Google+

Libertà religiosa, Francia criticata dal rapporto Usa: «Laicità troppo aggressiva» verso i cristiani

maggio 3, 2013 Leone Grotti

Dopo Cina, Arabia Saudita, Iran e Pakistan gli Stati Uniti criticano esplicitamente Hollande sul divieto per i cristiani di indossare simboli religiosi al lavoro

Non era mai successo che nel consueto rapporto annuale sulla libertà religiosa nel mondo redatto dagli Stati Uniti venisse inserita l’Europa. Nel rapporto 2013, invece, insieme a Cina, Arabia Saudita, Iran, Pakistan e altri paesi noti per il mancato rispetto della libertà religiosa è spuntata la voce “Europa occidentale”, con sei pagine dedicate.

FRANCIA SOTTO ACCUSA. Il rapporto sottolinea soprattutto «la laicità troppo aggressiva» della Francia, «che non permette alle persone religiose di esprimere a pieno la propria fede». Il riferimento non è solo alla legge che vieta alle donne musulmane di portare in pubblico il velo integrale, ma anche alla situazione dei cristiani. Tra le «restrizioni» citate, infatti, c’è quella di esporre croci e altri simboli religiosi.

HOLLANDE E I CRISTIANI. Si legge nel rapporto: «Con la sua ferrea interpretazione della laicità, il governo francese non permette a nessun dipendente pubblico di indossare simboli religiosi o abiti religiosi al lavoro. Il presidente Francois Hollande e altri membri importanti del governo hanno pubblicamente espresso la volontà di estendere il divieto anche ad alcuni luoghi di lavoro privati» dove ci sia la presenza di bambini. Se la legge venisse estesa in questo senso, ad esempio, un asilo privato non potrebbe appendere alla parete il crocifisso.

CASI INGLESI. Il rapporto fa anche riferimento ai casi di Nadia Eweida – dipendente della British Airways, licenziata perché non voleva togliere la catenina con il crocifisso, non prevista dal “dress code” dell’azienda – e Shirley Chaplin, infermiera geriatrica del Royal Devon and Exeter Foundation NHS Trust, trasferita dietro una scrivania dopo 30 anni di lavoro tra i pazienti per lo stesso motivo. Le due donne, insieme ad altre due persone, avevano fatto ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo, che aveva dato ragione alla prima e torto alla seconda.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. jeanjan83 scrive:

    Molto interessante! E’ possibile avere il riferimento online del documento? Gracias!

  2. Corrado P scrive:

    Va bene tutto, però l’esercizio di citare gli americani per attaccare i francesi, è come usare Putin per criticare la Corea del Nord.

    • Nino scrive:

      Verissimo, abbiamo chiaro nella mente o no che l’ america è una roccaforte protestante evangelica e filoebraica? il grosso del male del mondo viene dall’ america.

      occhio!

      • Charlie scrive:

        Ma certo !

        Bisogna stare attenti agli USA.
        Specialmente quando dicono cose ovvie e lampanti.

        E non quando liberalizzano l’aborto e lo impongono a tutti.
        Perché lì invece è chiaro che sono per la giustizia e la libertà.

        E allora qui non avrebbe senso dire ” occhio ! “

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con 113 cavalli, peso di poco superiore ai 220 kg in ordine di marcia e motore bicilindrico Testastretta 11° da 937 cc si candida a protagonista tra le enduro stradali

Evoluzione in chiave moderna delle monovolume e wagon medie, le SUV a due ruote motrici sono un fenomeno in costante crescita. Apprezzate per comfort, abitabilità e design, non temono le insidie della giungla urbana. Ecco i migliori modelli.

Le evoluzioni ricevute dalla KTM 1290 Super Duke R 2017 vanno nella direzione di una maggiore sportività. The beast 2.0 vuole essere ancora più efficace ma non ha perso la sua versatilità. E se le metti un po’ di power parts…

Ecco qualche spunto per trascorrere questo fine settimana. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

La nuova protagonista del monomarca Ferrari adotta il medesimo V8 3.9 biturbo da 670 cv della 488 GTB, dalla quale deriva, adattato nell’erogazione. Ai rapporti ravvicinati del cambio si accompagna un’aerodinamica profondamente rivista in ottica racing.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana