Google+

«Deriso perché gay, si getta dalla finestra». Ma oggi i giornali ci ripensano: «Niente omofobia né bullismo»

maggio 31, 2013 Redazione

Ieri avevamo anticipato che la vicenda del 16enne omosessuale che ha tentato il suicidio a scuola andava capita meglio. Oggi anche i giornali la riscrivono, rinunciando a banalizzarla

“Deriso perché gay, si getta dalla finestra”. Presentata dai giornali con titoli di questo tenore come un tragico caso di “omofobia” e “bullismo”, la storia del 16enne omosessuale che l’altro ieri ha tentato il suicidio in una scuola di Roma lanciandosi nel vuoto dal terzo piano, sopravvissuto per miracolo, andrebbe riscritta da capo, possibilmente senza ricorrere alle solite pigre categorie della nostra informazione. Ieri in un editoriale di Luigi Amicone avevamo anticipato che forse le ragioni del gesto di questo adolescente non andavano cercate nel presunto (molto presunto) disprezzo dei compagni verso un ragazzo “diverso” ma nella «”lunga storia” di una famiglia di genitori separati. Di un padre che se n’è tornato in Romania. E di una madre rimasta sola a Roma. Sola col suo ragazzino che è negli anni in cui la presenza di un padre e di una compagnia di amici non gli farebbero passare nemmeno lontanamente per la testa che la vita è male, che tutto cospira a tacere di certe sue inquietudini, che non c’è niente per cui valga la pena vivere».
Oggi, a quanto pare, anche i principali quotidiani italiani, con maggiore o minore onestà intellettuale a seconda delle testate, si rendono conto che la vicenda è più complicata di come è stata strillata. Ed è, se possibile, ancora più drammatica. Alcuni esempi.

IL FATTO. «Carolina suicida a Novara dopo la violenza dei compagni. Simone sbeffeggiato a scuola perché gay cerca la morte a Roma. Ragazzi lasciati troppo soli». Pur aprendo in prima pagina con questo “motto”, il Fatto quotidiano, nelle pagine interne, fa sparire le parole d’ordine anche dai titoli, niente “omofobia” né “bullismo” né “derisione” bensì un doloroso “La mamma del ragazzo gay: ‘Non lo lascerò più solo'”. E nell’articolo il cronista si trova a fare i conti con le reazioni dei compagni e dei conoscenti di “Simone” alla campagna stampa messa in piedi ieri: «Avete scritto che lo prendevamo in giro, che ha tentato il suicidio per colpa nostra: bugiardi, andatevene». Ancora: «Questa è una scuola dura. Le classi partono con 30 ragazzi e al diploma sono in 10. Si studia sul serio, purtroppo con problemi sempre più gravi perché mancano i fondi. (…) Adesso pure ‘sta storia del gay che si butta: ma qui i gay non hanno nessun problema, proprio nessuno». Il Fatto aggiunge anche che «non si ricordano gesti di disprezzo per il compagno che ha tentato il suicidio», riportando in merito una dichiarazione eloquente (fra altre dello stesso tenore): «Il nostro rappresentante di istituto è stato per anni Federico Trombettoni, gay dichiaratissimo, che poi s’è candidato a Pomezia per Vendola. Scherzavamo sempre nei corridoi, battutacce stupide del tipo: “Aò arriva Trombettoni, tutti con le spalle al muro!”. Ma lo dicevamo perché si rideva insieme, senza offendere».

REPUBBLICA. Insiste invece, ma solo nel titolo, Repubblica. «Deriso perché gay, ma voglio tornare a scuola», titola a tutta pagina il quotidiano, mettendo la frase fra virgolette per fare intendere che le parole siano quelle del povero ragazzo. Nel pezzo, tuttavia, niente. Quel «deriso perché gay» non si trova tra le parole del 16enne, mentre si ritrova eccome il suo pentimento e la sua intenzione di tornare a scuola. Favorita anche dal commovente gesto della classe che ieri si è presentata da lui in ospedale con «un lenzuolo bianco con una scritta vergata con spray rosso: “Non sei solo, siamo con te”». L’unica voce ad accreditare l’ipotesi “omofobia”, nella cronaca di Repubblica, è quella di Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, che pure mette le mani avanti specificando che le vere cause del tentato suicidio «sono tutte da capire» (nel dubbio, però, Marrazzo sottolinea «come sia importante in un ambiente scolastico formare gli studenti contro l’omofobia»).

CORRIERE DELLA SERA. Anche il Corriere della Sera, infine, evita i titoli shock e anzi ribalta la lettura dei fatti: “Il ragazzo di 16 anni, dopo il volo dalla finestra: ‘Invisibile, mi calpestano senza accorgersene'”. L’articolo sembra una smentita travestita da cronaca, dove si adombra perfino che potrebbe non essere l’omosessualità dello studente l’origine del suo disagio: «Nessun comportamento o apparenza equivocabile, nessun “amore” del suo stesso sesso né esperienze pregresse di omosessualità». Il 16enne «sentiva di essere gay, da almeno un anno ne era convinto, ma non lo aveva raccontato se non a pochissime persone vicine, amiche di scuola per lo più». Il ragazzo secondo il Corriere avrebbe detto al magistrato: «Intorno a me vedo solo gente senza cuore. Mi calpestano senza accorgersene. Il mondo non fa per me e io non sono fatto per il mondo». Cosa significhi questo è ancora tutto da capire, evidentemente. Fatto sta che, scrive sempre il Corriere, «non c’è un episodio scatenante, non atti di bullismo o insulti e derisioni legate al suo sentirsi gay. Più male gli ha fatto sentirsi invisibile».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. giovanni scrive:

    cara alida la mia”fluidità sessuale” a volte mi fa provare attrazione per le zanzare, ( non sai la sofferenza che provo quando ne vedo qualcuna spiccicata sul muro) questa altalenante attrazione tra le donne e le zanzare mi provoca uno stato di forte prostrazione. Cosa posso fare?

  2. Bifocale scrive:

    Vedo che qualcuno (s)parla riguardo alle cosiddette “terapie riparative” a proposito delle quali tutti gli ordini professionali di psichiatri e psicologi hanno fortemente preso le distanze, sottolineandone la non scientificità e la potenziale pericolosità. Da noi l’Ordine degli Psicologi Italiano nel gennaio 2008 ha preso ufficialmente posizione in una nota nella quale si chiarisce che “Lo psicologo non deroga mai ai principi del Codice Deontologico nessuna ragione né di natura culturale né di natura religiosa (…) È evidente quindi che lo psicologo non può prestarsi ad alcuna “terapia riparativa” dell’orientamento sessuale di una persona.” – Tra l’altro lo scorso anno il dottor Robert Spitzer (di cui un vecchio studio sugli “ex gay” viene sempre citato dai fautori del “riorientamento”) ha dovuto ammettere che tale ricerca aveva delle gravi lacune metodologiche che la rendono del tutto inattendibile e ha chiesto pubblicamente scusa a tutti coloro che ne hanno subito gli effetti negativi.

    • H.Hesse scrive:

      Dì un po’ egregio bifocale, ammesso e non concesso che le cosiddette terapie riparative abbiano effetti disastrosi (a me sembra anche che l’omeopatia non sia tanto vista bene dalla medicina ufficiale pur continuando ad essere praticata, ma tant’è), ti farei due domandine e ti sarei grato se tu mi rispondessi senza tanti giri di parole:
      1) Avresti nulla in contrario se si facesse una ricerca per rendere possibile, efficace e senza rischi una “terapia riparativa”?
      2) Avresti nulla in contrario, se una volta dimostrata l’efficacia della terapia, chi vuole ci si sottoponesse?
      Grazie.

    • Alida Vismara scrive:

      Gli psicologi è meglio che si aggiornano prima di sparare “dichiarazioni” contro la legge. La sessualita’ e’ un’emozione e l’eccitamento l’effetto somatico di questa emozione. Non esistono emozioni innate, le emozioni si formano durante la vita e possono sempre cambiare, sia con la psicologia, sia con la comprensione. Il volume è rivolto ai sessuologi, agli psicologi e psicoterapeuti, ai medici, agli assistenti sociali, agli educatori, ai periti di tribunale, alle ostetriche, nonché agli studenti che dell’argomento fanno oggetto di studio, ed infine a tutti coloro che per problemi di vario genere possono avere interesse a documentarsi

      Neuroscienze, Psicologia Sperimentale ed altre scienze psicologiche hanno ampiamente dimostrato come tutte le sensazioni e gli eventi corporei dipendano dal S.N.C., cioè delle strutture neuropsichiche che si sono costruite nel singolo individuo. La sessualità umana, in tutte le sue multiformi variazioni, frequenti o anomale o patologiche, non è evento fisico dovuto a istinto o ad automatismi fisiologici, bensì la manifestazione somatica di un’emozione, che accade nel cervello emotivo del singolo individuo secondo le funzionalità che si sono strutturate in quel singolo cervello nella sua peculiare e individuale maturazione dovuta ai suoi apprendimenti primari. Ciò malgrado perdura l’idea, anche in ambito sanitario, che le funzioni sessuali dipendano da una fisiologia degli organi, così come accade per esempio per lo stomaco o per il fegato.

      Il presente testo offre una documentazione aggiornata su come ogni funzione o percezione sessuale sia il risultato di ciò che accade, non negli organi, bensì nel cervello emotivo della singola persona: si tratta pertanto di un evento mentale che, come tutte le emozioni, ha conseguenze somatiche. Poiché nessuno ha un cervello uguale a quello di un altro, e quindi nessuno ha una mente uguale ad un’altra, ognuno ha la “sua” sessualità: questa si è venuta a costruire per le vicende di vita, soprattutto neonatali e infantili, ma anche durante tutta la vita, che il cervello di quel soggetto ha elaborato.
      http://www.imbasciati.it/home.aspx?codice=0000000103

  3. cornacchia scrive:

    Ma se, per pura ipotesi, fosse stato vessato perché viveva apertamente una relazione omosessuale, che cosa avreste detto? Se avreste condannato severamente le vessazioni e difeso strenuamente la libertà omosessuale, allora l’articolo lo condivido in pieno.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: FLOW, la festa dello sport a Finale dura 10 giorni  DOVE E QUANDO: Finale Ligure, Savona, 22 settembre-1° ottobre Dal climbing alla mountain bike passando per il trail running, la speleologia e la barca a vela: si presenta gustoso il programma dell’8ª edizione del festival FLOW – Finale Ligure Outdoor Week. Dal 22 settembre al […]

L'articolo RED Weekend 22-24 settembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Vista e toccata: Volvo XC40 proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

“Sì, bella la Turbo Levo ma ha poca escursione…” Beh, chi trovava la prima full a pedalata assistita di Specialized non abbastanza “maschia” ora ha di che ricredersi e, magari, sognare a occhi aperti. La nuova Turbo Kenevo FSR, infatti, con i suoi 180 mm di escursione (che peraltro al posteriore hanno il colore giallo […]

L'articolo Nuova Specialized Turbo Kenevo FSR proviene da RED Live.

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana