Google+

Magistrale lezione su scienza, vita e morte. Il cardinale Scola in visita all’Istituto dei tumori

settembre 11, 2012 Redazione

Il cardinale di Milano in visita all’istituto milanese risponde alle domande di medici e pazienti. Ne viene fuori una lezione di saggezza cristiana sui deliri scientisti, l’ultimo alito di vita e la domanda di salvezza.

«Le grandi scoperte della scienza da sole non bastano a favorire la felicità». L’arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, si è recato oggi in visita all’Istituto nazionale dei tumori (Int) di Milano. Qui ha risposto ad alcune domande di medici e pazienti.

DELIRIO IMMORTALE. «La scienza qualche volta può produrre la tentazione di delirio – ha spiegato -. Negli Usa e in Giappone ci sono persone che investono molti soldi per tentare l’immortalità. La scienza tuttavia non genera di per sé la felicità, ma si accompagna spesso a fenomeni di malinconia e depressione nelle nostre società avanzate. Riflettiamo troppo poco sui suicidi che avvengono in Europa, anche tra i giovani». Per l’arcivescovo, il rimedio è «l’amore vero. Creare luoghi, come l’Int dove si dimostra che donare produce gioia, molto più che tenere per sé. L’uomo per camminare deve sapere dove va. Se non incontra il senso della vita, non c’è scienza che tenga e non si ha la forza per ripartire tutte le mattine, soprattutto se si è malati».

ACCANIMENTO TERAPEUTICO. «L’accanimento terapeutico va sempre escluso, rispettando il valore supremo della vita e aspettando che ogni paziente trovi la sua morte personale. Una volta che la vita è voluta, difesa, affermata fino in fondo, non può non essere la volontà del paziente, del medico, dei familiari ad entrare in gioco, caso per caso. Questa mia affermazione non va relativizzata: la vita va difesa fino all’ultimo alito».

CURE PALLIATIVE. «Il tema – ha detto Scola – va affrontato a partire non dall’ideologia, ma dalla pratica, dal bisogno dei pazienti. Le cure palliative come accompagnamento al passaggio al Padre sono preziose. La genomica ha aperto una fase molto promettente nelle terapie, ma le cure palliative potranno essere proporzionate al singolo. La clinica non basta, deve essere essere mediata dal rapporto interpersonale. Solo questo dà speranza. Più la prova è dura da affrontare, più serve una ragione».

SALVEZZA. La medicina, per Scola, «è l’arte di prendersi cura, che unisce molte scienze. Quando il paziente si rivolge al medico per la sua salute, rivolge una domanda più ampia, di salvezza. Siete l’espressione di un luogo di umanità – ha concluso Scola rivolgendosi agli operatori dell’istituto – Milano è ancora permeata di fede e vita cristiana».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    x poppi.
    un prete parla ai medici, agli operai, agli avvocati e a tutti quanti. è compito di un prete richiamare l’attenzione degli uomini sugli insegnamenti di cristo. se uno non è credente non lo acolta, ma un prete non può esimersi da questo. la chiesa nel suo cammino ha certamente commesso errori ma ha anche creato tanto. un esempio? io ho frequentato l’università di perugia che fu fondata proprio dalla chiesa.

  2. Robert Benson scrive:

    Perchè, Galileo cos’era, musulmano?

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Più grande e di conseguenza più spaziosa, la Countryman cambia nel volume (+20 centimetri di lunghezza, +3 di larghezza, +7,5 di passo) ma non nelle proporzioni, che restano equilibrate ed armoniche. All’interno trovano posto cinque passeggeri, non più costretti a stringersi, specie dietro; più che discreta la capacità del bagagliaio, che parte da 450 litri per […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper SD proviene da RED Live.

Cruiser o touring? La scelta non si impone, anzi… La nuova Indian Springfield racchiude in sé entrambe le anime e fa della versatilità la sua caratteristica peculiare. Gli appassionati del marchio americano chiedevano da tempo un modello capace di competere con l’Harley Road King, una hard bagger con le potenzialità di una tourer macina chilometri […]

L'articolo Prova Indian Springfield proviene da RED Live.

LIVE Uscire dal seminato, e dagli stereotipi. Ci sono auto ricercate perché “le hanno tutti” e altre che invece offrono un punto di vista differente sul concetto di auto premium. Se siete tra chi cerca qualcosa di diverso, allora potete inserire senza ombra di dubbio Volvo nel carniere dei concessionari da visitare. La casa svedese […]

L'articolo Prova Volvo V60 Cross Country proviene da RED Live.

È arrivato all’EICMA del 2015, come un fulmine a ciel sereno. Allora si chiamava City Adventure ed ebbe tutti gli occhi addosso. Guardandolo si intuiva che non sarebbe stato un concept fine a se stesso. Troppo definiti i dettagli, troppo precise le saldature, troppo belli i cerchi a raggi (con il posteriore da 15 pollici) […]

L'articolo Prova Honda X-ADV proviene da RED Live.

L’erede diretto del V si aggiorna. Tra le novità, una maggiore leggibilità e l’incremento della memoria, che da 8 passa a 16 GB. Disponibile da marzo

L'articolo BMW Motorrad Navigator VI proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana