Google+

Lo Jugendamt gli ha tolto i figli ma per la giustizia italiana i rapitori sono loro

novembre 12, 2012 Daniele Guarneri

Silvia Kalina, cittadina tedesca di origine russa, madre single di una ragazzina finita a sua volta nelle mani dello Jugendamt. Estradata in Italia, oggi si trova a San Vittore, in attesa del processo. Mentre un cancro la sta uccidendo.

Ceed (Conseil européen des enfants du divorce) si definisce un’associazione di genitori e nonni «vittime di rapimenti internazionali di bambini», più in particolare della giustizia familiare tedesca. In Italia si è iniziato a parlarne nel luglio scorso, quando le indagini sul caso di Marinella Colombo – Tempi ne ha parlato qui – hanno portato su richiesta della procura di Milano all’arresto di alcuni membri dell’associazione. Il Ceed è stato fondato dal francese Olivier Karrer, uno degli arrestati, a cui lo Jugendamt ha tolto il figlio di 4 anni. In questi anni ha denunciato gli abusi delle convenzioni europee operati dallo Jugendamt, l’ente statale tedesco che interviene nelle cause di divorzio tra genitori con figli minori, soprattutto se a separarsi sono coppie binazionali. Il Ceed, con petizioni e interrogazioni presentate al Parlamento europeo, accusa lo Jugendamt di anteporre le origini tedesche del bimbo al suo vero bene, facendo in modo che nessun minore lasci la Germania, che l’affido esclusivo non venga concesso al genitore straniero e ostacolando i suoi rapporti con il figlio.

Le indagini milanesi, coordinate dal procuratore aggiunto Pietro Forno, sono iniziate nel marzo 2011 quando la Colombo è stata arrestata con l’accusa di sottrazione di minori. Secondo l’accusa stava per scappare con i suoi figli, Leonardo e Nicolò, in Libano. La procura si è basata su intercettazioni le cui traduzioni sono state contestate dagli avvocati della difesa. Quanto a Karrer, è accusato di aver ricevuto denaro dalla Colombo per organizzare la fuga. La prova? La testimonianza di una cittadina tedesca, Nicole Kaendler, che afferma sotto giuramento di non conoscere Marinella ma di aver avuto da lei un messaggio nel quale le dice che avrebbe pagato Karrer. La donna non ha mai mostrato questo messaggio, ma poco importa: Karrer e altre 3 persone sono in carcere.

Stando all’ordinanza firmata dal gip Luigi Varanelli, il Ceed sarebbe un’associazione per delinquere «dotata di mezzi, denaro, appoggi logistici in diversi paesi europei ed extraeuropei, finalizzata a sottrarre, dietro compenso, una serie indeterminata di minori oggetto di contesa tra genitori tedeschi e genitori di diversa nazionalità». Il processo non è ancora iniziato ma ovviamente la stampa ha già emesso il suo verdetto: tutti criminali, non v’è altra soluzione che il carcere. Tra gli arrestati c’è anche Silvia Kalina, cittadina tedesca di origine russa, madre single di una ragazzina finita a sua volta nelle mani dello Jugendamt. Estradata in Italia, oggi si trova a San Vittore, in attesa del processo. Mentre un cancro la sta uccidendo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana