Google+

Iraq. La scuola quest’anno non comincia in Kurdistan perché le classi sono piene di profughi

settembre 8, 2014 Leone Grotti

La scuola sarebbe dovuta cominciare un mese fa ma secondo il ministro dell’Educazione Pishtiwan Sadiq «abbiamo bisogno almeno di altri due mesi»

L’anno scolastico sarebbe dovuto cominciare un mese fa a Dohuk, provincia curda nel nord dell’Iraq. Anche se l’inizio ufficiale è stato rimandato di un mese tutte le classi sono piene: non di studenti ma di profughi. Cristiani, yazidi e membri di altre minoranze dormono tra i banchi, ammassati negli angoli delle stanze per far posto ad accampamenti di fortuna.

«ABBIAMO BISOGNO DI MESI». Non essendoci a disposizione campi profughi, in 650 scuole vivono più di 130 mila persone, scappate dalle rispettive città a causa dell’invasione dei terroristi dello Stato islamico. La scuola, dopo il primo rinvio, dovrebbe cominciare mercoledì ma nessuno ci crede, a partire dal ministro dell’Educazione curdo Pishtiwan Sadiq: «Abbiamo bisogno almeno di altri due mesi ma questa è solo la mia personale opinione», dichiara senza sbilanciarsi al New York Times.

MANCA L’ACQUA. Come previsto, l’enorme affluenza di profughi dalla piana di Ninive nel Kurdistan comincia ad influenzare la vita quotidiana di questa regione. «Non abbiamo alternative», dichiara il governatore di Dohuk, Farhad Atrushi, spiegando che non può spostare i profughi all’aria aperta e che per il momento l’educazione dei bambini deve passare in secondo piano. E questo non è l’unico problema: l’acqua era a mala pena sufficiente per gli 1,2 milioni di abitanti della provincia e ora che si sono aggiunti mezzo milione di profughi non è chiaro come il governo riuscirà a distribuire acqua a tutti.

«SPERIAMO DI RESTARE». Dentro la scuola elementare di Khabat, che normalmente ospita 150 studenti, ora vivono 174 persone. Sono stati costruiti bagni e cucine di fortuna e gli ospiti, soprattutto yazidi, sono felici. «Stiamo bene anche se nessuno ci ha detto quanto a lungo potremo restare qui», racconta Murad Ghalil, scappato dalla Siria fino in Kurdistan. La stessa angoscia e provvisorietà si percepisce nelle parole di Farhan Ghayab, curdo di religione musulmana, che abita con la famiglia in un’altra scuola di Dohuk: «Speriamo che il governo non ci chieda di andarcene. Sappiamo che qui non si può restare, perché l’educazione è importante ma continuiamo lo stesso a sperare». L’alternativa, per il momento, non esiste.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi