Google+

Il dialogo non basta. Se non vuole soccombere, l’Occidente deve «rientrare in se stesso»

luglio 28, 2016 Redazione

Monsignor Luigi Negri e il cardinale Angelo Bagnasco rispondono su Corriere e Libero alla sfida lanciata dal terrorismo islamico

«La guerra c’è perché l’Occidente ha tradito la sua identità. Ha rinunciato alle radici cristiane, che avevano segnato la storia d’Europa, sostituendole con un barcone di burocrazia e di ideologia dominante; coloro che dicono che l’Occidente sta perdendo la sua battaglia non possono essere facilmente smentiti». Così monsignor Luigi Negri risponde alle domande di Libero sul parroco sgozzato durante la messa in Normandia.

«SERVE UNA RIFLESSIONE». Anche il cardinale Angelo Bagnasco si sofferma sull’Occidente: «L’Europa e l’Occidente non mi sembra abbiano compiuto la debita ed essenziale riflessione, quella culturale. Il nostro Continente dovrebbe riappropriarsi della propria cultura che ha, nelle radici, una visione antropologica e ideale cristiana, e lo dico senza voler offendere nessuno e senza aver paura di nessuno. L’Europa dovrebbe riproporre ai propri cittadini una visione alta e personalistica della società, dove la persona sia davvero al centro di una precisa visione antropologica, non nel segno dell’individualismo ma della solidarietà. È un approccio intrinsecamente cristiano», dice al Corriere della Sera.

REDDE IN TE IPSO. Il presidente della Conferenza episcopale italiana nota che «l’Europa da troppi decenni ha poco da dire» e ha bisogno di ciò che Romano Guardini, citando sant’Agostino, chiamava «”redde in te ipso”, rientra in te stesso. C’è grande debolezza di pensiero, c’è diffusa “distrazione” nel senso pascaliano del termine, un correre sulle cose. Come dimostra la gioia, l’attenzione e lo stupore di questi giovani a Cracovia [per la Gmg] di fronte a ciò che è veramente importante, bisogna ritrovare se stessi al centro di se stessi nel silenzio personale, che non è isolamento ma profondità. Si può fare».

DIALOGO NON BASTA. L’Occidente negli ultimi secoli, aggiunge monsignor Negri, «ha vissuto di un progetto di autodivinizzazione dell’uomo» che ha lasciato l’uomo «solo, abbandonato, di fronte a poteri che sembrano insopportabili. E lo sono». Ecco perché per rispondere alla sfida lanciata dal terrorismo islamico, c’è bisogno di qualcosa in più del dialogo: «Il dialogo si fa tra persone che vogliono mettere in comune alcune posizioni», spiega l’arcivescovo di Ferrara-Comacchio. «Detto questo: io non ho il problema del dialogo con l’islam. Ho quello di educare il popolo cristiano, di creare persone che in forza della loro identità sono capaci di rendere testimonianze esplicite di fronte al mondo».

«PADRE JACQUES UN SANTO». Come padre Jacques Hamel, il sacerdote sgozzato a Saint-Étienne-du-Rouvray. «Cosa posso dire di questo prete 86enne che è morto per Cristo? È un santo. Riconoscimento canonico o meno, da duemila anni chi dà la vita per la fede è naturalmente sentito dal popolo come un santo». E sempre più cristiani potrebbero trovarsi di fronte alla persecuzione anche in Europa: «Negli ultimi decenni il numero de martiri della Chiesa ha superato di gran lunga quello dei primi secoli; Dobbiamo sapere che la nostra missione, in un mondo ferocemente anticattolico e disumano come il nostro, finirà per molti con un martirio. Ma il martirio è la nostra gloria, è la nostra vittoria. Noi non abbiamo paura del martirio: abbiamo paura della mancanza di fede».

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Giovanni scrive:

    Rispose la folla (sobillata dai potenti di Israele) a P. Pilato di Liberare Barabba e crocifiggere il Cristo.
    Le conseguenze terrene per quel popolo sono note.

    Rispose il popolo europeo (sobillato dai potenti illuminati) di liberare l’aborto, il divorzio, l’eutanasia, la blasfemia, le unioni omosessuali, le droghe, …..
    e di mettere a morte l’ordine e le regole.
    Le conseguenze terrene per questo popolo potranno essere diverse dal primo? Anzichè perseguitato fuori dalla patria si troverà perseguitato in patria.

    Non servono riflessioni, muri o politiche: serve che tutti abbandonino i peccati e Dio verrà in aiuto.

  2. Giurillo scrive:

    Vabbè, ogni scusa è buona per dire che bisogna tornare indietro.
    Ma tanto indietro non si torna.
    A parte che preferisco rischiare un attentato che vivere ogni giorno secondo le regole del Papa e dell’Imperatore, tornare al tempo antico non servirebbe assolutamente a nulla rispetto al terrorismo islamico estremista.
    La risposta non è tornare indietro noi, ma sperare – e per quanto possibile lavorare – che vadano avanti loro. D’altra parte sono partiti con 600 anni di ritardo, magari fra un po’ anche li vien fuori una bella rivoluzione francese a spezzare il legame fra religione e stato. Magari fra un po’ la gente non si farà dire dagli iman come devono educare i loro figli, cosa devono mangiare e cosa no, come devono essere i rapporti fra i sessi, quale è la base del diritto, come devono vestirsi le donne, che cosa è morale e cosa no.
    Non so se il Papa abbia ragione o no a dire che la loro non è una guerra di religione, ma certo non la faremo noi. Né abbiamo bisogno della religione per resistere all’assalto ee mantenere e sviluppare il nostro modello di civiltà… quello attuale, non quello di 400 anni fa.

    • Tigrin della Sassetta scrive:

      Giurillo rischierebbe senza problemi un attentato al giorno pur di non “tornare indietro” riconoscendo l’identità cristiana dell’occidente, che in effetti non sa manco cosa sia.
      Secondo me Giurillo, finché ammazzano i preti, fa pure il tifo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana