Google+

Libia, due cristiani derubati da un gruppo di musulmani e uccisi per aver rifiutato di convertirsi

ottobre 2, 2013 Leone Grotti

La storia è stata raccontata da una delle vittime, portata in ospedale ancora viva e morta solo in seguito per i colpi di arma da fuoco

Un gruppo di musulmani ha derubato due cristiani egiziani in Libia e li ha uccisi dopo che si sono rifiutati di convertirsi all’islam, riporta Morning Star News, sito che informa sulla situazione dei cristiani perseguitati nel mondo.

RIFIUTO DI CONVERTIRSI. Lo scorso 25 settembre Waleed Saad Shaker (25 anni) e Nash’at Shenouda Ishaq (27) sono stati circondati da un gruppo di musulmani mentre si trovavano su una strada del distretto di Derna, nel Nordest della Libia. Dopo averli derubati, gli islamici hanno imposto ai due copti di convertirsi. Quando questi si sono rifiutati, li hanno legati e colpiti con armi da fuoco.

SOCCORSI DA UN PASTORE. I due sono stati trovati e condotti all’ospedale poche ore dopo da un pastore che li ha trovati per strada. Shaker era già morto ma Ishaq era ancora vivo e ha raccontato quanto accaduto, come rivela un membro della sua famiglia. I due uomini sono stati trasportati in Egitto e riconsegnati alle rispettive famiglie. I funerali si sono svolti lo scorso 27 settembre nei villaggi di Al-Ismailia (Minya) e Dasment Safat Al Gabl (Beni Suef).

COPTI SOTTO ATTACCO. Non è la prima volta che cristiani egiziani copti vengono uccisi in Libia, dove molte località non sono in mano allo Stato ma a brigate islamiste. A marzo decine di copti sono stati arrestati a Bengasi, la roccaforte dei ribelli, accusati di proselitismo. Inoltre una chiesa è stata assaltata e incendiata a marzo e un’altra attaccata da uomini armati a febbraio.

PAESE INSTABILE. La situazione di profonda instabilità della Libia, che permette a banditi e brigate armate di scorrazzare liberamente per il paese, è confermata dalla notizia di pochi giorni fa secondo cui il Fezzan, nella parte sud-occidentale, si è proclamato autonomo dallo Stato centrale. I leader tribali hanno nominato Nouri Mohammad al-Qouizi presidente della provincia e hanno annunciato che a breve sceglieranno anche i vertici militari regionali, in modo da garantire la sicurezza dei confini e delle sue risorse naturali, cioè i giacimenti di petrolio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi