Google+

«Fatwe, minacce, intimidazioni». Così i paesi islamici hanno “convinto” l’Onu a salvare l’Arabia Saudita

giugno 9, 2016 Leone Grotti

Ban Ki-moon ha tolto l’Arabia Saudita dalla lista nera dei paesi violatori dei diritti dei bambini, anche se ne ha uccisi almeno 510 in Yemen nel 2015. Ufficiali dell’Onu rivelano: «Bombardati di minacce»

Ha fatto scalpore la decisione di lunedì del segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon, riportata anche da tempi.it, di togliere l’Arabia Saudita dalla black list dei violatori dei diritti dei bambini. Il regime islamico era appena stato inserito giovedì per aver ucciso nel 2015 almeno 510 bambini e feriti altri 667 con i bombardamenti a tappeto in Yemen

TUTTI I PAESI ISLAMICI. Dopo aver accettato di rivedere i dati dell’Onu insieme agli emissari sauditi, Ban è stato accusato di cedere a non meglio precisate «pressioni». Ieri un informato articolo di Reuters, basato sulle dichiarazioni di funzionari Onu coperti da anonimato, ha dettagliato meglio di che cosa si tratta: «L’ufficio di Ban Ki-moon è stato bombardato per giorni dalle telefonate dei ministri degli esteri dei paesi arabi e anche da quelli dell’Organizzazione della cooperazione islamica (Oic)». L’Oic è l’organismo intergovernativo più grande dopo le Nazioni Unite e riunisce 57 paesi musulmani rappresentando la «voce e gli interessi del mondo musulmano».

«MOBBING, MINACCE, RICATTI». «Tutta la corte» si è riunita per «fare mobbing, minacciare e ricattare» il segretario generale perché togliesse l’Arabia Saudita dalla lista nera. Secondo un ufficiale, si è trattato di una sconvolgente ed inedita operazione di «intimidazione». Un’azione politica e religiosa insieme: «Alcuni imam di Riyad hanno minacciato di emettere una fatwa contro l’Onu, per dichiarare l’organizzazione anti-islamica, impedendo di conseguenza ai membri dell’Oic di avere contatti e relazioni con essa, e vietando di finanziare e sostenere programmi e progetti delle Nazioni Unite».

«È IL MESSAGGIO SBAGLIATO». In sostanza, i paesi musulmani hanno minacciato di mandare in bancarotta le Nazioni Unite pur di difendere l’alleato saudita, che ha causato in Yemen migliaia di violazioni dei diritti umani nell’ultimo anno. In particolare, le attività a favore dei rifugiati palestinesi (Unrwa) avrebbero rischiato di chiudere. Fonti diplomatiche fuori e dentro l’Onu non hanno risparmiato critiche a Ban Ki-moon per la sua debolezza: «Ci si poteva aspettare la rabbia saudita, ma facendo un passo indietro si manda il messaggio sbagliato: se fai la voce grossa con il segretario generale, puoi averla vinta e il Consiglio di Sicurezza non muoverà un dito». Né per lui, né per i bambini dello Yemen.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. jens scrive:

    Visto che Ban Ki-Moon con gli arabi non va d’accordo, men che meno con il buon vecchio Kim Jong-Eun, io un nome per il nuovo commissario generale per l’UN ce l’avrei: Antonio Razzi.
    Con lui non ci sarebbero problemi: tutti amici e tutti contenti di fronte agli arrosticini!

    • Luca P. scrive:

      :-)
      Concordo al 100%.
      Mandiamo Razzi all’ONU … o forse meglio mandiamo razzi sull’ONU !

      • Pietro scrive:

        L’ONU ormai è un vero e proprio carrozzone. Ho difficoltà a capire a che cosa effettivamente serva e perché continuiamo a mantenerlo.

  2. Filippo81 scrive:

    Per i parrucconi dell’onu l’arabia saudita è un Paese modello sotto ogni punto di vista…….

  3. Sebastiano scrive:

    ONU=Organizzazione di Nullità Ultracagasotto.
    What Else?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’ufficio a portata di mano anche in vacanza e nei weekend in un ambiente confortevole e “viaggiante”? Lo rende possibile Renault con una nuova generazione di Trafic SpaceClass rivolta sì ai privati ma prentemente alla clientela del mondo business, come aziende di noleggio con conducente, strutture alberghiere e sportive, agenzie turistiche. Insomma, realtà che desiderano fornire […]

L'articolo Renault Trafic SpaceClass, l’ufficio è mobile proviene da RED Live.

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a segnare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da fare e vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download