Google+

Male i mercati, manovra e rigore non bastano: serve la crescita – Rassegna stampa/1

luglio 19, 2011 Redazione

Ieri Piazza Affari ha chiuso con segno negativo, -3%, nonostante la manovra e gli stress test positivi di venerdì. ll rendimento dei nostri Btp è arrivato al 6%, a quota 7 per cento scattano le operazioni di salvataggio. I mercati diffidano dell’Italia perché la manovra rimanda al futuro la sua attuazione e perché fa poco o niente per stimolare la crescita

Ieri Piazza Affari ha chiuso la giornata con un -3%, la peggiore Borsa d’Europa, nonostante gli stress test di venerdì siano andati bene per le banche italiane e nonostante la manovra finanziaria approvata sempre venerdì in tempi record dal Parlamento. “Si può continuare a inveire contro la speculazione che attacca l’Italia e contesta la manovra. Si potrà pure indagare, come ha preannunciato ieri la procura di Roma oltre a quella di Trani, sugli annunci delle agenzie di rating. (…) Ma se si antepongono i fatti agli stati d’animo, o alle dietrologie, la situazione è chiara. Anche ieri gli investitori hanno disinvestito su titoli pubblici e bancari del Vecchio continente” (Foglio, p. 1).

Se la Borsa è andata così male è “tutta colpa dell’accresciuto rischio percepito sui titoli di Stato. Ieri lo spread tra i Btp e il Bund tedesco a dieci anni si è nuovamente impennato oltre i 330 punti base (…). Di conseguenza, il rendimento dei Btp è arrivato al 6 per cento e quello del decennale spagnolo al 6,35%, entrambi al massimo dalla creazione dell’Eurozona e non lontano da quota 7 per cento, considerata la soglia limite oltre la quale le autorità fanno scattare operazioni di salvataggio” (Foglio, p. 1).

La manovra, dunque, non è bastata per diversi motivi. “Il primo è che la manovra può perdere vigore quando si dovrà passare dalle promesse di carattere generale ad azioni specifiche. Questo è stato il problema della Grecia: la differenza tra risultati promessi e azioni effettive. (…) Il secondo è che mentre la dimensione macro-economica della manovra sembra ambiziosa, quella strutturale lo è molto meno. Non è facile vedere in che modo il decreto approvato dalle Camere renderà l’economia più efficiente, per farla crescere più rapidamente; e senza crescita, i problemi dei conti pubblici si ripresenteranno (…). La manovra include con un rimando a una legge delega la riforma del sistema fiscale, che dovrebbe essere la parte strutturale più importante. I due aspetti che hanno ricevuto più attenzione sono: la riduzione a tre del numero delle aliquote, per l’imposta sul reddito; e la riduzione dei benefici che i cittadini e le imprese ricevono da ognuna delle 483 agevolazioni fiscali. Il numero di aliquote è un fattore puramente estetico e di nessuna importanza pratica o strutturale. Che ci siano tre o dieci aliquote non è importante. Quello che è importante è il livello delle aliquote, specialmente la prima e l’ultima, e il livello di reddito su cui si applicano” (Foglio, p. 4).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana