Google+

Ed Houben ha 98 figli. Dona sperma (col «metodo tradizionale») a coppie bisognose. Mica perché gli piace. Lo fa «per altruismo»

marzo 22, 2014 Francesco Amicone

Prima frequentava le banche del seme, ma oggi aiuta chi è in difficoltà. Ma i mariti non sono gelosi? Figurarsi. Lui è felice di aiutarli «con la spermatozoo di cui hanno bisogno»

Ed HoubenEd Houben è un donatore di sperma caritatevole. Fa la guida turistica nei Paesi Bassi e la sua missione è aiutare donne single, coppie lesbiche ed eterosessuali con problemi di fertilità ad avere un bambino. Ed è una persona speciale, perché dopo anni passati nelle banche del seme a “donarsi” anonimamente, ha finalmente deciso di uscire allo scoperto e utilizzare il “metodo tradizionale” per il concepimento. Altruismo, nient’altro. Ed ha scoperto infatti di avere una dote. Un eccezionale talento nel fecondare le donne. E non vuole disperderlo con le siringhe e con la fecondazione artificiale. Meglio fare un bebè gratuitamente usando il «metodo tradizionale».

IL BUON SAMARITANO. Alla Bbc, il buon samaritano spiega come funziona il suo hobby. Racconta di una coppia di britannici che non riusciva ad avere figli e che, dopo aver visto il suo sito, ha deciso di andare a trovarlo in Olanda. «Sono rimasti per otto giorni, io e lei abbiamo dormito insieme quattro volte e, dopo quasi 10 anni di tentativi, hanno avuto la loro prima gravidanza». Per questo, «l’anno scorso sono venuti a trovarmi di nuovo, e ora sono in attesa del loro secondo figlio». Il metodo tradizionale non infastidisce i mariti? Secondo Ed, no. Cita l’esempio di una coppia di bielorussi che hanno speso tutti i risparmi per la fecondazione nelle cliniche private. Non è servito a nulla. «Sono venuti da me tre volte e ora hanno un bambino». Questi mariti non sono sentimentali, guardano oltre, non dicono «ooh c’è un estraneo a letto con mia moglie». Se il metodo funziona, sono contenti anche loro.

98 FIGLI. «Quando sento parlare di persone che vogliono avere un bambino per offrirgli una vita felice, piena di opportunità, e un sacco di amore, il fatto che il loro desiderio non possa essere soddisfatto mi rende infelice». «Ecco perché sono diventato un donatore – spiega Ed nel suo sito personale – se la gente mi può convincere che se fossi il loro bambino mi sentirei bene, sono felice di aiutarli con la spermatozoo di cui hanno bisogno».
Ma il suo, badate bene, non è sesso senza responsabilità. Ciò che motiva Ed è «la bella speranza di creare una nuova vita che sarà amata e curata» e che il bambino sia libero di conoscere il proprio padre naturale. Il fatto che abbia quasi un centinaio di figli da decine di donne bisognose di gravidanze, non significa che non sia un tipo previdente. Sul computer di casa tiene aggiornato l’elenco della sua progenie per ridurre il rischio che i suoi 98 figli possano involontariamente “incrociarsi”. «Se uno dei miei figli incontra qualcuno che non conosce il suo padre naturale, può consultare questa lista», spiega alla Bbc. Sul fatto che possa finalmente trovare una moglie ed avere una famiglia sua non sa ancora rispondere. Lo spera.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. giovanni says:

    Trovarsi una moglie? Credo proprio che non lo farà mai!!! Se non altro per non correre il rischio (cosa abbastanza improbabile) di aver bisogno di un “benefattore”

    • Eloisa says:

      Sta contribuendo alla crescita economica dell’Europa, dovreste essergli grati ahah…magari ce ne vorrebbe uno anche in Italia, ma non siete mai contenti, una volta che qualcuno si impegna per far salire il tasso di natalità, voi lo criticate? ma non siete mai contenti!

    • Eloisa says:

      Si certo, perché secondo te una sola donna avrebbe potuto sostenere 98 gravidanze e parti. Ho capito che della salute e dell’integrità fisica delle donne non vi importa nulla, ma un po’ di equità nella distribuzione del carico riproduttivo non è cosa da disprezzare.

  2. filomena says:

    In sintesi si tratta di una fecondazione eterologa simile a quella assistita. Posto che con la fivet sia ipoteticamente introdotta la possibilità di rendere noto il donatore come nel caso di specie, mi chiedo….i cattolici contrari alla fecondazione assistita si convertirebbero?
    E poi considerare le donne che non riescono a restare incinte a seguito di rapporti con il partner delle povere bisognose di “un contributo esterno” non scuote le vostre coscienze al pari per esempio dell’utero in affitto?

    • giovanna says:

      Sveglia, Filomena, questo non è un articolo di apprezzamento della pratica ! L’ha capito persino Eloisa !
      Possibile che non si colga la falsità del “dono di uno spermatozoo “, quando in realtà si regala o si vende, sempre come un oggetto, un figlio ?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.