Google+

Lasciare morire le scuole paritarie significa aumentare “l’onere per lo Stato”

dicembre 19, 2013 Umberto Fasol

Lettera di un preside di un istituto veronese. «La scuola paritaria risulta sussidiaria a quella statale, che non riesce a coprire tutto il fabbisogno del territorio»

In questo grave periodo di crisi economica che l’Italia sta attraversando, la Scuola pubblica sta pagando un pesante tributo in termini di difficoltà a reperire dallo Stato i finanziamenti necessari per il buon funzionamento di tutte le sue strutture, dalle aule alle palestre, dai laboratori alle lavagne interattive, dal personale tecnico a quello di sostegno, ecc…

L’educazione delle nuove generazioni è un’attività prioritaria per ogni democrazia moderna.

La scuola paritaria contribuisce non poco, anche in questo frangente, a realizzare questa priorità.

Nel Veneto, per esempio, sette bambini su dieci frequentano una scuola dell’infanzia paritaria che in ben 298 dei 581 Comuni è l’unica struttura educativa presente (dati pubblicati sul sito del Ministero dell’Istruzione, Regione Veneto).

Questo non accade quindi solo per la libera scelta delle loro famiglie; accade soprattutto perché di fatto l’offerta del sistema d’istruzione, statale o comunale, non è in grado di sopperire al fabbisogno delle richieste delle famiglie venete.

Una situazione analoga si ripete in diverse Regioni d’Italia, pur ammettendo che il Veneto rappresenti un record in questo ambito.

Ora è vero che per quanto concerne la scuola del primo ciclo, primaria e secondaria di primo grado e la scuola del secondo ciclo, liceale, tecnica e professionale, i dati non sono sicuramente assimilabili a questi, però è altrettanto vero che spesso, soprattutto localmente, la scuola paritaria risulta sussidiaria a quella statale, che non riesce a coprire tutto il fabbisogno del territorio.

Penso a Verona, dove scuole come il Don Bosco, primaria, media, liceo, tecnico e professionale, con più sedi, come il Don Mazza, secondaria di primo grado e licei, le Stimate, primaria, media e licei, il Centro Servizi Formativi Stimatino, le Seghetti, primaria, media, licei e tecnici, il Mondin, media e licei, Gavia e Braida, primaria e media, le Campostrini, primaria, medie e licei, le Canossiane, professionale, le Aportiane, l’Istituto Lonardi, la Sacra Famiglia, le Piccole Figlie di S.Giuseppe, l’Istituto S.Carlo, l’Istituto Buonarroti, l’Aleardi, ecc… (mi scuso in anticipo per le imprecisioni formali e per le omissioni di questo elenco), di fatto accolgono e formano diverse migliaia di ragazzi che non troverebbero sistemazione nelle equivalenti Scuole Statali con iscrizioni già al completo in edifici saturi.

In questo contesto credo sia necessario mettere da parte ogni discorso di carattere ideologico o anche semplicemente partitico, per far posto piuttosto a quella logica di tipo “inclusivo” che tanto viene sbandierata oggi in tutti i documenti ufficiali che riguardano la Scuola e la vita sociale in generale.

Includere realmente le scuole paritarie nel Sistema nazionale d’Istruzione, come di fatto già ammette la famosa legge 62 del 2000, significa due cose importantissime per tutti. La prima, valorizzare il tesoro di esperienza educativa consolidato nei secoli (si può dire così almeno per qualcuno di noi) in queste Scuole; la seconda, consentire allo Stato di contenere la spesa pubblica che sarebbe necessaria per reperire o addirittura costruire nuovi edifici, aule, laboratori e palestre e per stipendiare nuovo personale docente e amministrativo, nel caso in cui le scuole paritarie fossero costrette a chiudere.

Nel nome di quel famoso comma della Costituzione, il “senza oneri per lo Stato” (male interpretato come attestato dai verbali delle sessioni dei padri costituenti), si vuole oggi lasciar morire le scuole paritarie che non trovano più genitori disposti a pagare la retta richiesta, aumentando però così e contestualmente “l’onere dello Stato” costretto a nuove e ingenti spese.

La retta, ricordo, è l’importo che la Scuola paritaria chiede ai genitori per poter mantenersi e cioè per far fronte alle spese di gestione dell’edificio e agli stipendi del personale dal momento che i contributi statali in questo senso sono insufficienti per quanto riguarda il segmento dell’infanzia e praticamente trascurabili per quanto concerne la scuola primaria e secondaria.

E’ paradossale forse, ma senza le scuole paritarie è chiaro che aumentano gli oneri per lo Stato.

Insomma, basterebbe che lo Stato dirottasse sulle nostre scuole paritarie anche solo una parte delle risorse che altrimenti dovrebbe scucire per queste migliaia di studenti veronesi e se ne otterrebbe un vantaggio, credo per tutti.

Per lo Stato, prima di tutto, per le famiglie, che manterrebbero un minimo di possibilità di scelta e infine per i lavoratori delle Scuole paritarie (sono centinaia solo a Verona), che meritano di essere tutelati almeno come le altre categorie, quelle che scendono in piazza anche in questi giorni.

Ricordo infine che le scuole paritarie risultano tali solo dopo aver superato un “esame” da parte degli organi preposti dallo Stato che devono riconoscere la loro affidabilità sia da un punto di vista amministrativo che culturale.

Le accuse secondo le quali le scuole paritarie non insegnano alcune teorie scientifiche, come l’evoluzionismo, o non concedono l’ora alternativa a quella di Religione cattolica sono pretestuose: gli insegnanti sono abilitati a seguito di esame fatto dallo Stato e i libri di testo sono quelli che circolano in tutte le Scuole d’Italia, mentre il progetto educativo d’Istituto, che è pubblico, prevede l’ora di Religione evidentemente in coerenza con la sua mission.

Se nelle scuole cattoliche, o meglio in alcune di esse, vi sia qualche insegnante coraggioso e abilitato che cerca di evidenziare il bene che ha fatto il cristianesimo nel corso della Storia nella crescita della libertà, nell’arte figurativa, nella letteratura, nella musica, nella scienza, nella pedagogia, nell’agricoltura, nell’economia, nella politica, ecc… o ancora qualcuno che cerchi di sviluppare lo spirito critico nei confronti di ogni visione della realtà, compresa quella offerta dalle teorie scientifiche, che sono per definizione in continua evoluzione, credo che non faccia altro che il suo dovere, che è quello di insegnare e di formare.

Umberto Fasol
Preside Istituto “Alle Stimate” di Verona

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    tossani sai che esistono anche quelli che non se le possono permettere, neanche con i voucher?

    • caro Taddei, sto dicendo che sono vent’anni, ma forse anche quaranta, che ci lamentiamo sempre delle medesime cose… epperò non facciamo mai nulla di diverso da quello che abbiamo sempre fatto… tipo, non voler considerare che liberalismo e sussidiarietà, piuttosto che post-socialismo e sussidiarietà, non possono andare d’accordo. anzi, si respingono a vicenda. Ti pare plausibile che le cose possano cambiare, se non si comincia a uscire da quella scacchiera?…

    • caro Taddei, sto dicendo che sono vent’anni, ma forse anche quaranta, che ci lamentiamo sempre delle medesime cose… epperò non facciamo mai nulla di diverso da quello che abbiamo sempre fatto… tipo, non voler considerare che liberalismo e sussidiarietà, piuttosto che post-socialismo e sussidiarietà, non possono andare d’accordo. anzi, si respingono a vicenda. Ti pare plausibile che le cose possano cambiare, se non si comincia a uscire da quella scacchiera?…

      • francesco taddei scrive:

        dalla scacchiera delle scuole a pagamento rimangono fuori quelli che oltre ai voucher non hanno in tasca la differenza per il pagamento. e a lupi,formigoni,bagnasco non gli frega.

        • guarda che, col buono-scuola, non ci sarebbe nessuna differenza da pagare, il bello è che anzi i soldi avanzerebbero… la Fondazione Agnelli, in un suo studio, ha appurato che la scuola pubblica non statale costa mediamente un 25% in meno di quella statale… ma. come dicevo, lo Stato questo risparmio – per ovvi motivi – non lo vuole proprio fare.

          Comunque, dicevo, va bene, andiamo pure avanti così, verso il baratro… dài, ci vediamo sul fondo…

          • francesco taddei scrive:

            esistono famiglie che anche con il buono scuola non possono pagarsi il resto della retta. tu questa la chiami libertà?

            • no, certo!… nel più ci sta anche il meno… è inteso che, se vi sono tali famiglie, vanno sostenute… d’altronde, come dicevo, costando la scuola pubblica non statale un quarto in meno di quella statale, si andrebbe a migliorare in tutto.

              comunque, al momento si sta ragionando di un caso teorico, visto che il buono-scuola nessun partito lo propone, e noi cattolici siamo ancora largamente dormienti. Lo Stato oligarchico, in teoria, potrebbe dormire sonni tranquilli.

              In pratica no, perché qui, alla faccia delle boutades di Letta, Saccomanni & vari altri fantasisti, basta guardarsi attorno, e si vede che non ci sarà nessuna ripresa, ma piuttosto lo schianto finale. Qui a Firenze, mi dice gente che lavora nel commercio e nell’artigianato, che si sta fermando tutto.

    • Antonio scrive:

      quindi?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana