Google+

L’Onu inserisce nell’elenco delle torture l’opposizione all’aborto

marzo 26, 2013 Redazione

In un documento sui diritti umani presentato all’Onu si legge che chi si oppone all’aborto «infligge una forma di tortura alla donna».

Chi si oppone all’aborto e si rifiuta di praticarlo «infligge una forma di tortura alla donna». È quanto si legge nel “Rapporto del relatore speciale sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti”, firmato dal commissario Juan E. Méndez, documento presentato durante la 22ma sessione del Consiglio dei diritti umani dell’Onu. Si legge: «Enti internazionali e regionali attivi nell’ambito dei diritti umani hanno cominciato a riconoscere che l’abuso e il maltrattamento di donne che cercano servizi di salute riproduttiva possono causare tremende e durevoli sofferenze fisiche e psicologiche».

RIFIUTARE L’ABORTO È TORTURA. Tra gli esempi c’è «il rifiuto dei servizi sanitari legalmente disponibili, come l’aborto e la cura post aborto». Come scrive il Foglio «un aborto negato è esplicitamente paragonato alla sterilizzazione e alla mutilazione genitale, citate giustamente nel rapporto come esempi di tortura. Al punto 47 si cita poi il caso di una donna polacca alla quale fu negato un test genetico sul feto dopo che un esame ecografico aveva evidenziato anormalità. Nel report dell’Onu si legge che, in casi come quello, “l’accesso alle informazioni sulla salute riproduttiva è fondamentale per la capacità di una donna di esercitare l’autonomia riproduttiva e i diritti alla salute e all’integrità fisica”. Negare le informazioni su un bambino “unfit”, indegno di vivere, è una violazione dei diritti umani».

VIETATO LIMITARE GLI ABORTI. L’Onu, dunque, punisce e cita come “tortura” non l’uccisione di un bambino nel grembo della madre ma tutte quelle leggi che limitano il ricorso all’aborto e magari, un domani, tutti quei medici che si rifiutano in coscienza di praticarli.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. Isabel says:

    Abortion is not a human right. And the rights of the children????

  2. andrea says:

    Sono umanamente dei frustrati, non amati ed incapaci di amare altri che non il proprio ego. Per questo sono violenti, deboli con i forti e forti con i deboli. Pensino che sarebbe potuto toccare a loro essere abortiti … ma probabilmente non conoscono amore e bene, solo tornaconto. un feto, come un infante non vota.

  3. Filarete says:

    L’ONU va liquidata e i suoi vertici e funzionari vanno processati per genocidio.
    E intanto l’Italia potrebbe sfrattare la FAO da Roma e smettere di pagare la propria quota di adesione. Scommetto che anche qui dovremmo essere tra i primi pagatori: quanto a masochismo non ci facciamo mancare nulla.

  4. Filarete says:

    Condivido in pieno. L’aborto è un crimine odioso, immenso e dalle conseguenze catastrofiche. Un miliardo di esseri umani trucidati prima della nascita, 5 milioni solo in Italia in circa 30 anni. Una regione come il Lazio o la Campania scomparsa. La denatalità è un danno enorme soprattutto in termini di assistenza sociale perchè scompensa la distribuzione della popolazione ingrossando il numero degli anziani e diminuendo quello delle classi giovani.
    Quindi non solo abbiamo rubato ai nostri figli le pensioni, ma li abbiamo anche caricati con un numero sproporzionato di anziani da assistere. Ed inoltre abbiamo impoverito la società, perchè c’è una bella differenza tra una società a prevalenza di giovani produttori di reddito ed una a prevalenza di pensionati (poveri) consumatori.
    La sua pratica è mostruosa. Il feto (che sente e percepisce completamente la situazione di estremo pericolo) viene martoriato. Le anime belle democratiche e de-sinistra si lamentano perchè ci sono obiettori. Cosa dovrebbe fare un ragazzo neolaureato, che ha studiato 6 anni di facoltà + 4 o 5 di specializzazione pensando di guarire la gente, se si vede messo a fare il macellaio? Bruciare lì tutti i suoi ideali e la fede nell’umanità? Si difende facendo l’obiettore, che altro?
    L’aborto è un crimine e va punito duramente, soprattutto vivendo in una società senza bambini e che ha una domanda elevatissima di adozioni.

  5. nunzio says:

    Poveri bambini, togliere il diritto alla vita ad un essere umano, come si può???? VERGOGNA

  6. Enrico Falcinelli says:

    Si legge: “In un documento presentato all’ONU…” ; non è incredibile che si presentino documenti simili all’ONU e che nel suo interno stiano annidati elementi delle massonerie internazionali. Lo sono dappertutto, anche nella Chiesa e non da poco tempo. Piuttosto non credo che il documento, seppur presentato, sia approvato. Non condivido la strumentalizzazione in entrambe i sensi, perché questa fa parte dei piani imperialistici dei poteri, mentre condivido un’azione serrata con gli strumenti giusti il momento in cui tali provvedimenti vengano ufficialmente approvati con l’egida ONU. Non restino parole al vento e tenersi pronti ad aderire fermamente alle eventuali controproposte in modo serio e determinato.

  7. simssio says:

    elisa,
    non è questione di Religione ma di Ragione. Non siamo ipocriti , i bambini non arrivano dal cielo, ma sono già frutto di un atto precedente e quindi di una scelta. L’aborto è un cancellare le conseguenze di una scelta liberamente presa. Il caso dello stupro merita discussione a parte, ma anche lì le statistiche dicono verità ignorate dai più.

  8. cristiani says:

    la sclerosi progressista e galoppante dell’ONU ha confuso la realtà: la vera vittima della tortura è l’innocente che vive nel grembo della donna. Occorrono farmaci che lo ringiovaniscano dalla demenza senile!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download