Google+

Il «vero Gesù» era più islamico di Maometto. Secondo una fatwa voleva la sharia e la sottomissione dei cristiani

novembre 27, 2013 Leone Grotti

Come riporta El Watan, la fatwa è stata emessa da un potente leader salafita: «È impossibile che il Messia, sia pace su di lui, abbia chiesto la separazione tra Stato e religione»

Gesù era più islamico di Maometto. Almeno stando a quanto sancisce una nuova fatwa emessa pochi giorni fa da Sheikh Yusuf Burhami, secondo leader più importanti in Egitto del movimento estremista islamico salafita.

CORANO E TEOCRAZIA. La fatwa, pubblicata da El Watan, argomenta a partire dal versetto biblico: “Date a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio». Secondo il religioso, questa frase non sostiene in nessun modo la separazione che ci deve essere tra Stato e Chiesa, perché «la separazione tra Stato e religione contraddice il testo del Corano». L’islam non riconosce Gesù come figlio di Dio, ma come il più grande dei profeti prima di Maometto, autore di numerosi miracoli.

GESÙ VUOLE LA SHARIA. Siccome anche Gesù è profeta del Corano e di Allah è dunque impossibile che si sia espresso a favore della separazione tra Stato e religione: «È impossibile che il Messia, sia pace su di lui, abbia chiesto la separazione, come se dicesse che la politica deve essere governata senza la sharia di Allah». Piuttosto, il «vero Gesù», che è un sostenitore della sharia, come scrive Burhami, ha pronunciato quelle parole per affermare che la gente del Libro, ebrei e cristiani, devono pagare ai musulmani la gizya, il tributo umiliante, in cambio della protezione e del mantenimento della propria fede.

POTERE SALAFITA. I salafiti sono sempre più influenti in Egitto. Per accattivarsi il loro appoggio, il nuovo governo provvisorio ha accolto nella bozza della nuova Costituzione le loro richieste: specificare meglio che in Egitto comanda la sharia ed eliminare dal testo il termine «civile» collegato allo Stato. Che, sottinteso, sarebbe teocratico.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. LG says:

    scusate l’appunto, bisognerebbe correggere la svista:

    ” il più grande dei profeti prima di Allah” ==> “il più grande dei profeti prima di Muhammad”

  2. Giovanni says:

    Non SEPARAZIONE tra Chiesa e Stato, ma DISTINZIONE delle rispettive sfere di influenza. La separazione tra Chiesa e Stato è condannata dal Magistero della Chiesa da sempre.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.