Google+

«Laudato si’… mi’ Signore». Lettura originale e controcorrente dell’enciclica

giugno 19, 2015 Redazione

Non bisogna confondere gli effetti (degrado ambientale), con le cause (crollo demografico). Ne parla Ettore Gotti Tedeschi in un articolo e in un’intervista

I giornali sono stracolmi di letture banalmente “ambientaliste” dell’enciclica papale. Occorre fare uno sforzo di comprensione maggiore, onde evitare di ridurre il testo papale a un comunicato del Wwf. Intervistato oggi da Repubblica, l’ex presidente dello Ior e attuale capo del Banco Santander in Italia, Ettore Gotti Tedeschi, parla dell’enciclica Laudato si’ di papa Francesco. Gotti Tedeschi chiarisce che, rispetto alle polemiche di chi ha attaccato o lodato l’enciclica, egli si schiera con chi «aggiunge: Laudato si’… mi’ Signore. Cioè con ciò che papa Francesco spiega in un’enciclica molto complessa. Questa Enciclica è magistero della Chiesa. Perciò il Papa offre molti riferimenti in continuità con i predecessori».

CAUSE ED EFFETTI. La lettura di Gotti Tedeschi è originale rispetto alle tante che si leggono in questi giorni. Egli, infatti, più che partire agli effetti (i problemi ambientali), tende a sottolineare le cause che hanno portato a ciò. Polemizzando con le tesi di Jeffrey Sachs, dice: «Son più di trent’anni che studio gli effetti del crollo delle nascite e le conseguenze sulla trasformazione dell’economia. Leggere che gli effetti vengono trasformati in cause mi ha lasciato perplesso. La crisi ambientale, e la povertà conseguente alla crisi economica, sono dovute agli effetti delle dottrine neomalthusiane (incremento demografico uguale più povertà, auspicando il controllo delle nascite, ndr). Se si vogliono risolvere le cause – aggiunge – è errato operare sugli effetti, no?».

DEGRADO ETICO. Sempre Gotti Tedeschi, oggi, in un interessante e lungo articolo sul Foglio, spiega quel che nell’intervista a Repubblica è accennato in battute. Nel suo articolo, egli innanzitutto cerca di sintetizzare lo spirito dell’Enciclica facendo notare che «il degrado ambientale è conseguenza del degrado etico dell’uomo, causato dal peccato che rompe il rapporto scienza-religione». L’uomo «materialista», che oggi ha perso il senso di Dio, e quindi delle cose, è portato a sentirsi padrone di tutto e dunque a usare tutto male, senza rispetto. «A questo uomo, tecnologicamente avanzato, ma impreparato e immaturo –  scrive Gotti Tedeschi -, è sfuggito di mano anche lo stesso potere tecnologico, arrivando a usarlo in modo irresponsabile».

IL CUORE E LA CHIESA. Il degrado del creato, insomma, è conseguenza di questa presunzione e di questo uso scorretto di ciò che ci circonda, che non riconosce nell’ambiente lo status di “creato”, ma solo di luogo a disposizione per i propri comodi. Per questo, «per risolvere il problema del degrado ambientale, va cambiato il cuore dell’uomo e il suo comportamento, non tanto gli strumenti tecnologici. L’uomo va portato a rispettare la creazione, e il primo passo è cominciare a rispettare la natura umana». Qui sta il compito della Chiesa che deve insegnare «a praticare le virtù secondo la spiritualità cristiana, con la preghiera, i sacramenti, e naturalmente con i suo Magistero (quale è questa enciclica)».

GNOSI E AMBIENTALISMO. E qui, il banchiere, torna a spiegare che l’inquinamento ambientale è un effetto della società consumistica che è, a sua volta, un effetto «di politiche economiche mirate a compensare la dinamica negativa della crescita del prodotto interno lordo dovuta al crollo del tasso di natalità nel cosiddetto mondo occidentale». La costante richiesta di aumento di potere d’acquisto ha comportato la necessità di delocalizazione in aree a basso costo con la conseguente «rapida industrializzazzione in paesi impreparati e ancora insensibili alla protezione dell’ambiente» (il ragionamento non fa una grinza, se si pensa alla Cina). Come si interrompe questa spirale? Innanzitutto, pare suggerire Gotti Tedeschi, rimettendo le cose in ordine e confutando «il pensiero della gnosi, convinto di poter rifare la creazione (imperfetta) e ricostruire l’uomo, altrettanto imperfetto. I suoi seguaci vorrebbero l’ambientalismo quale religione universale nel mondo globale verso cui indirizzare tutte le altre spiritualità al fine di ridimensionare il valore unico di dignità dell’uomo creatura di Dio».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. yoyo says:

    Piacere che Gotti Tedeschi si sia ricreduto sull enciclica, visto che nel pre ha dato la stura a molti allarmismi.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi