Google+

«Il ministro Fedeli continua a snobbare i bisogni di migliaia di famiglie»

giugno 17, 2017 Francesca Parodi

Le ragioni della manifestazione al ministero dell’Istruzione illustrate da Filippo Savarese, portavoce di Generazione Famiglia. «Se ci ignora, organizziamo uno sciopero»

anti-gender-ansa

«Il ministro Fedeli mente sapendo di mentire». Il portavoce di Generazione Famiglia, Filippo Savarese, risponde così allo stupore mostrato dal ministro dell’Istruzione davanti alla notizia della manifestazione anti-gender che si terrà sabato 17 giugno davanti al Miur. Alla domanda di un giornalista dell’agenzia Askanews, infatti, Fedeli si è detta ignara del tema del presidio, e ha aggiunto che probabilmente i manifestanti hanno sbagliato indirizzo. «Non è assolutamente vero che il ministro è all’oscuro» controbatte Savarese. «Alti dirigenti del Miur ci hanno contattato per dirci che avremmo potuto discutere le nostre istanze senza il bisogno di una manifestazione, e il ministro non può non esserne al corrente». Inoltre, ricorda Savarese, il Miur ha ricevuto notifica diretta della petizione avviata da CitizenGo per sostenere l’evento di sabato prossimo, che ad oggi conta 18 mila firme. «Pertanto ci indigna che il ministro Fedeli continui a snobbare i bisogni di migliaia di famiglie. Queste non hanno sbagliato indirizzo, è il destinatario che si rende irreperibile».

LA MANIFESTAZIONE. La manifestazione è promossa da Generazione Famiglia, CitizenGo, Comitato Art.26, ProVita Onlus e Non si tocca la famiglia. «Protestiamo perché il patto educativo tra famiglia e Stato si è frantumato» spiega a tempi.it Savarese. Queste associazioni vogliono ribadire il diritto di scelta e la necessità che le famiglie siano coinvolte nella formulazione di attività extracurricolari sui temi sensibili, come la sessualità e le ideologie gender: «Chiediamo il consenso informato preventivo sulle attività che riguardano l’educazione affettiva e sessuale, la possibilità per la famiglia di esonerare i propri figli (esattamente come si può fare con l’ora di religione cattolica) e la previsioni di attività scolastiche alternative». Si vuole inoltre sollecitare il Ministero a un chiarimento normativo sul concetto di genere perché «questo è ormai fuori controllo: la semplice differenza uomo-donna è stata sostituita da un ventaglio potenzialmente infinito di identità sessuali fluide che possono essere scelte liberamente nel corso della vita».

LE PROMESSE. La richiesta avanzata dalle associazioni familiari è dunque quella di sedersi al tavolo ministeriale e avviare un confronto per tutelare la priorità educativa dei genitori. Ma i rapporti con il ministro Fedeli, nonostante le buone premesse, non lasciano ben sperare: «Il ministro incarna ideologie opposte alle nostre, infatti è stata lei la promotrice di un disegno di legge che porta il suo nome e che prevede l’introduzione nelle scuole sull’approccio di genere» spiega Savarese. «Comunque, una volta eletta, la stessa Fedeli ha chiesto di incontrare personalmente il portavoce del Family Day, Massimo Gandolfini, che l’ha informata sull’allarmante diffusione dell’ideologia gender nelle scuole e l’ha tenuta costantemente informata su ogni nuovo episodio». Il ministro aveva promesso più attenzione al tema e nuovi incontri, «ma queste promesse non si sono minimamente verificate, e anzi, addirittura il ministro nega di conoscere le nostre richieste».

APPROCCIO DI GENERE. Per sottolineare la forza del movimento e la necessità di un confronto politico, la manifestazione è stata fissata in concomitanza con l’anniversario di un altro evento svoltosi lo scorso anno: la protesta di giugno 2016, con il ministro dell’Istruzione Giannini in carica, contro le linee guida del comma 16 della Buona Scuola. «Questa normativa prevedeva l’inserimento in tutti i piani dell’offerta formativa il famoso “approccio di genere”. Dopo la nostra campagna, il ministro Giannini, d’accordo con l’allora ministro Boschi, stabilì di definire attraverso delle linee guida il concetto di genere e venne stilata una prima bozza, senza però informare sui contenuti le associazioni familiari come le nostre. Allora noi organizzammo una manifestazione per bloccare questo testo e ci riuscimmo». Fu una grande vittoria per il movimento e Savarese, anche a nome delle altre associazione, punta ad ottenere lo stesso risultato sabato prossimo, considerando che «saremo addirittura il triplo, se non il quadruplo dell’anno scorso». Questa volta però «non saremo più sulla difensiva, ma passeremo al contrattacco: chiederemo di sederci al tavolo, guardarci negli occhi e riconoscere che esiste un problema grave».

SCIOPERO NAZIONALE. Se però la manifestazione non ottenesse risultati in tempi brevi, «allora lanceremo per l’inizio dell’anno scolastico un grande sciopero nazionale del Patto educativo di corresponsabilità, il Pec». Quest’ultimo è un documento che il genitore deve firmare nell’atto dell’iscrizione del figlio a scuola, in cui la famiglia e la scuola si impegnano a condividere i ruoli fondamentali dell’esperienza educativa. «Inviteremo decine di migliaia di famiglie a non firmare questo patto perché è venuta a mancare la fiducia che ne è la base. E allora le scuole si troverebbero nell’imbarazzo di dover rifiutare migliaia di studenti, cosa che evidentemente non potrebbero fare». Sarebbe un richiamo forte, perché è proprio questo il punto:«Si continua a sottovalutare la portata, anche politica, di questo movimento. Ma ora è necessario che ci ascoltino».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In due mesi tutto è cambiato. Sino a poco tempo fa, i colossi dell’elettronica Google e Apple sembravano pronti a insegnare al mondo dell’auto tradizionale come progettare una vettura rivoluzionaria, elettrica e a guida autonoma. Secondo alcuni analisti del mercato, avevano le potenzialità per rivoluzionare il mondo delle quattro ruote. Poi, come il fuoco di […]

L'articolo Google Car e Apple iCar: non s’hanno da fare proviene da RED Live.

Con la nuova Ducati Multistrada 1200 Enduro Pro, la voglia di avventura è ancora più grande. Il conto però è salato: 22.990 euro

L'articolo Ducati Multistrada 1200 Enduro Pro proviene da RED Live.

Se fosse una compagna di scuola, la Peugeot 308 sarebbe la classica ragazza seduta nei banchi della seconda fila; precisa, puntuale, concreta e in grado di ottenere ottimi risultati. Però poco appariscente. La tipica studentessa che pochi notano e che i professori danno per scontato sia in grado di ben figurare in ogni frangente. Ora, […]

L'articolo Prova nuova Peugeot 308 proviene da RED Live.

Il suo logo a forma di ruota spicca su caschi, capispalla, piumini, borsoni, zaini, bracciali in argento e foulard in seta, e non a caso. La collezione di abbigliamento e accessori uomo/donna Milano 1914 trae difatti la sua identità da EICMA, il Salone internazionale delle moto, la cui prima edizione è datata 1914, appunto. E […]

L'articolo Milano 1914, nuova collezione e corner al Boscolo proviene da RED Live.

La scelta di un’automobile è una decisione che dipende dall’utilizzo che se ne vuole fare. Chi ha bisogno di un mezzo da guidare esclusivamente in città, sarà orientato verso un’auto più compatta e maneggevole; se la vettura accompagnerà spesso la famiglia in gite fuori porta, ruote grandi e ammortizzatori rinforzati saranno determinanti; se il conducente […]

L'articolo Il cambio: tipologie e caratteristiche (automatico / semiautomatico / manuale) proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana