Google+

Franco Loi: «La poesia è contro il Potere perché riconduce l’uomo al vero»

gennaio 3, 2012 Daniele Ciacci

Intervista video al grande poeta e saggista: «Si scrive perché qualcosa d’esterno ti muove. E quest’azione permette di conoscersi meglio. Questa estraneità della poesia ad un progetto, ad una trama prestabilita, la rende espressione di qualcosa che non è il poeta. È il momento di un contatto con l’Ignoto, con il Mistero, con Dio».

La poesia in Italia sta subendo una pesante opera di chiusura. Non viene letta, non viene pubblicizzata. Che senso ha essere poeta nel mondo contemporaneo? Ne parliamo con Franco Loi, poeta dialettale milanese, scrittore e saggista. Nel video che vedete pubblicato qui sotto, Loi ha letto in esclusiva per tempi.it alcuni passi del suo poemetto “Stròlegh”, edito nel 1975 da Einaudi.

Franco Loi, lei perché scrive?
Non lo so. Ho iniziato perché sentivo il bisogno di dire certe cose. Cose che non potevo dire ai genitori o agli amici. Allora le scrivevo. Ero bambino e mi divertivo a fare rivisitazioni teatrali di grandi opere. Tipo “I tre moschettieri” di Dumas. Poi le inscenavamo nel giardino e le bambine facevano i costumi di carta. La gente guardava alle finestre. Io scrivevo i pensieri che mi venivano, gli eventi che mi capitavano. Adesso, a 81 anni, posso dare ragione della mia scrittura. Scrivo perché mi è necessario e lo scrivere apre dentro una strada che diventa profonda e consapevole. Scrivere poesie mi fa più cosciente di me stesso. Fa risorgere qualcosa di dimenticato.

Qual è la peculiarità della poesia rispetto ad altre forme di scrittura?
A Dante, nel Purgatorio, qualcuno gli chiede chi sia. Lui risponde: «I’ mi son un»: io, nella poesia, divento uno a me stesso. Il mio essere sa più di me. «Che quando amor mi spira, noto»: qualcosa di esterno mi muove. Il poeta ascolta e prende nota. «E a quel modo ch’ei ditta dentro vo significando»: così come l’amore “detta” dentro il cuore, così gli va dietro l’autore con la cultura e con segni linguistici. La condizione di Dante è propria dei poeti veri. Si scrive perché qualcosa d’esterno ti muove. E quest’azione permette di conoscersi meglio. Benedetto Croce ha scritto: «Nel filosofo accade il medesimo che nel poeta. Non è lui che filosofa ma è Dio o la natura. Anzi, dirò di più. È la cosa che pensa se stessa in lui». Nella poesia si toccano elementi sconosciuti alla coscienza.

Quindi, chi è il “vero” autore della poesia?
È qualcosa che viene da un impulso che Benedetto Croce chiama l’archetipo. Perché non sappiamo cosa sia, in realtà. Ma è una voce che hanno sentito tutti i santi, tutti gli scrittori, i poeti, i filosofi. Viene detto qualcosa di cui non hanno coscienza, che non avevano mai pensato né sentito. Nascono parole, immagini, suoni del tutto nuovi, che ti fanno meravigliare. E, se una poesia è vera, lo stesso autore ne impara qualcosa. Questa estraneità della poesia ad un progetto, ad una trama prestabilita, la rende espressione di qualcosa che non è il poeta. È il momento di un contatto con l’Ignoto, con il Mistero, con Dio. Si potrebbe fare un parallelo con la situazione di Mosè, che domanda ad una voce: «Tu chi sei?». La voce di Dio risponde: «Io sono Colui che sono». Non è una definizione logica o ideologica. Lascia trasparire un senso di Mistero: con parole umane tratta di qualcosa di incomprensibile.

Se la poesia raccoglie questa ricchezza, perché è così poco apprezzata?
L’azione di chi fa poesie va contro il potere. La poesia ha il potere di ricondurre l’uomo alla sua coscienza più vera. Chi ha potere, difficilmente desidera che i suoi sottoposti abbiano una propria coscienza. Vuole guidare. La situazione odierna è tragica. È caduta la teologia cattolica. È caduta l’ideologia comunista. Gli uomini non hanno nulla in cui credere. Quello che gli viene da fuori lo ricevono come una verità e una cultura. Adesso accettano lo scientismo e il positivismo. Basta il corpo. La cultura è utile solo se porta soldi e sesso. O, al limite, altro potere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.