Google+

L’Italia avrà dodici droni Usa. «Un bene per i nostri soldati in Afghanistan»

maggio 29, 2012 Daniele Ciacci

Gli Stati Uniti hanno offerto dodici droni Reaper alle nostre forze di difesa. «Ora i nostri Predator sorvegliano, innocui, le strade afgane. È come avere una Ferrari e marciare con la prima». Intervista all’esperto Gaiani

«Il discorso è complesso. Noi siamo stati i primi a comprare i droni. Era il 2001, e in Italia sono arrivati i Predator. Solo più recentemente abbiamo acquistato i Reaper, che in inglese significa “mietitore”. Un nome, un programma». L’Italia si arma di dodici droni Reaper. A volerlo sono gli Stati Uniti che, dopo il Regno Unito, hanno voluto offrire al Belpaese una tecnologia indispensabile per la protezione delle proprie truppe in Afghanistan. Quali conseguenze avrà questa decisione? tempi.it ne discute con Gianandrea Gaiani, direttore di AnalisiDifesa e opinionista sui temi della Difesa e della Sicurezza per il Sole24Ore e Libero.

I droni teleguidati sono una novità per l’Italia?

Non proprio. La novità sta nel loro carico missilistico. I Reaper sono stati acquistati disarmati, come le regole internazionali prescrivono. Adesso, in Afghanistan, i nostri bombardieri non possono portare esplosivi, essendo una “missione di pace”. Sono ritardi burocratici consapevoli. Infatti già l’anno scorso la Difesa italiana ha chiesto di poter equipaggiare i droni con armamenti americani.

E adesso i Reaper sarranno armati?

L’iter è lungo, ma un articolo del Wall Street Journal dice che l’autorizzazione c’è. Sarebbe un bene, così l’Italia sfrutterebbe al massimo le potenzialità di questi strumenti. Attualmente, i nostri Predator sorvegliano, innocui, le strade afgane. In particolare, intercettano i terroristi che nascondono bombe sotto il manto stradale. I droni americani, accertata la presenza di cellule nemiche, sparano. Quelli italiani, invece, contattano la base, inviano elicotteri, ecc… Insomma, è come avere una Ferrari e marciare con la prima inserita.

Perché gli Stati Uniti hanno optato proprio per l’Italia?
Anzitutto, l’Italia è uno degli alleati Usa da sempre in prima linea, allineata con la difesa statunitense. È negli interessi di Barack Obama far combattere gli alleati fornendoli di armi, e defilarsi dagli scontri diretti. Così è stato in Libia, ad esempio. Per questo, il presidente arma i compagni più fedeli, e li rifornisce di munizioni, strumenti all’avanguardia, ecc. Di conseguenza, Obama ci guadagna economicamente. Nei prossimi decenni i paesi alleati si riforniranno soltanto dall’America.

Una sorta di monopolio…
Sì. È dispendioso installare armamenti europei su strutture americane. Conviene comprare direttamente le loro armi e montarle sui loro veicoli. L’intelligenza strategica statunitense vuole costruire un monopolio, così sarà necessaria l’autorizzazione della Casa Bianca per qualunque iniziativa militare. Altrimenti, niente rifornimenti. È una tattica astuta: Obama salva la faccia ma non perde l’autonomia strategica.

Il nostro esercito è in grado di gestire l’avanzamento tecnologico portato dai droni?
Il battesimo operativo dei Predator è stato nella guerra in Libia. Lì abbiamo imparato a usarli, ma disarmati. I droni sono relativamente poco sofisticati. La difficoltà sta nel sistema di controllo satellitare: il pilota è nella base con la consolle, e conduce con telecamere le operazioni in loco, anche a lunga distanza. Gli americani conducono missioni sullo Yemen con un pilota che ha base negli Stati Uniti. La parte sofisticata è quella lì. Per il resto, sono di facile impiego.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. francesco taddei says:

    così l’europa diventa in tutto dipendente dagli usa senza possibilità di autonomia, nè militare, nè strategica.

  2. Robert Benson says:

    I Predator, visto il nome, potrebbero essere impiegati nella caccia alle auto in sosta vietata….. battute a parte, il modo migliore di proteggere i nostri soldati sarebbe quello di portarli a casa una volta per tutte…. Cosa ci facciamo ancora in Afghanistan?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download