Google+

I giudici paghino. Per troppi anni siamo stati terrorizzati da una certa magistratura

febbraio 18, 2012 Luigi Amicone

Non c’è una sola categoria di cittadini, eccezione fatta per i magistrati, che attualmente non sia chiamata a rispondere – e a rispondere in solido – di eventuali errori e danni procurati ad altri cittadini. Perché se è il magistrato a sbagliare e a essere condannato, è lo Stato, cioè il cittadino contribuente, a pagare i risarcimenti?

Forza Lega. È proprio il caso di dirlo. E la ragione per cui ogni cittadino dovrebbe oggi congratularsi col partito di Bossi è questa: grazie a un emendamento proposto dal leghista Gianluca Pini e contro il parere del governo, la Camera dei deputati ha approvato la norma che introduce la responsabilità civile dei magistrati.
Una legge che attendevamo dal 1987. Quando un referendum proposto dai radicali sulla responsabilità civile dei magistrati venne approvato da oltre l’80 per cento degli italiani. Fu un rarissimo caso di procedura referendaria che venne completamente disattesa dal Parlamento. Fino ad oggi. Da oggi e se, come ci auguriamo, il Senato confermerà il voto della Camera, avremo finalmente una norma che garantirà l’effettiva uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge. 

Prevedibile il firewall che innalzeranno i commentatori, politici e non, la cui produzione intellettuale e giornalistica si svolge a stretto “contatto” di un certo tipo di potere togato. Il primo gallo a cantare la geremiade che sentiremo nei prossimi giorni è stata Giulia Bongiorno, avvocato finiano, preoccupata che la norma produca «magistrati terrorizzati nell’interpretare la legge o che scrivono sentenze con mano tremolanti».

Strano ragionamento: non c’è una sola categoria di cittadini, eccezione fatta per i magistrati, che attualmente non sia chiamata a rispondere – e a rispondere in solido – di eventuali errori e danni procurati ad altri cittadini. Per quale misteriosa ragione il potere giudiziario dovrebbe continuare a essere esente da questa responsabilità? Non sono forse stati “terrorizzati” tanti cittadini finiti nel tritacarne giudiziario, e anni dopo, molti anni dopo, riconosciuti innocenti, salutati con risarcimenti miserabili nel mentre le loro vite erano state menomate, distrutte, spazzate via? Per quale ragione, ad esempio, un magistrato che si ritenga diffamato può oggi querelare, vincere la causa nel 99 per cento dei casi (sono i suoi colleghi a giudicare) e incassare risarcimenti (spesso cospicui e sempre esentasse), mentre se è il magistrato a sbagliare e a essere condannato, è lo Stato, cioè il cittadino contribuente, che deve pagare i risarcimenti?

Di qui in avanti, sempre augurandoci che venga approvata anche in Senato, la legge prevederà che «chi ha subito un danno ingiusto per effetto di un comportamento, di un atto o di un provvedimento» di un magistrato «in violazione manifesta del diritto o con dolo o colpa grave nell’esercizio delle sue funzioni o per diniego di giustizia», possa rivalersi facendo causa allo Stato e al magistrato per ottenere un risarcimento dei danni. A pagare sarà dunque la toga. Ma problema che si porrà al legislatore a conclusione dell’iter della norma sulla responsabilità dei magistrati è: quale corte dovrà giudicare il magistrato chiamato in causa da un cittadino?

A questo proposito potrebbe essere interessante recuperare un’intuizione del grande antifascista Piero Calamandrei. Il quale, all’indomani della nascita della Repubblica, propose di istituire un “Commissario di Giustizia” che fosse nominato dal Presidente della Repubblica e tenuto a rispondere al Parlamento sul funzionamento della magistratura e in primo luogo dei pubblici ministeri. Oggi l’idea di un Commissario unico non appare praticabile. Ma perché non riprendere quella intuizione calandola nel contesto di un tribunale di giustizia ad hoc, per i magistrati, retto da laici, eletto democraticamente dal popolo e, come immaginava Calamandrei, guidato da un “Commissario di giustizia” di nomina presidenziale?
Twitter: @LuigiAmicone

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. maxatwork scrive:

    e se il senatus non approva???

    chi oggi urla all’incostituzionalità dimentica che sono passati 27 anni dal referendum popolare
    e se non ricordo male
    IL POPOLO E’ SOVRANO.

  2. mules scrive:

    Come mai i medici (cito loro tra tanti), che hanno in mano la VITA delle persone (altro che mano tremolante!), sono responsabili di quello che fanno e al primo errore pagano, vengono denunciati e magari diffamati per “mala sanità”, quando spesso devono anche prendere decisioni in pochi minuti o istanti (e non in ore o giornate di camere di consiglio), mentre i giudici possono fare IMPUNEMENTE quello che vogliono? Tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge, ma alcuni sono più(o forse meno) uguali.. Siamo sotto la dittatura dei giudici che si autocontrollano: patetico, ma soprattutto GRAVE! Speriamo che il Senato approvi la legge, rispettando il referendum DOPO 27 ANNI!! (E questo sarebbe uno stato di diritto??). Ci penseranno poi ancora i giudici della corte costituzionale ad eliminarla, con buona pace di Parlamento e Popolo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana