Google+

«Io sono una mamma non tollerante, lui è il mio unico figlio maschio e non voglio che finisca come Freddie Gray»

aprile 29, 2015 Redazione

Intervista a Toya Graham, madre che ha visto suo figlio a Baltimora tra i teppisti che si scontravano con la polizia e che l’ha fermato con strattoni e schiaffi: «Spero ora che abbia capito»

baltimora
«L’ho intravisto. E a quel punto, si sa, non ho pensato a telecamere o cose del genere. Lui è il mio unico figlio maschio e non volevo che alla fine della giornata diventasse un altro Freddie Gray». Toya Graham è una donna forte, vive a Baltimora da sola con sei figli ed è diventata famosa quando è stata ripresa in un filmato a strattonare, colpire e arrabbiarsi con il figlio, che si trovava tra i teppisti che da giorni si scontrano con la polizia nella città americana del Maryland.

FREDDIE GRAY. Le proteste a Baltimora sono scoppiate dopo che un giovane nero, Freddie Gray, è morto il 19 aprile mentre si trovava sotto la custodia della polizia. Lunedì, nel giorno dei funerali, sono cominciate le proteste, che si sono però tramutate in violenze criminali. Sono stati bruciati negozi, auto civili, mezzi della polizia, saccheggiati centri commerciali, picchiati poliziotti. Il sindaco di Baltimora ha imposto il coprifuoco e ha chiamato la Guardia nazionale per proteggere la città.

«SONO INTOLLERANTE». «Tra i teppisti scesi per le strade a lanciare sassi ai poliziotti, c’era anche il figlio di Toya Graham. «Quando l’ho visto, ero scioccata, arrabbiata, perché nessuno vuole vedere il proprio figlio fare certe cose», ha dichiarato in un’intervista a Cbs news. «Violenza e vandalismo non servono a fare giustizia e io non voglio questa vita per mio figlio», ha aggiunto. «Ci sono certi giorni che lo chiudo in casa per non farlo uscire, ma non posso comportarmi così per il resto della mia vita. Io sono una madre non tollerante. Chiunque mi conosca, sa che non scherzo».

«SPERO CHE CAPISCA». Quando il figlio si è accorto della madre, «sapeva di essere nei guai. Mi ha detto: “Mamma, quando ti ho vista, il mio istinto mi ha detto di scappare”». Dopo averlo riportato in casa, hanno guardato insieme il video che li riprendeva e che stava facendo il giro di tutte le televisioni nazionali. E al figlio sono cominciati ad arrivare messaggi su Facebook che davano ragione alla madre. «Ora spero, non sono sicura, ma spero che lui capisca la gravità di quello che è successo l’altra notte» dopo aver visto le immagini dei saccheggi.

«SONO LORO CHE DECIDONO». Quando il capo della polizia di Baltimora, Anthony Batts, ha visto il video ha dichiarato: «Vorrei che ci fossero più madri che si prendono cura così dei figli». Toya Graham sa però che non è facile: «Puoi arrabbiarti con i tuoi figli ma alla fine del giorno sono loro che decidono liberamente. Noi possiamo solo controllare che siano dove dovrebbero essere».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Luca P. says:

    Se fosse successa la stessa cosa qui da noi … magari ad una madre il cui figlio va al G8 col cappuccio per lanciare pietre e devastare negozi … beh, se fosse successo in Italia, non mi stupirei se per quella madre partisse una denuncia !!!
    E nemmeno che decine di talk-show sprecassero le serata a discutere se era il caso di dare un ceffone o era meglio discuterne o addirittura affiancare il figlio nella protesta …
    sigh 🙁

  2. Carlo says:

    Vorrei provare a spostare la riflessione un po’ oltre. Come mai il figlio di questa donna era a fare il teppista e a lanciare oggetti sulle forze dell’ordine? I genitori hanno precise responsabilità, non dimentichiamolo. La violenza chiama altra violenza e dovrebbe essere usata solo per difendersi e mai come metodo educativo. Ora mi chiedo che contributo diano alla società tutte le persone che ora osannano questa madre come madre dell’anno, dimenticandosi che su di essa grava, oltre a una verosimile responsabilità per la condotta del figlio, anche una chiara propensione alla violenza fisica. Io più che il titolo di madre dell’anno le darei quello di madre-simbolo, per come stanno andando le cose nel mondo. Ma non per celebrarla, ma per far riflettere tutti sui principi che trasmettiamo ai nostri figli, non solo con le nostre azioni, ma anche con i nostri giudizi.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi