Google+

«Per uscire dalla crisi, la politica non basta. Non bisogna farsi rubare la speranza»

settembre 5, 2013 Matteo Rigamonti

Intervista all’economista Luigino Bruni: «Non bastano le assunzioni agevolate per i giovani né la riduzione del cuneo fiscale, di cui pure c’è bisogno. Serve ricominciare dal basso»

Per uscire dalla crisi economica non basta incentivare le assunzioni dei giovani. E nemmeno abbattere il cuneo fiscale, di cui pure c’è bisogno. Secondo l’economista Luigino Bruni, editorialista di Avvenire, c’è solo una cosa da fare: rimboccarsi le maniche e costruire. A partire dal basso, con il contributo di ogni singolo protagonista della società civile. Senza commettere l’errore di aspettarsi tutto dalla politica. E senza, come direbbe papa Francesco, farsi «rubare la speranza».

Professore, agevolare con incentivi l’assunzione dei giovani può essere una soluzione per uscire dalla crisi?
Da una crisi come l’attuale non se ne esce con le assunzioni agevolate. L’Italia è l’unico paese sviluppato che sprofonda. E quel che è peggio è che, mentre in Europa si vedono i primi segnali di ripresa, da noi le aziende non assumono più perché manca la domanda. Il nostro primo problema oggi non è assumere, ma non licenziare. Incentivare le assunzioni sarebbe solo un palliativo. Anzi, una presa in giro.

Meglio abbattere il cuneo fiscale?
Sì, ma non dell’uno per cento. Il sistema fiscale italiano, infatti, penalizza troppo il lavoro: la tassazione sul lavoro è al 40 per cento, che è il doppio di quella sulle rendite finanziarie, oggi al 20, e più di quella sul reddito delle imprese, che comunque è al 30 per cento. Una situazione insostenibile in tempi di crisi. Ridurre il cuneo fiscale è un modo per non licenziare chi almeno ha già un lavoro ma rischia di perderlo.

Cos’altro può fare il governo?
Oltre a detassare seriamente il lavoro, dovrebbe sbloccare il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione alle imprese (che fino ad oggi sono stati pagati solo in piccolissima parte, ndr). Senza sostenere l’impresa, infatti, andiamo tutti a fondo. Non capisco poi perché dall’abolizione dell’Imu – cui sono sempre stato assolutamente contrario – siano stati esclusi i negozi, che sono notoriamente in difficoltà. Perché non agevolarli come invece è stato fatto con i capannoni? C’è però un errore in cui non dobbiamo incappare.

Quale sarebbe?
Aspettarci tutto dalla politica. Se c’è una cosa che dobbiamo metterci bene in testa è che alla fine il governo può fare ben poco. Negli ultimi anni si è riposta un’eccessiva fiducia nelle scelte della politica, che avrà avuto un peso all’incirca del 20 per cento sull’andamento della crisi. È l’informazione, la televisione in particolare, che ci ha inculcato a tutti questa aspettativa nei confronti della politica. Ma un governo, al massimo, può solo rimuovere qualche ostacolo, facendo qualche buona legge. Per tutto il resto, invece, serve l’impegno della società civile, di associazioni, sindacati, cooperative, famiglie e imprese. Da questa crisi non si uscirà se non cominciando a costruire dal basso.

Il suo è un invito a fare da sé, a essere ottimisti e guardare avanti?
Nient’affatto. È piuttosto un invito a sapere dove guardare e in che cosa riporre le proprie attese, la propria fiducia e speranza. «Non lasciatevi rubare la speranza», ha detto papa Francesco ai giovani. Il suo è un invito che vale anche per i protagonisti della vita di una società civile alle prese con i problemi di tutti i giorni. La speranza, infatti, «è una grazia, è un dono di Dio», ha detto Francesco. La speranza è «la virtù di chi, sperimentando il conflitto, la lotta quotidiana tra la vita e la morte, tra il bene e il male, crede nella Risurrezione di Cristo, nella vittoria dell’Amore». Fanno molto di più contro la crisi gli inviti del Papa – come anche l’ultimo a digiunare per la Siria – che nemmeno tutte le lamentele di questo mondo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    Tossani non ci vuole il buono scuola (perchè resta comunque un pezzo da pagare e non tutti possono). ci vuole la parità scolastica piena e completa.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana