Google+

Iraq, Sako: «È in atto un genocidio dei cristiani provocato dall’odio dei musulmani»

settembre 29, 2017 Redazione

Il patriarca a Roma: «I cristiani sono ormai meno di 500 mila e il mondo dovrebbe preoccuparsi: quando spariremo, non ci saranno più moderati in Iraq»

louis-sako-iraq

In Iraq è in atto un vero e proprio «genocidio dei cristiani provocato dall’odio dei musulmani verso i cristiani». Non usa mezzi termini il patriarca caldeo di Baghdad, Mar Luois Rapahel I Sako, per denunciare quello che da anni sta accadendo in Iraq, l’invasione dei villaggi della Piana di Ninive da parte dell’Isis e la cacciata di tutti i cristiani: «Eravamo 1,5 milioni. Oggi siamo meno di 500 mila».

RICOSTRUZIONE E TESTIMONIANZA. Parlando a Roma alla conferenza internazionale di Aiuto alla Chiesa che soffre, il patriarca ha aggiunto: «La Piana di Ninive oggi è libera e sono circa 14mila le persone rientrate nei loro villaggi grazie anche all’aiuto della Chiesa e di organismi come Acs. I cristiani non sono soli». Ricostruire è importante, ma non basta perché «occorre testimoniare la nostra fede, questa è la nostra missione, fare leva sui cristiani e aiutare i musulmani ad aprire loro mente».

«COMBATTERE IL FONDAMENTALISMO». Sako ha esortato anche il governo e la comunità internazionale ad agiare prima che «la mentalità dell’Isis arrivi anche in Europa»: «È necessario sostenere l’istruzione come antidoto al fondamentalismo e alla mentalità tribale ancora vigente e basata su vendetta e violenza, promuovere il dialogo politico e culturale, separare religione e Stato, lavorare per una Costituzione forte che garantisca diritti di cittadinanza a tutti, continuare a dare aiuto umanitario».

MINACCIA DI NUOVE GUERRE. Oltre al fondamentalismo, ci sono altri fattori che spaventano il patriarca e i cristiani. Soprattutto le tensioni tra il Kurdistan, che ha appena votato per l’indipendenza, e il governo centrale di Baghdad. «La minaccia di nuove guerre è dietro l’angolo e a farne le spese saranno proprio i cristiani, che non sono in grado di far sentire la loro voce e chiedere il rispetto dei loro diritti», ha spiegato. «Abbiamo molta paura della possibile divisione del paese e dell’emigrazione. Gli Stati Uniti devono assumersi maggiori responsabilità e fare una analisi realistica della situazione. Tutti però devono aver paura della possibile sparizione dei cristiani dalla regione: se accadrà infatti l’Iraq non avrà più al suo interno persone moderate, amanti della pace e della riconciliazione».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download