Google+

Disney Channel manda in onda due mamme gay nella sit-com per bambini. «Ignorate migliaia di email di protesta»

gennaio 30, 2014 Redazione

In un episodio della serie “Buona fortuna Charlie” per la prima volta compaiono due madri lesbiche in un programma del network per famiglie

disney-channel-mamme-gayDisney Channel alla fine ha mandato in onda il contestatissimo episodio della sit-com Good Luck Charlie (Buona fortuna Charlie) con le due mamme gay. È successo domenica 26 gennaio e si tratta di una prima volta assoluta per il canale destinato all’infanzia. La cosa era stata annunciata nel giugno scorso a Tv Guide da un portavoce dell’emittente, il quale aveva spiegato che la sceneggiatura era stata «sviluppata consultando esperti dello sviluppo dei bambini e consulenti. Come tutti i programmi di Disney Channel, è stata pensata per essere pertinente alla vita dei bambini e delle famiglie di tutto il mondo e per riflettere i temi della diversità e dell’inclusione».

LE EMAIL SNOBBATE. Ma mentre l’annuncio ha suscitato l’entusiasmo di alcune star come Miley Cyrus (che su Twitter si è sentita di complimentarsi per la scelta «ispiratrice» con la rete che l’ha resa famosa), sul fronte opposto si sono mobilitate le mamme di One Million Moms per tentare di far cambiare idea alla tv preferita dei loro figli: come spiega Avvenire, «hanno tempestato la Disney di decine di migliaia di email di protesta, chiedendo di non introdurre nei programmi temi legati all’omosessualità, inadatti a un pubblico troppo giovane per capire». Evidentemente però, aggiunge il quotidiano cattolico, «Disney ha ignorato le richieste» senza nemmeno degnarsi di rispondere.

«NESSUNA DISCUSSIONE». Nell’episodio in questione Bob e Ann scoprono che Taylor, l’amichetta della loro figlia Charlie, ha due mamme, Susan e Cheryl. Ma come spiega il Wall Street Journal a scatenare le polemiche non è tanto la “novità” in sé, che del resto si manifesta in uno degli ultimi episodi della sit-com e – promettono i responsabili della rete – non si ripeterà, quanto piuttosto il fatto che per i protagonisti della serie la cosa sembra rappresentare un «non-evento»: «Nessun affanno né situazioni imbarazzanti. Nessuna discussione con i figli in merito a cosa tutto ciò “significhi”». Del resto, nota sempre il quotidiano Usa, «la Disney non è nemmeno il primo network per le famiglie ad affrontare tematiche gay. Su ABC Family la serie The Fosters è incentrata su due mamme lesbiche e presenta addirittura un ragazzo transgender».

In questo breve video pubblicato domenica scorsa su YouTube, le mamme gay Susan e Cheryl fanno la loro comparsa nella sit-com Good Luck Charlie accompagnando la loro figlia Taylor per un “play date” a casa dell’amica Charlie:

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

18 Commenti

  1. domenico b. says:

    Bene ( anzi male ), fin qui ci sono arrivati… quale sarà ora la prossima frontiera che dovranno abbattere questi “esperti dello sviluppo dei bambini….”?

    • Gabriele says:

      Mm, vediamo: forse ordineranno che anche nei fumetti di Topolino debba apparire una coppia gay, magari vorranno mettere anche dei sottointesi tra Topolino e Pippo.

      • VivalItalia says:

        E Pluto?? Non dimentichiamolo..

        • VivalItalia says:

          ..con qui quo qua dovranno ancora aspettà.. ma non tanto..

          Stavo pensa de famme sky+fastweb ma se ce stanno sti canali, continuerò a vedemme in chiaro la Peppona Pig!

          • Gabriele says:

            Dimenticavo: forse ci faranno scoprire anche che Minnie e Paperina non restano mai incinta perchè prendono la pillola.
            Mentre per l’eutanasia, Zia Paperone è ancora troppo energico. Però c’è Nonna Papera…

  2. luca says:

    grande disney

  3. maria says:

    BASTA SPEGNERE LA TV.
    Non ce l’ho dai tempi di NOn è la Rai trasmissione di Boncompagni che rese anoressiche una marea di ragazzine della scuola media.
    Avevo una figlia piccola da salvare.
    Da allora vivo benissimo senza TV.
    Se non si muovono concretamente i genitori che possono fare i bambini?
    Cristiani/e tiepidi/e muovetevi in prima persona invece di brontolare e non fare nulla. la libertà va conquistata

    • Alessandro says:

      D’accordissimo con te, Maria. Ricordiamoci che, dalle urne al tasto del telecomando, dal supermercato all’edicola, POSSIAMO DECIDERE e siamo NOI PERSONE COMUNI a decretare il successo o l’insuccesso di qualsiasi iniziativa, ingerenza, prevaricazione. Cristiani che leggete, davvero non siate tiepidi: ricordatevi la fine che fa chi non è “caldo né freddo”…

    • luca says:

      sento te e penso al film carrie…. va be.
      cmq maria il punto e che per i tuoi amici qui dentro non basta spegnere la tv o cambiare canale ma vogliono anche impedire agli altri di vedere

      • domenico b. says:

        il punto, caro Luca, sarebbe impedire che queste cavolate succedano nella realtà. Una cosa che è “tecnicamente” possibile, non è di per sé lecita. Domani questi bambini saranno i vostri giudici

        • luca says:

          lol domenico i bambini saranno i vostri giudici, quando saranno cresciuti in un mondo in cui gay e etero sono uguali vi giudicheranno dei mostri per queste vostre posizioni, al pari di come di giudica oggi uno schiavista americano

  4. Paolo says:

    Non si capisce dove sia il problema…viene solo mostrata una normale famiglia. Non abbiate la pretesa che le ideologiche turbe a proposito di qualche associazione vicino a fantasie confessionali.

    • Fireya says:

      Siamo in Italia, il solo parlare di lesbiche fa scatenare inutili putiferi. Ho visto lo spezzone di quella puntata e la cosa è stata gestita egregiamente. Il “non evento”, come si legge nell’articolo, è stata la scelta migliore. Una famiglia normale che va a trovare un’altra famiglia normale. Dove dovrebbe essere l’evento? Se la scena fosse stata ambientata in Italia si che sarebbe stato un evento, con l’omofobia che c’è qui…!

  5. benben says:

    Sono fiera di aver cancellato la puntata in questione. È uno scandalo che la Disney mandi queste cose su un telefilm che vedono i bambini. Per fortuna i miei non l’hanno vista

  6. Rea1991 says:

    L’unico scandalo cara benben è l’ignoranza di certi commenti, la pretesa di certa gente come te di essere migliore degli altri. Ti senti tanto furba a crederti migliore di un gay? Fossi tuo figlio mi vergognerei ad avere un genitore egoista come te

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download