Google+

La laicità della scuola non implica l’indifferentismo religioso. Un esempio

marzo 14, 2016 Sergio Fenizia

Due classi nella stessa scuola. Nella prima, il rispetto della libertà religiosa consente un clima di tolleranza. Nella seconda, una laicità imposta crea dissapori

scuola-cattolica-shutterstock_529646

Oggi sul Corriere della Sera è stata pubblicata una lettera che ha catturato la nostra attenzione. Fa riferimento al caso della scuola di Bologna di cui vi abbiamo già parlato. La riproduciamo qui di seguito.

L’articolo «Don Matteo e i Prodi divisi. “Rinuncio all’acqua santa”» di Claudia Voltattorni (Corriere, 10 marzo) tocca un tema che nell’I.C. statale in cui insegno è molto sentito: l’esercizio della libertà religiosa e di manifestazione del pensiero di alunni e insegnanti. Semplificando la questione, porto il caso di due classi parallele in cui si sono dati atteggiamenti opposti, sebbene entrambe abbiano una composizione simile: maggioranza di genitori di religione cristiana (non solo cattolica), arricchita da qualche genitore islamico e qualcuno non credente.

Nel primo caso, tra le famiglie e la scuola si è creata una sintonia di fondo che favorisce un clima sereno in cui ciascuno (insegnanti e alunni) esprime liberamente il proprio pensiero o i propri sentimenti anche religiosi, in occasione di eventi pubblici o esperienze personali, nel rispetto reciproco.

Nel secondo, invece, un paio di famiglie ha chiesto con insistenza che, a parte quello di religione, ogni insegnante si astenesse in assoluto dal manifestare in classe il proprio pensiero o sentimenti religiosi «per evitare discriminazioni e garantire la laicità della scuola». La richiesta, in sé legittima, ha però incrinato la serenità generale dei rapporti scuola-famiglia. Gli insegnanti infatti non riscontravano alcuna discriminazione in atto, e alcuni di loro percepivano la richiesta come lesiva della loro libertà d’insegnamento e di manifestazione del pensiero. Anche tra le famiglie si è creato un lieve dissapore perché alcune invece preferivano un’apertura interdisciplinare a temi religiosi o valoriali. Al momento, per evitare «guerre di religione», vista la determinazione di quelle due famiglie, si è deciso che la maggioranza si adeguasse alla minoranza.

La recente sentenza del Consiglio di Stato, però, costituisce un nuovo elemento per riflettere sul fatto che la laicità della scuola non implica l’indifferentismo religioso, neanche se vestito da chimerico neutralismo.

Sergio Fenizia

Foto da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

27 Commenti

  1. Giannino Stoppani scrive:

    Che cervelli acquatici…

  2. Carlo Minniti scrive:

    E quindi se non si dovesse seguire l’indifferentismo religioso, cosa si dovrebbe fare? Cosa consigliate?

    Abolire l’IRC a favore di un’ora sulle religioni nel mondo?

    • filippo81 scrive:

      Non vedo perche la maggioranza degli alunni provenienti da famiglie Cattoliche debba piegarsi alla volontà di poche famiglie che auspicano l’indifferentismo religioso.E’ solo propaganda anticattolica, se a certi genitori non sta bene un certo clima ,portassero i propri figli in un’altro Istituto.

      • Luca scrive:

        Non vedo perchè la maggioranza degli alunni provenienti da famiglie bianche debba piegarsi alla volontà di poche famiglie nere che auspicano l’indifferentismo razziale. E’ solo propaganda anti-ariana, se a certi genitori non sta bene un certo clima, portassero i propri figli in un altro istituto.

        • Samuele scrive:

          Bravo Luca!!!! Ma secondo me filippo81 non la capisce!!!!

          • Giannino Stoppani scrive:

            Bravo davvero, e soprattutto hai scelto l’esempio giusto.
            Infatti invece di intendere la laicità in senso proprio, ovvero inclusivo e rispettoso di tutti, la intendi in senso esclusivo, ovvero pretendi di tagliar la religione dal discorso educativo, proprio come una volta i negri venivano tenuti fuori dai bar.
            Geniale.
            Meno male che ci sei tu a darti ragione.

            • Luca scrive:

              Giannino, la “laicità inclusiva” sarebbe una bellissima cosa, se fosse fattibile.
              Ma tu hai una vaga idea di quante confessioni religiose esistano?
              Che facciamo, tappezziamo le pareti di simboli e dedichiamo 24 ore settimanali all’approfondimento di qualsiasi culto ne faccia richiesta?

              • Giannino Stoppani scrive:

                La laicità inclusiva è mille volte più “fattibile” dell’utopia infame dell’ateismo di stato.
                Tanto più che pure l’ateismo è un’ideologia, e quindi…

          • Filippo81 scrive:

            Luca alias Samuele ,spari cazzate e poi ti elogi da solo,ma vedi d’annaff……..ah ah ah

            • Samuele scrive:

              Filippuccio….piccolino mio…..togliti fez e camicia nera….e ti scoprirai inerme e fessacchiotto come sei in realtà! Luca ti ha dato una badilata sul naso che ti dovrebbe bastare per qualche giorno. Buona epistassi…..fascistello de’ noartri….

