Google+

Il banchiere con più soldi di Dio. E il romanziere con la medaglia al valore

marzo 31, 2017 Sandro Fusina

David Rockefeller diventò presidente della Chase Manhattan Bank. Nicholas Mosley nel 1983 decise di scrivere una biografia critica del padre Oswald

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – David Rockefeller. Nacque il 12 giugno 1915. Il bisnonno era stato un truffatore bigamo che cambiava volentieri nome, donna e città e imbrogliava i figli per addestrarli alla vita. Due figli arrivarono a fondare la Standard Oil Company: il maggiore, John Davison, fu il nonno di David. David nacque, ultimo di sei fratelli nella casa di famiglia, la più imponente di New York. La madre Abby, la “donna di famiglia”, anima e borsa del Museum of Modern Art nel 1929 della crisi, era figlia di un senatore del Rhode Island che faceva risalire le fortune della famiglia ai tempi del Mayflower. Quando i fratellini Rockefeller schettinavano per le strade di New York erano preceduti da una grande macchina con autista. Diversamente dal fratello maggiore Nelson, che soffriva di dislessia, allora non riconosciuta, e aveva problemi scolastici, tanto da non essere ammesso all’università di Princeton, nonostante nome e donazioni, David aveva studiato con profitto alla Lincoln School, creata dal filosofo John Dewey con lo scopo di educare insieme bambini di disparate provenienze sociali, per laurearsi infine a Harvard.

Se Nelson aveva finito per occuparsi di petrolio, della costruzione del Rockefeller Center, di politica, e malvolentieri della lite con Diego Rivera che pretendeva di inserire un ritratto di Lenin ben distinguibile nel murale dell’atrio del tempio del capitalismo mondiale, David si dedicò alla banca. Gli bastò la proprietà del cinque per cento del pacchetto azionario per diventare rapidamente presidente della Chase Manhattan Bank, con risultati finanziari non molto brillanti. Riuscì tuttavia a tessere un folto intreccio di rapporti internazionali e in periodo di guerra fredda intrattenne rapporti pacati sia con Ciu enlai, sia con Leonid Breznev.

Fu lui insieme a Henry Kissinger a premere perché lo Scià esiliato Reza Pahlavi potesse operarsi di tumore negli States, innescando la drammatica crisi dell’ambasciata americana di Teheran. Molte energie dedicò alla beneficenza e alla raccolta di opere e oggetti d’arte. Sulle orme della madre fu donatore e per molti anni presidente del Moma. Fra le altre, realizzò una sterminata collezione di coleotteri, iniziata da bimbo raccogliendo i primi esemplari nei prati in quella specie di feudo di famiglia alle porte di New York che è l’immensa proprietà intorno al villaggio di Pocantico Hills, dove tutti gli abitanti lavoravano per offrire cibo e servizi ai Rockefeller.
A Pocantico, il «luogo che Dio avrebbe costruito se avesse avuto i soldi dei Rockefeller», David è morto a centodue anni il 20 marzo 2017.

Nicholas Mosley. Nacque il 25 giugno 1923. Nacque a Londra. La madre era Cynthia Curzon, figlia del marchese di Kedleston, già vicerè dell’India e segretario di stato. Il padre era Oswald Mosley, futuro baronetto ereditario. Più che ai figli, gli aristocratici Mosley si dedicavano alla politica. Nelle elezioni generali del 1924 furono eletti entrambi per il partito laburista, in due collegi diversi. Nel 1932 sir Oswald, ammiratore di Benito Mussolini, fondò la British Union of Fascists. Nicholas aveva dieci anni ed era in cura per una grave forma di balbuzie quando la madre morì. A casa di Joseph Goebbels, testimone Adolf Hitler, nel 1936 sir Oswald sposò in segreto Diana, una delle irrequiete sorelle Mitford, dalle simpatie politiche tanto estreme quanto opposte. A Eton Nicholas fu detto «la piccola camicia nera». Nel 1940 i coniugi Mosley furono internati per tre anni per intelligenza con il nemico. Nicholas invece si arruolò. In Italia si guadagnò sul campo la croce al valore.

Nel 1945 studiò filosofia a Oxford. Deluso, lasciò per dedicarsi alla vita di campagna e a una narrativa difficile e concettosa. L’amico romanziere Robert Graves lo aiutò a pubblicare qualche titolo. Nel 1966 ereditò da una zia materna il titolo di barone Ravensdale che gli procurò un seggio alla camera dei Lord. Dal romanzo Accident, Harold Pinter, drammaturgo, e Joseph Losey, regista, trassero nel 1967 un film di successo. Nel 1983 decise di scrivere una biografia critica del padre. È morto martedì 28 febbraio.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 2018, come eravamo proviene da RED Live.

Sono universali, adatti alla guida d’estate e al tempo stesso a norma di legge ed efficaci anche d’inverno. Ecco quali sono, quanto costano e che vantaggi promettono i migliori pneumatici all season.

L'articolo Pneumatici quattro stagioni, la guida all’acquisto proviene da RED Live.

Dal 15 novembre è obbligatorio adottare pneumatici specifici per la stagione fredda. Ecco tutto quello che c'è da sapere per viaggiare in sicurezza e scegliere tra modelli invernali, quattro stagioni o chiodati.

L'articolo Pneumatici invernali, dieci cose da sapere proviene da RED Live.

COSA: RED HOOK CRIT, a Milano l’ultimo atto DOVE E QUANDO: Milano, 14 ottobre  Dopo Brooklyn, Londra e Barcellona il campionato di bici a scatto fisso su strada approda a Milano, in via Lambruschini (zona Bovisa) per l’ultima, avvincente tappa. Red Hook Criterium propone una formula unica, mettendo su strada le biciclette a scatto fisso che […]

L'articolo RED Weekend 13-15 ottobre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Da 0 a 400 a 0 km/h in meno di 42 secondi. Ecco il nuovo record fatto registrare dalla hypercar Bugatti Chiron. Un primato d’accelerazione e frenata realizzato con al volante l’ex pilota di Formula 1 Juan Pablo Montoya. Mai nessuna vettura di serie aveva avvicinato una simile prestazione, ottenuta grazie a una potenza massima […]

L'articolo Bugatti Chiron: start e stop da record proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download