot, presidente di Medef, l’unione degli industriali francesi che riunisce oltre 750 mila aziende, soprattutto piccole e medie imprese, la politica fiscale del governo socialista è «disastrosa», perché ha degradato il paese agli occhi degli investitori esteri, che ora hanno paura ad investire capitali in Francia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

3 Commenti

  1. ErikaT scrive:

    W il matrimonio egualitario!

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Partnership di lungo termine, acquisizione del 25% delle azioni e collaborazione nel marketing e nelle vendite: MV Agusta sorprende ancora annunciando l'importante accordo con il marchio più sportivo di Daimler AG, ossia Mercedes-AMG

Dopo aver rilanciato il marchio nell'off road, Husqvarna si prepara a rimettere le ruote lisce. La moto la vedremo all'EICMA ma intanto il Teaser non lascia molti dubbi sul tipo di moto che potremo vedere.

La berlina media derivata da Panamera, attesa non prima del 2018, potrebbe essere la prima Porsche integralmente elettrica. Grazie alla collaborazione con Audi, verrebbe dotata di batterie con un’autonomia di 400 km.

X5 e X6 ricevono il propulsore più potente mai destinato dalla Casa bavarese a una vettura a trazione integrale. Il V8 4.4 biturbo a iniezione diretta di benzina eroga 575 cv e 750 Nm. Scattano da 0 a 100 km/h in 4,2 secondi.

Annunciata a Milano la vincitrice del concorso, promosso da BMW Group Italia, rivolto ai giovani talenti del design

Speciale Nuovo San Gerardo