              • Filippo81 scrive:

                samuele-luca , stai ancora qui a sparare ca..ate…..ti avevo detto di andare affanc… ah ah ah . La badilata te la sei data da solo in testa quando eri piccolo,,comunque,ecco perche non ragioni,inutile creatura mitologica…..Fez e camicia nera si possono anche togliere , la tua camicia di forza invece te la porterai finche campi !PRRRRRRRRRRRRRRRRRR !

                • Samuele scrive:

                  Bravo, 7 +. Adesso però a nanna Filippuccio, carosello è finito e domani si va scuola. Un tenero buffetto sulle tue guanciotte da piccolo impertinente….

                  • Filippo81 scrive:

                    samueleluca mo fa il tenero,,,,,,,COMMOVENTE ! ah ah ah Suerte , amigo !

                    • Samuele scrive:

                      Ancora sveglio Filippuccio??? Subito a nanna….altrimenti toc toc sulle manine….
                      Ma quanto fai pena, pirletto cattofascista….

                    • Filippo81 scrive:

                      Samue’, meglio pirletto cattofascista che imbecille totale come te…. ah ah ah

    • Giannino Stoppani scrive:

      “E quindi se non si dovesse seguire l’indifferentismo religioso, cosa si dovrebbe fare? Cosa consigliate?
      Abolire l’IRC a favore di un’ora sulle religioni nel mondo?”
      E invece insegnare la religione cattolica ai cattolici, quella islamica agli islamici e quella ebraica agli ebrei non te gusta?

      • Carlo Minniti scrive:

        Ma nelle scuole non è questo che viene fatto: esiste solo lIRC.

        Inoltre ognuno rimane chiuso nella propria religione, la scuola è l’unico ambito in cui i ragazzi possono conoscere altre realtà oltre a quella imposta dalle famiglie.
        Il compito più importante della scuola è proprio dare la più ampia visione possibile e non confessionale.

        Perche gli insegnamenti religiosi devono essere riproposti anche nelle scuole dove non c’è alternativa per evitare la religione?

        • underwater scrive:

          “Imposta” dice tutta la tua idea sulla educazione familiare. Sei uno di quelli che, come a Sparta, propone la totale estraneità tra figli e genitori dopo il sesto anno di vita?

        • Giannino Stoppani scrive:

          Nelle scuole esiste solo l’insegnamento della religione cattolica perché la stragrande maggioranza degli alunni sono cattolici e la con la Chiesa Cattolica lo Stato ha fatto un concordato.
          Nulla impedisce alle altre religioni di fare altrettanto.

          • Carlo Minniti scrive:

            La religione, cosi come la politica, è un’ideologia.

            Il battesimo e i sacramenti sono imposti dalle famiglie cristiane perchè, fino a prova contraria, non sono liberamente scelti e questo non rientra certo nella definizione di “educazione”.
            E’ una violazione della libertà religiosa dell’individuo e presto anche l’UE dovrà esprimersi su questo.

            Siete come quelli che nel’lislam e nell’ebraismo impongono ai bambini i vari rituali, evidentemente perchè le vostre sono religioni troppo deboli per essere approcciate liberamente.

            Rispettare la liberta religiosa dell’individuo non significa essere stranei con i figli,
            per non essere estranei bisogna costringerli ad assumere i sacramenti (essendo nulli poichè non siano consapevoli di quello che fanno, ma questo a voi non importa)?

            xGiannino Stoppani:

            Falso: la stragrande maggioranza degli alunni sono agnostici, atei, musulmani, di altre religioni o semplicemente indifferenti alla religione,
            sono battezzati senza libera scelta, non esiste una formazione religiosa libera, spesso non esiste e non viene applicata l’ora alternativa
            ed inoltre il concordato vale solo per il cattolicesimo, si chiama IRC (insegnamento religione CATTOLICA, non religione e basta) pertanto le altre religioni NON possono farlo, è un privilegio e un monopolio culturale della sola chiesa cattolica.

            E lo sapete benissimo, Stoppani non fare l’ingenuo…. altrimenti, per amore di giustizia e verità (che a voi non interessano minimamente), chiedete al papa che la chiesa rinunci all’IRC!!

            E’ questo il contesto con cui si mentiene il cristianesimo.

            • Giannino Stoppani scrive:

              “La religione, cosi come la politica, è un’ideologia”

              In ogni caso ti ringrazio a nome di tutti di questo incipit perché da solo consente, anche al lettore più ingenuo, di ignorare tutto il resto del delirio senza scrupoli di coscienza.

      • dudu scrive:

        stoppani ma le religioni si possono studiare tutte nell’ora di filosofia….anzi storia. Ma i preti-imam-rabbini li devi andare a consultare a casa loro. Siamo i

        • underwater scrive:

          Siamo la coppia più bella del moondo….(Dudu e Carlo).

          • Filippo81 scrive:

            Dudu-carlo-samuele….,,ma quanti pseudonimi usa ? ah ah ah poraccio “!

            • dudu scrive:

              filippo ma tu ce l’hai uno che ti segue? un medico dico….ma bravo

              • Samuele scrive:

                Per Filippuccio nostro basta il pediatra…. O in subordine qualche bella sculacciata…..e poi dritto a nanna….

              • Filippo81 scrive:

                ah ah ah dudu-carlo-samuele,ma come sei suscettibile !Un medico bravo lo conosco,comunque, e mi ha detto che il caso tuo è senza speranza !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana