Google+

I presidi inglesi chiedono di abolire la legge, in vigore da 70 anni, che prevede la recita di una preghiera cristiana prima delle lezioni

luglio 2, 2014 Benedetta Frigerio

Secondo l’Associazione la preghiera di una specifica religione in una «società multiculturale non ha senso»: molte scuole non hanno «posto per radunarsi e lo staff spesso non è in grado o non vuole condurre la preghiera»

Dovrebbero essere abolite le leggi che richiedono che anche nelle scuole statali non religiose venga recitata una preghiera. È quanto dichiarato dall’Associazione nazionale dei presidi (Nga, che rappresenta oltre 300 mila presidi), come riportato dal Telegraph, secondo cui «le scuole non sono un luogo di culto, ma educativo».

«PREGHIERA NON HA PIÙ SENSO». La legge che regola il sistema scolastico dal 1944 afferma che tutte le scuole inglesi «devono garantire il culto giornaliero collettivo agli alunni, a meno che i genitori obiettino». Nel 1988 venne modificata per specificare che la preghiera doveva essere «all’inizio della giornata». Quattro anni fa, l’Associazione nazionale dei presidi aveva già fatto notare che la preghiera non è più obbligatoria di fatto. Secondo Nga però la legge andrebbe comunque abolita perché la preghiera di una specifica religione in una «società multiculturale non ha senso»: molte scuole non hanno «posto per radunarsi e lo staff spesso non è in grado o non vuole condurre la preghiera».

D’ACCORDO GLI UMANISTI. Dell’intervento dei presidi si è felicitata la British Humanistic Association, di cui fa parte anche Richard Dawkins, promotrice di una campagna per abolire la legge. Gli umanisti si sono accodati alla proposta scandalizzati perché «ci sono bambini, anche di quattro anni, che tornano a casa dicendo ai loro genitori non religiosi che credono in Dio».
La Chiesa di Stato anglicana ha ricordato che la scuola deve aderire alla tradizione inglese lasciando che la preghiera abbia «il suo posto come parte dell’educazione religiosa e spirituale degli alunni. Il culto rimane l’unico momento nelle nostre scuole troppo piene di regolamentati in cui la tirannia dei test e la valutazione costante può essere dimenticata per 15 minuti permettendo che avvenga un coinvolgimento reale».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. giovanni scrive:

    Il vero problema è che se non c’è nessuno che sa o vuole condurre la preghiera, a cosa serve riuscire a non fare abolire la legge?

  2. filomema scrive:

    Se nessuno da o vuole condurre una preghiera è perché si ritiene che la scuola non è il luogo adatto per le preghiere. Se si vuole far rilassare gli studenti tra una lezione e l’altra si dia più spazio alla ricreazione dove veramente ognuno può essere se stesso. E poi vale lo stesso ragionamento fatto dai cattolici quando rifiutano a scuola l’educazione contro il bullismo. Se si può rifiutare che ciò venga introdotto nelle scuole, si possono anche rifiutare le preghiere nella scuola aconfessionale.

  3. Bifocale scrive:

    Mi sembra una proposta sensata e civile. A scuola si va per studiare, non per dedicarsi a pratiche legate alle superstizioni religiose. Chi vuole pregare può farlo benissimo, e del tutto liberamente, in altri momenti della giornata. Inoltre perchè costringere a pregare anche quegli studenti che non sono credenti?

    • Raider scrive:

      Certo che siete proprio bravi a dire e disdire. Se lo Stato è laico, anche se la società e le scuole sono confessionali, niente preghiera; e se non lo sono, idem. E viva la ricreazione, quando “ognuno veramente può essere se stesso”: perché non fare solo ricreazione, allora? E questa è la concezione dell’uomo laico, la ricreazione contro la lezione, la ricreazione ma non la Creazione, lo svago anziché lo studio. Ma Bif. dice di no: “A scuola si va per studiare” e quindi, esser o non essere se stessi, niente ricreazione; e le “pratiche legate a superstizioni religiose”, pfui! Vuoi mettere quelle superstizioni ideologiche, genderiste o no, che fanno sentir liberi anche di non essere se stessi: tanto, gli stereotipi fanno tutto. E Giovanni: abolire o non abolire, è vero: ma il problema non sono le leggi inutili, sono quella alla Scalfar8.
      P.S. Non so quando, ma “volveré!”

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana