Google+

Hollande anticipa l’approvazione del matrimonio gay di un mese. «Siamo in una dittatura»

aprile 13, 2013 Redazione

Manifestazione spontanea di 7 mila persone contro l’approvazione anticipata della legge in Senato.

«Hollande vuole il sangue e lo avrà». Durissima la reazione della portavoce della Manif Pour Tous, che si oppone in Francia alle nozze gay, alla notizia che la legge che legalizza matrimonio e adozione gay in Senato è passata con diversi giorni di anticipo. «Il presidente ha ghigliottinato il popolo – insiste arrabbiata, quasi piangendo – ci costringe ad uscire dal perimetro della legge. Siamo tutti furiosi, siamo in una dittatura! Hollande non ha ascoltato migliaia di francesi che sono scesi in piazza in queste settimane».

APPROVAZIONE ANTICIPATA. La Manif Pour Tous ha organizzato due grandi manifestazioni a Parigi negli scorsi mesi, portando in piazza oltre un milione di persone e chiedendo al presidente di ritirare la legge e sottoporla a referendum popolare. Il 55 per cento dei francesi è contrario all’adozione per le coppie gay, prevista dalla nuova legge. Ma Hollande non li ha ascoltati, rifiutandosi persino di ricevere gli organizzatori dopo la seconda manifestazione e ha accelerato l’approvazione della legge, che tornerà alla Camera mercoledì prossimo invece che il 20 maggio.

CAMBIA LA REGOLA SUL COGNOME. «Il presidente della Repubblica si prende il rischio di un confronto violento con i francesi» ha affermato Christian Jacob, capogruppo in Parlamento del gruppo Ump, principale partito di opposizione francese. Il Senato ha esaminato 280 emendamenti e la legge è rimasta invariata, tranne che in qualche dettaglio. In caso di disaccordo sul cognome da dare al bambino, ad esempio, prenderà entrambi i cognomi dei genitori in ordine alfabetico.

PROTESTA IMMEDIATA. In attesa di una nuova manifestazione di protesta il 26 maggio, ieri sera 7500 francesi appartenenti alla Manif Pour Tous si sono trovati a Parigi, tra il Senato e la Sorbona, per protestare contro la legge approvata da poche ore. «È aberrante quello che hanno fatto» dichiara un manifestante. «Distruggono la democrazia» afferma un altro, tutti portando la maglia con il logo di una famiglia (mamma, papà e due bambini) e scandendo slogan: «Francois [Hollande, ndr], non vogliamo la tua legge!».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. GiGi says:

    «Il presidente ha ghigliottinato il popolo – insiste arrabbiata, quasi piangendo – ci costringe ad uscire dal perimetro della legge. Siamo tutti furiosi, siamo in una dittatura! Hollande non ha ascoltato migliaia di francesi che sono scesi in piazza in queste settimane».

    Uguale uguale ai bambini vizzianti, che si sentono dire no.. ma proprio uguale ehhh……

    • giuliano says:

      certo che se il tuo senso della democrazia è questo, allora potresti essere definito un fascista o comunista, ma tu la democrazia non sai neanche dove abiti. Tu fai parte del popolo ARCIGAY ovvero il popolo delle canne

      • GiGi says:

        a parte il fatto che arcigay è un movimento apolitico, le canne se le si fa tanto a destra quanto a sinistra, quin il tuo discorso già non regge, e poi fino a prova contraria Hollande è stato eletto democraticamente dalla maggioranza dei francesi, quindi che nn rompano troppo i coglioni.

        Non è perchè il 1% o forse meno della popolazione nn vuole una cosa, che deve far rivedere i progetti di legge di un’intero stato…

        • ftax says:

          Quanta ipocrisia…
          ARCI (Associazione Ricreativa e Culturale Italiana) è sempre stata la stampella culturale-ricreativa del PCI.
          La canna libera è da sempre la bandiera culturale della sinistra.
          A proposito dell’1% della popolazione contraria a progetti di legge di un’intero stato, che ne pensi allora dei NOTAV?

        • Charlie says:

          I coglioni i francesi fanno bene a romperli ad Hollande e anche a te, di riflesso.

          Come ha sempre fatto la CGIL quando al potere c’era qualcuno che a lei dispiaceva.

          Sostenere che si tratta dell’1% è come sostenere che nel sindacato comunista italiano, che faceva e fa opposizione politica al governo quando non è del suo colore, c’è l’1% dei partecipanti alle sue manifestazioni.

          Quindi non dire stronzate,

    • bah says:

      uguale uguale al bue che dice cornuto all’asino …

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Fervono i preparativi per la 10ª volta del raduno internazionale Ducati, una tre giorni in cui incontrare campioni, partecipare a contest, a corsi di guida e molto altro. Aperta la vendita dei biglietti

L'articolo World Ducati Week, 20-21-22 luglio 2018. Info e biglietti proviene da RED Live.

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.

È l'outfit scelto dal campione Fabian Cancellara. Composto da maglia e salopette corta+ è disponibile a partire da 89,95 euro

L'articolo Gore C5 Optiline proviene da RED Live.

Costruito in Cina, non è solo mastodontico e pressoché indistruttibile, ma anche costosissimo. La meccanica è quella di un pick-up Ford mentre l'obiettivo è quello di conquistare i facoltosi petrolieri arabi o i magnati russi e cinesi

L'articolo Karlmann King <br> il SUV indistruttibile più caro del mondo proviene da RED Live.