Google+

Libertà religiosa, Francia criticata dal rapporto Usa: «Laicità troppo aggressiva» verso i cristiani

maggio 3, 2013 Leone Grotti

Dopo Cina, Arabia Saudita, Iran e Pakistan gli Stati Uniti criticano esplicitamente Hollande sul divieto per i cristiani di indossare simboli religiosi al lavoro

Non era mai successo che nel consueto rapporto annuale sulla libertà religiosa nel mondo redatto dagli Stati Uniti venisse inserita l’Europa. Nel rapporto 2013, invece, insieme a Cina, Arabia Saudita, Iran, Pakistan e altri paesi noti per il mancato rispetto della libertà religiosa è spuntata la voce “Europa occidentale”, con sei pagine dedicate.

FRANCIA SOTTO ACCUSA. Il rapporto sottolinea soprattutto «la laicità troppo aggressiva» della Francia, «che non permette alle persone religiose di esprimere a pieno la propria fede». Il riferimento non è solo alla legge che vieta alle donne musulmane di portare in pubblico il velo integrale, ma anche alla situazione dei cristiani. Tra le «restrizioni» citate, infatti, c’è quella di esporre croci e altri simboli religiosi.

HOLLANDE E I CRISTIANI. Si legge nel rapporto: «Con la sua ferrea interpretazione della laicità, il governo francese non permette a nessun dipendente pubblico di indossare simboli religiosi o abiti religiosi al lavoro. Il presidente Francois Hollande e altri membri importanti del governo hanno pubblicamente espresso la volontà di estendere il divieto anche ad alcuni luoghi di lavoro privati» dove ci sia la presenza di bambini. Se la legge venisse estesa in questo senso, ad esempio, un asilo privato non potrebbe appendere alla parete il crocifisso.

CASI INGLESI. Il rapporto fa anche riferimento ai casi di Nadia Eweida – dipendente della British Airways, licenziata perché non voleva togliere la catenina con il crocifisso, non prevista dal “dress code” dell’azienda – e Shirley Chaplin, infermiera geriatrica del Royal Devon and Exeter Foundation NHS Trust, trasferita dietro una scrivania dopo 30 anni di lavoro tra i pazienti per lo stesso motivo. Le due donne, insieme ad altre due persone, avevano fatto ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo, che aveva dato ragione alla prima e torto alla seconda.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. jeanjan83 scrive:

    Molto interessante! E’ possibile avere il riferimento online del documento? Gracias!

  2. Corrado P scrive:

    Va bene tutto, però l’esercizio di citare gli americani per attaccare i francesi, è come usare Putin per criticare la Corea del Nord.

    • Nino scrive:

      Verissimo, abbiamo chiaro nella mente o no che l’ america è una roccaforte protestante evangelica e filoebraica? il grosso del male del mondo viene dall’ america.

      occhio!

      • Charlie scrive:

        Ma certo !

        Bisogna stare attenti agli USA.
        Specialmente quando dicono cose ovvie e lampanti.

        E non quando liberalizzano l’aborto e lo impongono a tutti.
        Perché lì invece è chiaro che sono per la giustizia e la libertà.

        E allora qui non avrebbe senso dire ” occhio ! “

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Yamaha Tracer 700, si candida per il ruolo di protagonista nel segmento crossover di media cilindrata. Finiture e qualità sono degne del marchio che porta. Agile e leggera offre una guida molto divertente richiedendo poco impegno e non si tira indietro se si tratta di viaggiare. Le manca solo un monoammortizzatore più completo.

Disponibile in oltre 60 città italiane e 300 europee permette di gestire tutte le operazioni relative alla sosta, pagamento compreso.

Una rassegna espositiva racconta gli straordinari artigiani che nel ‘900 fecero della bicicletta un'opera d’arte, i grandi giornalisti che contribuirono alla nascita del giornalismo sportivo, i personaggi che lanciarono le due ruote e gli eroi del pedale che ne immortalarono il mito.

Il restyling della cinque porte bavarese porta in dote un aggiornamento della connettività e dei servizi d’infotainment sulla falsariga di quanto introdotto dalla nuova Serie 3. Gamma motori da 150 a 326 cv e consumi ridotti del 14% rispetto al passato.

Il prezzo d’attacco è prossimo a 10.000 euro, ma non per questo sono una scelta povera. Ecco una guida alle utilitarie più economiche, performanti e meglio accessoriate.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana