Google+

Istat: 6 milioni e 20 mila italiani vivono al di sotto della soglia di povertà assoluta

luglio 14, 2014 Chiara Rizzo

Sono aumentati anche il numero di minori in questa condizione, il 13,8 per cento. Cresce anche la povertà relativa, che si diffonde anche tra le famiglie del Nord (21,9 per cento del totale se si hanno tre o più figli)

Sono 6 milioni e 20mila gli italiani che secondo gli ultimi dati Istat vivono in una condizione di povertà assoluta. Si tratta di una persona su dieci, circa il triplo di quanto accadeva nel 2005. Sono aumentati anche i minori in stato di povertà assoluta, che per l’Istat sono il 13,8 per cento del totale. L’Istat valuta la soglia di povertà assoluta in base ad un complesso calcolo sul paniere della spesa minima necessaria alla sopravvivenza (alimenti, beni di prima necessità, visite mediche), alla composizione del nucleo familiare e all’area di residenza: tale calcolo, equiparato con precisi standard internazionali. Per esempio la soglia minima oscilla dagli 820 euro al mese di un single di un’area metropolitana del Nord ai 546 euro di un single in un piccolo comune del Meridione, o dai 1400 euro al mese per una famiglia di quattro persone in una metropoli del Nord ai mille euro per un’analoga famiglia di un piccolo centro del Sud. La povertà assoluta è calcolata per chi vive con risorse del 20 per cento minori a tali parametri.

POVERTA’ ASSOLUTA. Nel 2013, in base a questi criteri sono risultate in condizione di povertà assoluta 2 milioni e 28 mila famiglia (pari appunto agli oltre 6 milioni di individui), cioé il 7,9 per cento delle famiglie residenti. Tre milioni e 72 mila persone di queste risiedono nel Mezzogiorno (nel 2012 erano 2 milioni 347 mila), e 1 milione 434 mila sono minori, e 888 mila sono anziani. La condizione di povertà assoluta continua ad aumentare significativamente dal 2011 tra le famiglie con tre, quattro o cinque figli (e sotto le soglie di 1.691-1.226 euro al mese). Nel caso di famiglie con tre figli l’incidenza è salita all’8,3 per cento dei residenti, con 4 figli all’11,8 per cento, e con 5 figli al 22,1 per cento. Si diffonde la povertà assoluta però anche tra le coppie con un figlio, con un’incidenza del 7,5 per cento, e con due figli (incidenza del 10,9 per cento).

SITUAZIONE DIFFUSA TRA OPERAI. Circa 1 milione 996mila persone sotto la soglia di povertà assoluta vivono in nuclei dove il capofamiglia svolge la professione operaia (l’incidenza è salita al 14,7 per cento), altre 1 milione e 39 mila persone vivono in nuclei con a capo una persona disoccupata (l’incidenza è arrivata al 34,4 per cento). L’incidenza della povertà aumenta nei nuclei con capofamiglia poco o mediamente istruita (nell’11,1 per cento dei casi di persona con licenza media inferiore, nel 10 per cento dei casi di persone con al massimo la licenza elementare): tale situazione si associa spesso ad un basso profilo professionale (11,8 per cento) o alla difficoltà di entrare o permanere nel mercato del lavoro (dal 23,6 al 28 per cento).

POVERTA’ RELATIVA. L’Istat calcola annualmente anche una soglia sotto la quale si può parlare di povertà relativa: nel 2013, per una famiglia di due componenti tale soglia è risultata di 972,52 euro al mese, e i nuclei di due persone che hanno una spesa mensile pari o inferiore vengono classificate come povere. Per l’anno scorso l’Istat stima che l’incidenza della povertà relativa sia pari al 12,6 per cento, corrispondente a 3 milioni e 420 mila famiglie, per un totale di 10 milioni e 48 mila individui (il 16,6 per cento della popolazione). L’incidenza della povertà relativa è del 6 per cento al Nord, al 7,5 per cento al Centro, e al 26 per cento nel Mezzogiorno. Tale soglia si è diffusa tra le famiglie con quattro componenti (passando dal 18 al 21,7 per cento): l’aumento della povertà relativa si diffonde di più anche al Nord, dove peggiora la condizione delle coppie con tre o più figli, dove l’incidenza della povertà relativa arriva al 21,9 per cento.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Quando un’azienda si permette di dire che la sua forza risiede nell’inventare quello che non esiste ancora e riconsiderare e ridefinire quello che esiste già, i casi sono due: o se la tira o fa molto sul serio e, oggi che la specializzazione nel mondo della MTB è massima, quando un brand mette in campo […]

L'articolo Le nuove gomme Michelin per XC e All Mountain proviene da RED Live.

“Quelle foto lì le facevo alla Bellucci”. Così, spuntando dal nulla, si è rivolto a noi uno strano personaggio sulla settantina, capello mosso bianco e lungo, stile Maurizio Vandelli, nell’incantevole borgo di San Leo, mentre lo staff di RED riprendeva le nostre imponenti americane nel bel mezzo della piazza principale. Non siamo nemmeno riusciti a […]

L'articolo Harley-Davidson, in viaggio lungo la Linea Gotica proviene da RED Live.

Come sarà l’auto del futuro? Davanti a questa domanda non tutti hanno le idee ugualmente chiare ma quelli di Mercedes sono pronti a rispondere senza la minima esitazione, neanche sapessero fare l’oroscopo al mondo automotive osservando proprio la Stella a tre punte. La loro visione ha quattro capisaldi, sintetizzati dalla sigla C.A.S.E.: secondo i vertici […]

L'articolo Mercedes CASE: il futuro parte dalla connettività proviene da RED Live.

Quello di Bridgestone nel mondo olimpico è un viaggio lungo un decennio. La sua partnership con il Comitato Olimpico Internazionale (CIO), annunciata a Tokyo 2014, si prolungherà infatti fino ai Giochi del 2014, passando per le Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018, i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, le Olimpiadi invernali a Pechino 2022. Un percorso che il marchio nipponico, produttore […]

L'articolo Bridgestone sogna insieme agli atleti olimpici proviene da RED Live.

È una ribelle per tradizione. In un mondo dove tutto viene racchiuso e catalogato entro rigidi schemi, la nuova Suzuki Swift non tradisce lo spirito del precedente modello e scardina, ancora una volta, l’esistente. Non è infatti una city car, dato che con una lunghezza di 3,84 metri risulta più grande rispetto a una Fiat […]

L'articolo Prova Suzuki Swift 1.0 BoosterJet SHVS proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana