Google+

La Divina Commedia è «sessista, antisemita e islamofoba». Lo dice l’Onu

marzo 14, 2012 Daniele Ciacci

Secondo l’associazione Gherush92, consulente speciale per il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite, bisognerebbe «espungere la Divina Commedia dai programmi scolastici ministeriali» perché «presenta contenuti offensivi e discriminatori sia nel lessico che nella sostanza e viene proposta senza che vi sia alcun filtro».

La Divina Commedia, «pilastro della letteratura italiana  e pietra miliare della formazione degli studenti italiani, presenta contenuti offensivi e discriminatori sia nel lessico che nella sostanza e viene proposta senza che vi sia alcun filtro o che vengano fornite considerazioni critiche rispetto all’antisemitismo». A parlare è Valentina Sereni, presidente di Gherush92, un’organizzazione di ricercatori e professionisti che gode dello status di consulente speciale per il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite, e che svolge progetti di educazione allo sviluppo, diritti umani, risoluzione dei conflitti, razzismo, antisemitismo, islamofobia.

L’associazione propone di rivedere l’insegnamento del capolavoro dantesco, in particolare evitando alcuni luoghi dove il testo risulti palesemente politically incorrect. Si censurano, in particolare, i canti dell’Inferno XIV, XXIII, XXVIII e XXXIV. In quest’ultimo, Giuda è sbranato in una delle tre bocche di Satana: «Giuda per antonomasia è persona falsa, traditore», «giudeo è termine comune dispregiativo secondo un antico pregiudizio antisemita che indica che chi è avido di denaro è persona infida».

Prosegue Valentina Sereni: «Nel canto XXIII Dante punisce il Sinedrio che, secondo i cristiani, complottò contro Gesù; i cospiratori, Caifas sommo sacerdote, Anna e i Farisei, subiscono tutti la stessa pena, diversa però da quella del resto degli ipocriti: per contrappasso Caifas è nudo e crocefisso a terra, in modo che ogni altro dannato fra gli ipocriti lo calpesti». In ogni caso, la censura non vuole essere totale e perpetua: «Chiediamo, quindi, di espungere la Divina Commedia dai programmi scolastici ministeriali o, almeno, di inserire i necessari commenti e chiarimenti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Jacques DUMON scrive:

    Se vogliono censurare la Divina Commedia, anche dovrono censurare il Vangelo.
    Il Coran anche è sessista e antisemita

  2. osturent60 scrive:

    coraggio il card.ravasi ha commentato l’apocalisse spiegando che il tempo dell’anticristo non è tre anni e mezzo(non ce la faremmmo)bensi’ un tempo limitato preghiamo che sia piu’ breve possibile l’era di pace mariana ci attende w il papa

  3. taddei francesco scrive:

    la distruzione del mondo è cominciata. l’italia verrà distrutta dagli italiani.

  4. paolo delfini scrive:

    IGNORIAMO VALENTINA SERENI , LE SUE INSULSE POLEMICHE SONO STRUMENTALI, DANTE NON ERA ASSOLUTAMENTE ANTISEMITA, E’ LEI CHE INVECE E’ CRISTIANOFOBA.

  5. JP scrive:

    Questa vicenda di per sè sarebbe di una comicità assoluta se fossimo in un mondo sano. Purtroppo di questo Gherush92 fanno parte degli italiani, e ciò conferma la mia opinione sulla maggior parte della intelligencja italiana : provinciale, superficiale,ignorante, conformista, culturalmente succube ed eterodiretta.
    Dopo Dante suppongo che toccherà alla Bibbia; toccherà anche al Corano e alla Torah? La vedo difficile….

  6. -Davide- scrive:

    Ecco cosa fanno all’ONU…già è un organizzazione assolutamente inutile, poi oltre a pensare a rovesciare i governi e a finanziare le guerre degli stati imperialisti mandano pure questi fantomatici saggi a occuparsi di questioni che non comprendono. Adesso invio un richiesta di abolire lo studio dei filosofi e degli scrittori antichi perchè erano favorevoli alla schiavitù…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

Tucano Urbano gioca d’anticipo su EICMA e presenta ora la collezione autunno/inverno 2017/2018. Per chi viaggia in moto 365 giorni all’anno.

L'articolo Tucano Urbano collezione autunno/inverno 2017/2018 proviene da RED Live.

È la nuova proposta a firma Diamante-DMT per l’agonista che pratica XC o Marathon ma anche per il biker esigente, che da ogni uscita si aspetta il massimo in termini di prestazione proprie e della sua attrezzatura. La DMT DM1 è progettata e realizzata per essere affidabile e performante, caratteristiche ottenute anche grazie a una […]

L'articolo DM1, nuova scarpa offroad by DMT proviene da RED Live.

Anticipa una berlina compatta a zero emissioni al debutto entro il 2022. Alla trazione integrale a gestione elettronica abbina due motori a batteria e una potenza di 272 cv. Autonomia di 400 km.

L'articolo Mercedes EQ A: la compatta di domani proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana