Google+

L’Onu inserisce nell’elenco delle torture l’opposizione all’aborto

marzo 26, 2013 Redazione

In un documento sui diritti umani presentato all’Onu si legge che chi si oppone all’aborto «infligge una forma di tortura alla donna».

Chi si oppone all’aborto e si rifiuta di praticarlo «infligge una forma di tortura alla donna». È quanto si legge nel “Rapporto del relatore speciale sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti”, firmato dal commissario Juan E. Méndez, documento presentato durante la 22ma sessione del Consiglio dei diritti umani dell’Onu. Si legge: «Enti internazionali e regionali attivi nell’ambito dei diritti umani hanno cominciato a riconoscere che l’abuso e il maltrattamento di donne che cercano servizi di salute riproduttiva possono causare tremende e durevoli sofferenze fisiche e psicologiche».

RIFIUTARE L’ABORTO È TORTURA. Tra gli esempi c’è «il rifiuto dei servizi sanitari legalmente disponibili, come l’aborto e la cura post aborto». Come scrive il Foglio «un aborto negato è esplicitamente paragonato alla sterilizzazione e alla mutilazione genitale, citate giustamente nel rapporto come esempi di tortura. Al punto 47 si cita poi il caso di una donna polacca alla quale fu negato un test genetico sul feto dopo che un esame ecografico aveva evidenziato anormalità. Nel report dell’Onu si legge che, in casi come quello, “l’accesso alle informazioni sulla salute riproduttiva è fondamentale per la capacità di una donna di esercitare l’autonomia riproduttiva e i diritti alla salute e all’integrità fisica”. Negare le informazioni su un bambino “unfit”, indegno di vivere, è una violazione dei diritti umani».

VIETATO LIMITARE GLI ABORTI. L’Onu, dunque, punisce e cita come “tortura” non l’uccisione di un bambino nel grembo della madre ma tutte quelle leggi che limitano il ricorso all’aborto e magari, un domani, tutti quei medici che si rifiutano in coscienza di praticarli.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. Isabel scrive:

    Abortion is not a human right. And the rights of the children????

  2. andrea scrive:

    Sono umanamente dei frustrati, non amati ed incapaci di amare altri che non il proprio ego. Per questo sono violenti, deboli con i forti e forti con i deboli. Pensino che sarebbe potuto toccare a loro essere abortiti … ma probabilmente non conoscono amore e bene, solo tornaconto. un feto, come un infante non vota.

  3. Filarete scrive:

    L’ONU va liquidata e i suoi vertici e funzionari vanno processati per genocidio.
    E intanto l’Italia potrebbe sfrattare la FAO da Roma e smettere di pagare la propria quota di adesione. Scommetto che anche qui dovremmo essere tra i primi pagatori: quanto a masochismo non ci facciamo mancare nulla.

  4. Filarete scrive:

    Condivido in pieno. L’aborto è un crimine odioso, immenso e dalle conseguenze catastrofiche. Un miliardo di esseri umani trucidati prima della nascita, 5 milioni solo in Italia in circa 30 anni. Una regione come il Lazio o la Campania scomparsa. La denatalità è un danno enorme soprattutto in termini di assistenza sociale perchè scompensa la distribuzione della popolazione ingrossando il numero degli anziani e diminuendo quello delle classi giovani.
    Quindi non solo abbiamo rubato ai nostri figli le pensioni, ma li abbiamo anche caricati con un numero sproporzionato di anziani da assistere. Ed inoltre abbiamo impoverito la società, perchè c’è una bella differenza tra una società a prevalenza di giovani produttori di reddito ed una a prevalenza di pensionati (poveri) consumatori.
    La sua pratica è mostruosa. Il feto (che sente e percepisce completamente la situazione di estremo pericolo) viene martoriato. Le anime belle democratiche e de-sinistra si lamentano perchè ci sono obiettori. Cosa dovrebbe fare un ragazzo neolaureato, che ha studiato 6 anni di facoltà + 4 o 5 di specializzazione pensando di guarire la gente, se si vede messo a fare il macellaio? Bruciare lì tutti i suoi ideali e la fede nell’umanità? Si difende facendo l’obiettore, che altro?
    L’aborto è un crimine e va punito duramente, soprattutto vivendo in una società senza bambini e che ha una domanda elevatissima di adozioni.

  5. nunzio scrive:

    Poveri bambini, togliere il diritto alla vita ad un essere umano, come si può???? VERGOGNA

  6. Enrico Falcinelli scrive:

    Si legge: “In un documento presentato all’ONU…” ; non è incredibile che si presentino documenti simili all’ONU e che nel suo interno stiano annidati elementi delle massonerie internazionali. Lo sono dappertutto, anche nella Chiesa e non da poco tempo. Piuttosto non credo che il documento, seppur presentato, sia approvato. Non condivido la strumentalizzazione in entrambe i sensi, perché questa fa parte dei piani imperialistici dei poteri, mentre condivido un’azione serrata con gli strumenti giusti il momento in cui tali provvedimenti vengano ufficialmente approvati con l’egida ONU. Non restino parole al vento e tenersi pronti ad aderire fermamente alle eventuali controproposte in modo serio e determinato.

  7. simssio scrive:

    elisa,
    non è questione di Religione ma di Ragione. Non siamo ipocriti , i bambini non arrivano dal cielo, ma sono già frutto di un atto precedente e quindi di una scelta. L’aborto è un cancellare le conseguenze di una scelta liberamente presa. Il caso dello stupro merita discussione a parte, ma anche lì le statistiche dicono verità ignorate dai più.

  8. cristiani scrive:

    la sclerosi progressista e galoppante dell’ONU ha confuso la realtà: la vera vittima della tortura è l’innocente che vive nel grembo della donna. Occorrono farmaci che lo ringiovaniscano dalla demenza senile!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

Il marchio Seat ha la sportività incisa in modo indelebile nel proprio DNA. Un’inclinazione caratteriale impossibile da nascondere persino quando a Martorell hanno a che fare con una SUV. Ecco allora che la Ateca, la prima sport utility della storia della Casa spagnola, beneficia della versione FR (Formula Racing), sinora riservata alle “cugine” Ibiza e […]

L'articolo Seat Ateca FR: il SUV ha un’anima sportiva proviene da RED Live.

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana