Google+

Francia, una donna su tre ha abortito almeno una volta. «La pratica è stata banalizzata»

gennaio 15, 2015 Leone Grotti

In occasione del 40esimo anniversario delle promulgazione della legge, l’Istituto nazionale studi demografici ha rilasciato alcuni dati impressionanti

francia-aborto-numeriIl 33 per cento delle donne francesi, cioè una su tre, ha abortito almeno una volta. Un dato impressionante, se si pensa che l’allora ministro Simone Veil nel 1974 convinse l’Assemblea nazionale a legalizzare l’aborto pronunciando queste parole: «Lo dico con tutta la mia convinzione: l’aborto deve restare un’eccezione, l’ultimo appello per situazioni senza altra soluzione». E questo perché «nessuna donna ricorre con gioia all’aborto».

210 MILA ABORTI ALL’ANNO. Il 17 gennaio in Francia si celebra il 40esimo anniversario della promulgazione della legge. Il dato appena citato proviene da un nuovo studio realizzato da Ined (Istituto nazionale studi demografici) per l’occasione, dove si legge: «L’interruzione volontaria di gravidanza è diventata ormai un diritto, più che una soluzione estrema. Nel 2011 ci sono stati circa 210 mila aborti. Dopo un calo tra il 1975 e il 1995, il ricorso all’aborto è leggermente aumentato prima di stabilizzarsi alla fine degli anni 2000».

CONTRACCETTIVI. Il numero impressionante di aborti che si verificano Oltralpe è tanto più problematico se si considera che in Francia il 91 per cento delle donne tra i 15 e i 49 anni dichiara di usare i contraccettivi. Affermano gli autori dello studio Magali Mazuy, Laurent Toulemon e Élodie Baril: «Dal 1970, la diffusione di efficaci metodi di contraccezione ha permesso la diminuzione di frequenza di gravidanze non desiderate, ma quando si verificavano, il ricorso all’aborto aumentava, fino a quando il numero totale di interruzioni di gravidanza non è più sceso».

«ABORTO BANALIZZATO». Gli autori, come riportato dal Le Figaro, se lo spiegano così: «Dopo 40 anni di legalizzazione, la mentalità si è evoluta. L’aborto è diventato un diritto, la pratica è stata banalizzata. Non è così per tutto il mondo ma le donne che ricorrono all’interruzione volontaria di gravidanza si sentono meno giudicate».
Ne è prova il nuovo testo approvato il 4 agosto 2014. Se prima potevano abortire «tutte le donne incinte che si trovano in una situazione di sofferenza a causa del loro stato», ora possono farlo tutte quelle che semplicemente «non vogliono una gravidanza».

PIANIFICAZIONE FAMILIARE. Lo studio sottolinea un altro dato inquietante: «Negli anni 70 solo un aborto su 10 era ripetuto. Dopo gli anni 80, gli aborti ripetuti hanno cominciato ad aumentare e diventare sempre più frequenti». Oggi, circa il 10 per cento delle donne ha fatto ricorso due volte all’aborto, mentre circa il 4 per cento delle donne tre volte o più. Tra le ragioni c’è anche la diffusione della cultura della pianificazione familiare: «Oggi c’è un’età giudicata ideale per restare incinta e anche lo scarto di tempo giudicato ideale per avere un secondo figlio. Per avere un bambino, si attende anche di mettersi a posto con il lavoro. Spesso si ricorre all’aborto perché una nascita è in contrasto con la pianificazione familiare».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. Su Connottu scrive:

    La Francia ha banalizzato l’omicidio dei più piccoli come l’ISIS ha banalizzato l’omicidio dei meno islamici.

  2. Filomena... scrive:

    La pianificazione famigliare è il presupposto per diventare genitori stabili visto che i figli non vengono al mondo per caso o per intercessione divina. Poi si può discutere del fatto che l’aborto non deve essere un metodo contraccettivo, ma il principio della pianificazione famigliare responsabile non può essere messo in discussione perché allora è come delegare le nostre scelte di vita. Per ridurre il numero di aborti l’unico modo è mettere in condizioni le donne di non restare incinte a seguito di un rapporto sessuale se non ritengono di diventare mamme o vogliono posticipare questa scelta al momento più opportuno.

    • Cisco scrive:

      @Filo
      Interessante: come pensi di fare in modo che le donne non rimangano in cinta con un rapporto sessuale, visto che il 91% già usa metodi concezionali?

      • Filomena*** scrive:

        Rendendoli più affidabili. E comunque informando meglio sul loro corretto utilizzo. La pillola è sicura al 99%. Quell’uno per cento è di solito legato alla mancata assunzione giornaliera. Bisogna poi lavorare di più per eliminare gli eventuali effetti collaterali per renderla accessibile a tutte le donne senza controindicazioni (che peraltro negli anni sono già state ridotte di molto). E poi insistere sul fatto che la contraccezione va praticata durante tutta la vita fertile ad eccezione di quando si ritiene di voler mettere al mondo un figlio. Non saltuariamente, ma in modo rigoroso.

        • giuliano scrive:

          Filomena vai a rompere dai tuoi verminosi amici di sinistra. L’Europa si trova in difficoltà generazionale proprio a causa della cessata natalità provocata dallo sterminio dei bimbi, e questo è stato pianificato e voluto da voi vermi mentecatti e porci assassini

          • Filomena>>> scrive:

            Complimenti per la vostra natura pacifica e non offensiva!!! Io non ti ho insultato, impara a rispettare gli altri e dopo avrai diritto di replica!

            • To_Ni scrive:

              Ci sono cose peggiori delle parolacce. Tu non ne dici mai, ma poi leggendo il contenuto di quello che dici, il distacco con cui lo sostieni, l’estraneità rispetto alle persone vere, ricordi l’igienista compulsivo che vive in un ambiente asettico, sterilizzato, ordinato all’inverosimile, ma che a guardarlo mette paura.

  3. filomena____ scrive:

    Errore: Responsabili e non stabili.

    • saras scrive:

      errore: calcolatori e non responsabili.

    • Cisco scrive:

      @Filomena
      Ottima iniziativa, ma secondo me ancora più efficace potrebbe essere la sterilizzazione di massa delle donne, tranne una percentuale da definire di donne indigenti che, a fronte di un congruo pagamento, verrebbero affittate come macchine da gravidanza. Si prenderebbero due piccioni con una fava: meno gravidanze indesiderate e meno povertà.

  4. Cisco scrive:

    Probabilmente anche in Francia, come nel Laos, bisogna finalmente iniziare a distribuire preservativi nelle zone rurali…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana