Google+

Le cinque prove della (non) esistenza degli atei

gennaio 22, 2014 Antonio Gurrado

Saranno atei quanto vogliono, saranno agnostici e anche uniti ma di sicuro non sono razionalisti, perché ragionando ragionando, alla fine, si incartano sulla logica

Di Antonio Gurrado L’insurrezione degli atei: aspettavo da tempo questa notizia e finalmente eccola qua. Leggo sul Venerdì di Repubblica (una miniera di postmodernità) che «sposarsi in chiesa per gli atei comporta parecchi inconvenienti» in quanto «può essere considerato una simulazione totale, bastevole per ciò stesso a rendere nullo il matrimonio sin dall’origine». Non solo di fronte alla Sacra Rota, spiega l’estensore del trafiletto ingiustamente sottovalutato, ma anche davanti alla Corte di Cassazione, che una ne pensa e cento ne fa.

È subito esplosa la protesta dell’Unione degli Atei Agnostici Razionalisti, questo residuato bellico del tardo Seicento che si scaglia contro la divisione «tra cittadini di prima e di infima categoria»: i primi sarebbero i cattolici e gli infimi gli atei agnostici razionalisti uniti, per i quali «non credere al matrimonio come istituto sacrale non significa negarne gli effetti civili».

Saranno atei quanto vogliono, saranno agnostici e anche uniti ma di sicuro non sono razionalisti, perché ragionando ragionando ecco quel che di fatto chiedono:

  1. che chi non crede in Dio possa sposarsi in parrocchia;
  2. che il rifiuto della religione non pregiudichi la possibilità di voler contrarre matrimonio religioso;
  3. che cessi in Italia la persecuzione degli spinozisti;
  4. che un sacramento contratto da un ateo valga per la Cassazione che non è la Sacra Rota;
  5. che il diritto riconosca a tutti gli effetti la validità della promessa fatta da un ateo davanti a Dio.

Aspettavo questo momento perché non c’è miglior prova che, gratta gratta, Dio esiste e gli atei no.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

14 Commenti

  1. riequilibrio scrive:

    Spett. Gurrado, le garantisco che gli atei esistono eccome.
    Semplicemente, non sono iscritti all’UAAR.

    Comunque, divertente paradosso.

  2. VivalItalia scrive:

    GURRADO SEI FORTE!
    ma nun ce posso crede a sta richiesta dell’uaar.. a forza de non credee a niente see saran confusi..??

    Cheddici Riequilibbrista? Nun te rappresentano?
    Tho va neanche a mme!

    • riequilibrio scrive:

      no, nun me rappresentano proprio.
      L’unica volta che sono andato a un loro incontro pubblico nella mia città, hanno proiettato un documentario in cui, fra gli altri, parlavano – con ampio spazio – due preti.
      credece, vivalitalia, too dico io.

      è come andare a una riunione dell’avis e sentire anche l’opinione di dracula.

      pertanto, no UAAR, grazie.

  3. Castaldi scrive:

    Avete travisato completamente.

    http://www.uaar.it/news/2014/01/02/cassazione-sacra-rota-matrimonio-concordatario-nullo-atei/

    Ognuno fa i comodi suoi con le informazioni e nessuno che, letto un articolo, si informi veramente anche solo guardando a una seconda fonte o a una terza.

  4. Daniel scrive:

    mamma se è fazioso questo articolo, sembra di leggere di Vespa che parla di Berlusconi…

  5. simon scrive:

    Io sono ateo e non voglio esser associato alla chiesa romana, la culla del diavolo, per nessun motivo al mondo, né da vivo né da morto. Esisto?

  6. Jacopo scrive:

    La luce di Dio acceca il Sig. Gurrado al punto che neanche capisce ciò che legge: l’articolo dell’UAAR metteva in guardia gli atei che si sono sposati in chiesa (massì… sono più carine degli uffici comunali, e massì… magari il partner è credente, perché dargli un dispiacere…) dalle conseguenze inaspettate in cui possono incappare. Tutto qui. Poi voi leggeteci pure quello che volete. Liberi di credere a residuati bellici da impero romano e a unicorni rosa. A ciascuno il suo.

  7. Walter scrive:

    per puro caso sei di CL caro Antonio??? No non rispondermi… voglio rimanere nel più atroce dei dubbi….. 😉

  8. Carlos scrive:

    La tua dimostrazione e’ manchevole sotto tanti aspetti.
    Devo dire che per coerenza un non credente (non necessariamente ateo, visto che l’ateismo e’ professione di fede quanto il credere in una o piu’ divinita’) non ha normalmente motivo di sposarsi religiosamente.
    Certo puo’ esserci il caso che uno dei due coniugi sia credente e desideri il matrimonio religioso, e l’altro lo/a accontenti visto che in questo paese il matrimonio religioso ha valore ANCHE ai fini civili (cosa che io di suo trovo sbagliata ma non ho deciso io queste norme assurde).
    Pero’ la coerenza, per l’appunto, non alberga nelle menti di persone che credono (quindi che si fidano ciecamente di una loro idea senza alcuna prova a supporto ne logica), atei o religiosi che essi siano.
    Diverso forse e’ per chi pensa, al posto di credere, come ad esempio gli agnostici, che affermano un qualcosa del tipo:
    “Io non so ne posso sapere se esista(no) una (o piu’) divinita’, non che la cosa mi cambi la vita, per cui vivo tranquillamente la mia.”

  9. raffaele scrive:

    Questo articolo è tristemente arrogante e gratuito.
    1) se un ateo si sposa IN ITALIA il suo matrimonio civile deve essere riconosciuto, ovunque venga celebrato, la chiesa è ospite dello stato, non lo stato ospite della chiesa;
    2) il rifiuto della religione non deve essere ragione di non riconoscimento civile del matrimonio
    3) fuffa alla quale non vale la pena di rispondere;
    4) il matrimonio non è un sacramento in italia, lo è per la chiesa ma non per la legge;
    5) la legge deve riconoscere la parola dell’uomo di fronte alle istituzioni, la chiesa è un accessorio e non ha alcuna autorità.
    Vi rode così tanto che qualcuno (molti per la verità) non creda?

  10. Stefano Callegari scrive:

    Gentile Gurrado, sono ateo, iscritto all’UAAR e a differenza di lei posso parlare per esperienza personale. Cercherò di spiegare punto per punto le inesattezze che portano la sua firma:
    “che chi non crede in Dio possa sposarsi in parrocchia;”
    Non è vero. Io ho contratto matrimonio da ateo, non partecipando al sacramento perchè mia moglie era cattolica e voleva far bendire la nostra unione secondo la religione da lei praticata. Il matrimonio religioso era stato preceduto dal giuramento il comune, dando forza civile secondo le leggi dello Stato Italiano al matrimonio.
    “che il rifiuto della religione non pregiudichi la possibilità di voler contrarre matrimonio religioso;”
    Per le ragioni di cui sopra: io ho partecipato alla cerimonia, non certo al sacramento…
    “che cessi in Italia la persecuzione degli spinozisti;”
    No, non solo… direi che come associazione cerchiamo di ottenere che nessuno sia discriminato per le proprie idee e che nessuna ideologia invada la sfera privata di ogni cittadino;
    “che un sacramento contratto da un ateo valga per la Cassazione che non è la Sacra Rota;”
    Qui, sinceramente, è andato fuori di testa! E’ divertente scoprire che un cattolico considera i sacramenti “contratti”… è esattamente il contrario! Se è un contratto deve essere valutato secondo le leggi dello stato italiano e non secondo la dottrina religiosa. Non una parola sul buon cattolico che si fa annullare il matrimonio dalla Sacra Rota evitando di pagare le conseguenze economiche previste in questi casi dal divorzio.
    che il diritto riconosca a tutti gli effetti la validità della promessa fatta da un ateo davanti a Dio.
    Ancora! Qui è evidente la disparità: il cattolico vede riconosciuto il diritto di vedersi riconoscere dallo Stato Italiano il matrimonio contratto, ma poi grazie all’ingerenza di un tribunale estero, evita di rispettare tale contratto in Italia… se non è discriminazione questa, caro Gurrado…

    Aspettavo questo momento perché non c’è miglior prova che, gratta gratta, Dio esiste e gli atei no. E questa è davvero una perla. Gli atei esistono e stanno scrivendo commenti sul suo articolo.. Non ho ancora visto un post di Dio. Ecco: questa è la prova definitiva! Gli atei scrivono ed esistono. Dio non scrive, Dio non esiste

  11. Curioso scrive:

    Non ho capito. L’articolo citato parla di una donna dichiaratamente, palesemente e pubblicamente atea che ha sposato un uomo cattolico in chiesa e spiega perché questa scelta è stata una fregatura per la donna. Ho capito bene fin qua? Un prete cattolico ha benedetto una menzogna davanti al suo dio. Un consiglio di manager dell’azienda per cui lavora il prete decide che il prete ha sbagliato e la benedizione è nulla. E fin qui mi pare normale amministrazione per una massa di tizi che crede in gente che ha le ali sulla schiena, cammina sulle acque e fa altri giochini da circo. Lo stato italiano, essendo un circo, dà retta ad un tribunale cattolico e fin qui ancora niente di strano. Ma dove sta scritto che gli atei chiedono il matrimonio in chiesa? Mi pare chiaro che il messaggio sia, più che altro, state lontano dalla chiesa, perché ti tolgono anche i tuoi diritti civili.

    PS
    Ho evitato determinate maiuscole perché offensive delle regole della lingua che parlo e scrivo.

  12. Andrea Lavino scrive:

    Ovvio che chi crede a creature superiori e vergini partorienti non sappia neanche capire il senso di quello che legge.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana