Google+

Genitori di omosessuali: noi al Family Day contro una legge che non accetta i nostri figli

gennaio 29, 2016 Michele Gastaldo

L’adesione dell’associazione Agapo: «Il ddl Cirinnà erige un nuovo tabù per impedire la più elementare delle domande: da dove vengono i figli delle unioni gay?»

unioni-civili-gay-cirinna-manifestazione-ansa

Pubblichiamo la lettera scritta da Michele Gastaldo per la Presidenza AGAPO (Associazione di Genitori e Amici di Persone Omosessuali) con la quale l’associazione ha voluto motivare la sua adesione al Family Day di sabato 30 gennaio a Roma.

Come genitori di figli omosessuali aderiamo alla manifestazione contro la proposta di legge sulle Unioni civili omosessuali perché non fa il bene delle persone omosessuali stesse.

Sosteniamo il rinforzo giuridico, ove necessario, dei diritti derivanti da una convivenza stabile, ma riteniamo completamente sbagliata l’omologazione delle unioni dello stesso sesso al matrimonio e alla possibilità di adottare figli.

Come genitori conosciamo bene le sofferenze dei nostri figli, anche quelle legate al fatto che da una loro relazione affettiva non possono nascere figli, dolore che, riteniamo, deve essere rispettato e non negato da nessuno.

Ma il testo di legge e i fautori della Stepchild Adoption, come se la realtà non esistesse, parlano di “figlio naturale del partner”, di “figli nati dall’amore di persone dello stesso sesso” e così via, nascondendo e negando in tal modo ciò che caratterizza la condizione omosessuale.

Nella legge Cirinnà si applica il principio dell’uguaglianza per situazioni che uguali non sono, erigendo un nuovo tabù, volto a impedire che ci si ponga la più elementare delle domande: da dove vengono i figli delle cosiddette famiglie omosessuali?

Come Associazione AGAPO, attraverso il nostro servizio di ascolto, siamo a conoscenza di situazioni in cui una persona omosessuale in una precedente relazione eterosessuale, abbia generato un figlio in modo naturale, ma in questo caso non c’è nessun figlio naturale “già esistente” adottabile, perché il bambino il secondo genitore lo ha già.

Da alcuni mesi le “avanguardie illuminate”, promotrici della legge, “svegliano l’Italia” e insegnano che la maternità surrogata non ha a che fare con l’adozione del figlio del partner. Parole testuali della senatrice Cirinnà. Ecco, non ci resta che credere alla cicogna!

Attraverso qualunque via si arrivi all’adozione del figlio del partner, sia eterologa, surrogata o per l’intervento della cicogna, si tratta comunque di procedimenti in cui, in modo deliberato, si fa sparire uno dei due genitori biologici dalla vita del bambino e si uccide simbolicamente il genitore dell’altro sesso, la madre o il padre.

La maggior parte delle persone omosessuali, e la recente diatriba tra Domenico Dolce e Elton John lo ha messo ancora in evidenza, non vuole essere strumentalizzata a tali fini; sanno di essere nati da una madre e un padre e ne sono contenti.

Agli amici, promotori della Stepchild Adoption consigliamo, prima di parlare dell’omofobia degli altri, di cominciare a guardare la realtà della condizione omosessuale e di accettarla. È questo il punto da cui inizia il vero rispetto della persona omosessuale.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

52 Commenti

  1. Beppe says:

    perché stepchild adoption in maiuscolo??

  2. Caterina says:

    Poveri figli

  3. Bob says:

    Ma Agapo chi?
    Quelli che sostengono la “cura” dell’omosessualità tramite le teorie riparative?

    • giovanna says:

      DFTT
      ( trollona, qui bob )

    • Nino says:

      Si Bob, proprio quelli! E condivido quello che scrive caterina :-), poveri figli con tali genitori.

      • Bob says:

        Leggo sul sito di Agapo la “preghiera” del perfetto genitore di un figlio “affetto da s.s.a.”:

        “Oh Signore, Di o nostro, a te ci rivolgiamo in sofferenza,
        per nostro/a figlio/a così ferito/a nel profondo del suo essere uomo/donna.
        Invia il tuo Spirito Santo su di lui per aiutarlo/la
        A riconoscere il tuo disegno,
        Che maschi e femmine ci hai creati.”

        No comment!

  4. Luca P. says:

    Escludendo la cicogna è chiaro che la stepchild adoption diventerà la porta tramite la quale (facoltose) coppie omosessuali ricorreranno a pratiche raccapriccianti per poter soddisfare il non-diritto di avere un figlio.
    Apparte il fatto che questa pratica ad oggi è consentita anche alle coppie eterosessuali, e anche questa è una battaglia portata avanti dalla galassia del Family Day … mi chiedo una cosa.
    Ma da che parte stanno quei movimenti “verdi” ed “animalisti” che tanto si battono contro tutti i metodi innaturali di procreazione e allevamento degli animali ?
    Non è che per una certa sinistra il cucciolo di pastore tedesco vale più di quello di homo sapiens ?

  5. MicheleL says:

    AGAPO è una trappola per genitori confusi che fa il verso e cerca di farsi passare per la ben più importante AGEDO.

    Come si fa ad essere amici di un omosessuale e indurli verso una “terapia” anti etica, inefficace e dannosa? (V. Robert Spitzer, il caso EXODUS, oltre ad APA ed Ordine Italiano degli Psicologi che definisco la terapia per cambiare gli omosessuali pericolosa, inefficace e anti-etica).

    • Aurelio says:

      “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.”
      Nessuno quindi la vuol curare, quindi stia sereno e lasci fare agli altri quello che vogliono.

  6. Fardo says:

    Se dobbiamo considerare normale il matrimonio tra due persone dello stesso sesso, perchè non dovremmo accettare anche il matrimonio tra due fratelli gay, oppure tra un nonno e suo nipote (maggiorenne)? Oppure tra tre uomini? Ecc.
    D’altronde, se si vogliono bene, chi siamo noi per poter giudicare…??
    PD, ovvero Partito dei Depravati.

    • underwater says:

      La ormai celebre frase del Papa è stata tremendamente distorta dagli interessati, ed ormai viaggia a prescindere da chi la ha pronunciata (e ha precisato più volte che citava il Catechismo).

    • Bob says:

      Eh, certo. Infatti considerando nornale il matrimonio tra un uomo e una donna abbiamo già automaticamente accettato anche il matrimonio tra fratello e sorella.
      Eh, sì, non fa una piega.

      • underwater says:

        Tu hai una strana idea di come ragionano i cattolici.

        • Bob says:

          Boh. Io seguivo il ragionamento di Fardo per dimostrare che è assurdo.
          Chiedi a lui.

          • Selvone says:

            Bob, non mi sembra che tu abbia spiegato perchè si dovrebbe considerare anormale il matrimonio tra un babbo e suo figlio. Come riesci a differenziare tra due gay e tra babbo e figlio? Forse perchè il secondo caso è “contronatura”…?? Per favore, ce lo puoi spiegare?

          • Toni says:

            Ciao Bob,

            ogni tanto ti tirano fuori, mi fa piacere.

            L’assurdo era dimostrato da una spontanea evoluzione sociale che nello svincolare da una incestuosa unione familiare si creavano i presupposti per creare la civiltà. Il matrimonio tra uomo donna è un processo di differenziazione e crescita tra unione di differenze. Un continuo uscire da un buco, un continuo partorire che senza l’affrancarsi dai rapporti incestuosi non era possibile. Oggi o ti piace o no, ogni legame ha la stessa legittimità: due etero si possono fingere gay ed avere dei benefit… ma non sarebbe necessario neppure fingere. Lo stesso dicasi per ogni legame incestuoso ed ogni altra evoluzione di gusto che una forza di persuasione riesce ad imporre ad una società (incluse quelle bestiali). Negare questo è solo una questione di forza della maggioranza … ma ogni forza prima o dopo è eguagliata e superata. Tu non hai idea del bene e del male e non sarai rispondere sull’essere lecita o meno. L’unica cosa che che accozzerai è che non si ragiona con i “se” o i “ma” (guardandoti bene dal guardare la srtoria, ciò che è successo in passato) o come fa “l’omino di burro” … che trattasi di provocazioni.

            Capito Bob?

      • Luigi says:

        Hey troll non vorrai mica essere razzista? Se due fratelli o due cugini o zia e nipote o mamma e figlio o tre o piú persone di sesso misto o uguale vogliono sposarsi e tirare su marmocchi propri o di altri perché non potrebbero farlo? Giacché il concetto di famiglia e di matrimonio viene del tutto smontato nella sua essenza, perché non dovrebbero essere inglobati nel nuovo conetto di famiglia altri tipi di unioni? Ma che scherziamo? E se tra qualche anno la scimmia finalmente si evolve e diventa uomo, perché mettere limiti? E se dovessero arrivare i marziani? Razzista!

        • Bob says:

          Bel tentativo di trollaggio:
          “E se tra qualche anno la scimmia finalmente si evolve e diventa uomo…”

          Questa teoria esiste già e si chiama “evoluzionismo”.
          😊

          • Giannino Stoppani says:

            E te sei l’anello mancante.

          • Toni says:

            Ciao Bob,

            sei stato fuori più a lungo del solito, mi fa piacere.
            In Spagna Zapatero (e chi se no) aiutato da Singer (e chi se no) … avanzava progetti di umanizzazione nel progetto “grandi scimmie”.
            Augias mi ha commosso una volta che nel dichiarare che nel vedere un gorilla aveva visto i suoi antenati e sentiva l’impulso ad abbracciarlo. Lo ammetto, la commozione mi avrebbe portato a chiuderlo in gabbia con il gorilla …per un lungo abbraccio.
            Non fare lo spiritoso se non rifletti bene su quello che scrivi

            Capito Bob?

            A ri-ciao Bob

    • giovanna says:

      Hai rispolverato “ale”, trollona ?
      Dopo aver scritto la stessa cosa con horror nick come “nino”, micheleL” e l’ acclaratissimo ” horror-nick “bob”…non sapevi più come darti ragione da sola !
      Però con questa “ale” mi sembra che butti sull’horror nick trucido….ma si sa, se non accompagni i tuoi horror-nick saccenti, quanto ignoranti, con horror-nick trucidi…non sei contenta !
      Che poverina.

      • Bob says:

        – buongiorno signo’ c’ho er camion de letame giù in strada, ‘ndo lo metto?
        – Prego, scarichi qui. Così buttiamo tutto in caciara e nun se capisce più che nun sappiamo più come risponde’.

    • Caterina says:

      Caro Fargo, oggi un uomo ed una donna per la legge italiana purché maggiorenni, non parenti diretti e non coniugati possono decidere di intraprendere un percorso comune e rendere questa decisione ufficiale di fronte allo stato ed alla legge. Non importa se hanno intenzione o sono capaci di avere figli, non importa se si amano, non importa il motivo per cui hanno deciso di formare una coppia, possono scegliere se ufficializzare questa decisione con il matrimonio civile. Due uomini o due donne no. questo dice oggi la legge, se per te non e’ una discriminazione ne prendo atto

      • Caterina says:

        Ops, Fardo non Fargo chiedo scusa per l’errore

        • giovanna says:

          Trollona, qui caterina-bob , basta con le troll-firme, sono superflue !
          Ciao, tesoro….zaino con seggiolino incorporato, pranzo al sacco….noi si va….domani puoi trollare tranquillamente…. trollare trollare trollare trollare trollare trollare…che goduria, che divertimento, che spasso !

          • samuele says:

            Che delusione Giovanna….ed io che speravo di vedere in qualche TG un’immagine del family day con un bel cartello “Giovanna is here”. Sarai mica una trollona anche te???? Una piacevole giornata, cara Giovanna!

            • giovanna says:

              Trollona, qui “giovanna”, sei noiosa da morire.
              Ma che gusto ci sarà a farsi compatire ?
              Un divertimento spaziale !

      • Toni says:

        Sottolinei il cosa “non importa” ma non dici una parola sul “cosa importa”. Tranne che con il chiosare un “perché no” due maschi due femmine non possono farlo. Capito l’inconsistenza? Solo una libertà passiva e indefinita del “perché no”: Ogni serial killer inizia con un “perché no” … e qui ci sono all’opera conigli serial killer della famiglia.

        • Toni says:

          Scusa Caterina…
          ho dimenticarti di dirti che sono umili pensierini per te dopo aver visto il tuo di “mangiare”.

  7. AndreaB says:

    La domanda che tutti dovremmo farci e provare a rispondere con onestà e’ questa: “Perché il matrimonio tra uomo e donna e’ diverso dal “matrimonio” tra uomo e uomo o tra donna e donna?” Ovvero, che cosa c’è di diverso nell’uno e negli altri casi? Ovvero, ancora, a cosa serve alla società che due persone, maschio e femmina, si sposino, stiano insieme per tutta la vita, senza tradirsi, abbiano dei figli e li crescano con amore e generosità?

    Sono stati scritti molti articoli a riguardo, ma, chi pensa solo a se stesso ed al suo profondo egoismo, non viene toccato da alcuna verità, perché la verità non gli interessa.

  8. arzevedo says:

    H ve naganjiin, ve glawdol. Na ve naiqwee, ute h floïd sinqa.

    • ROLLI SUSANNA says:

      Eh??? Il francese tutt’al più, o l’inglese (un poco anche di spagnolo), ma il marzianese proprio non lo capisco!

  9. AndreaB says:

    IL FAMILY DAY È STATO UN GRANDISSIMO SUCCESSO!!!
    Fa davvero piacere vedere che centinaia di migliaia di persone capiscano come e’ importante che i bimbi non siano privati della loro mamma o del loro papà.

    • Nino says:

      e’ stato veramente un gran successo, un vero miracolo fare entrare 2 milioni di persone in una piazza che ne contiene al massimo 300.000 senza neanche riempirla tutta

      • Giovanna says:

        Allora è vero che è stato un flop ma come?? io non sono riuscita a seguire niente ma sinceramente sotto sotto…un po’ me lo aspettavo…dispiace sia finita così.

        • Giannino Stoppani says:

          Ah, ma qui abbiamo anche il troll-scoreggina in veste di ruba-nick.
          Che piacere…
          Già digerita la bile?

      • Giannino Stoppani says:

        Al massimo 300.000?
        Ma guarda!
        In occasione dei festeggiamenti per il mondiali del 2006 secondo la prefettura ce ne entrarono come minimo 500.000.
        Mi si deve essere ristretto il circo.
        Sbagliato candeggio?
        E poi, se alle manifestazioni furbette pro cirinqua organizzate sotto casa grazie alle truppe cammellate del partito e alla canaglia assoldata dei centri sociali c’era un milione di persone…

        • Caterina says:

          Non definirei mai i partecipanti al family day, per la maggior parte dei quali ho grande rispetto (per gli politico opportunisti molto meno, truppe cammellate del Vaticano e canaglia assoldata dalle parrocchie integraliste

          • Toni says:

            E quale è il rispetto lo meritano quei politici che partecipano alla carnevalata oscena del gaiopride? (leggi pure “poliamore” nelle rivendicazioni delle associazioni del Roma Pride 2015)

          • Giannino Stoppani says:

            Io invece in poche circostanze come questa so di cosa parlo, e pertanto i cialtroni dei centri sociali e i pensionati della CGIL in gita etilica li definisco “truppe cammellate”. E della tua opinione di bilioso troll me ne sbatto altamente.
            Capito ciccio?

      • Sebastiano says:

        Nino, Nino… peccato non avere a disposizione una faccina adeguata…
        Capisco che ti roda incommensurabilmente il chiccherone, ma fattene una ragione.
        Tu e tutti quei politichetti da circo (come stamattina su La7), che dopo aver sbandierato fino all’altro giorno “l’importanza della piazza” in occasione della vostra manifestazione da unmilionefarlocco (e basta l’aritmetica per dimostrarlo), messo lì come dato preventivo da contrapporre al Family Day, oggi si scoprono più “riflessivi”, a dire che tutto sommato “non contano i numeri ma le opinioni” e far di sponda al giochetto delle cifre che la sinistra (sommi maestri i sindacati) ha sempre utilizzato per far pressione sulla politica. Pensa che si è spinto anche oltre, dicendo che per la maggior parte “erano gente senza cultura” (e ovviamente parlava della sua, l’unica legittimata, a quanto pare).

        Ma se fossero stati anche 300.000 (ma erano molti di più, lo sai bene anche tu), erano immensamente più numerosi dei vostri, perché negarlo?

      • Giannino Stoppani says:

        Ai festeggiamenti per i mondiali del 2006 nel circo massimo ci entrarono da 500.000 a 700.000 persone.
        Ci hai provato a disinformare ma ti ha detto male.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download