Google+

Denunciato Wim Distelmans, il «pioniere dell’eutanasia» in Belgio: «Ha infranto la legge, abbiamo indizi seri»

aprile 10, 2014 Leone Grotti

Tom Mortier ha portato in tribunale Distelmans per aver ucciso la madre depressa senza essere competente in materia. Due mesi prima la donna aveva fatto una donazione alla fondazione pro morte del dottore

wim-distelmans-belgio-eutanasiaWim Distelmans, considerato «l’eroe della buona morte» in Belgio, è stato denunciato per la prima volta per avere infranto le leggi sull’eutanasia. Tom Mortier ha fatto causa al medico dopo che Distelmans ha ucciso con l’eutanasia sua madre senza avvisarlo e «infrangendo la legge».

«INDIZI SERI». La madre di Mortier, Godelieve De Troyer (foto in basso), non aveva alcuna malattia fisica ma come molti anziani soffriva di depressione, anche a causa del cattivo rapporto con i figli. È stata uccisa il 19 aprile 2012 nell’ospedale universitario UZ Brussel. Samuel Vinck, avvocato di Mortier, ha dichiarato: «Il mio cliente ha buone ragioni di credere che la legge non è stata correttamente applicata. Abbiamo seri indizi che lo provano e il mio cliente ha tutto il diritto di pretendere che le autorità competenti esaminino il caso».

NON ERA COMPETENTE. Mortier aveva già riportato il caso davanti all’Ordine dei medici del Belgio, accusando Distelmans di non avere avvisato la famiglia. La legge prevede che i familiari del paziente vengano avvisati anche se il diretto interessato può pretendere che questo non avvenga. Ma le accuse conosciute non finiscono qui: secondo il figlio, Distelmans non era competente in questo caso.
Godelieve De Troyer, infatti, soffriva di depressione e gli psichiatri che l’avevano visitata ritenevano che con un adeguato trattamento potesse riprendersi. Distelmans invece, specialista di tumori, ha ritenuto di praticarle l’eutanasia pur non essendo uno psichiatra né un esperto di depressione.

DONAZIONE PRIMA DI MORIRE. Infine, a rendere sospetto il caso c’è una donazione di 2.500 euro che la donna ha fatto all’associazione di Distelmans per il diritto a morire, LEIF, appena due mesi prima dell’iniezione letale. Mortier ha quindi accusato «l’eroe della buona morte» di aver fatto il lavaggio del cervello alla madre.
Il portavoce dell’ospedale UZ Brussel si è difeso così: «Tutto quello che possiamo dire è che i giudici decideranno su questo caso e che non è un bene che questa storia sia apparsa sui media».

PIONIERE DELL’EUTANASIA. Wim Distelmans è il «pioniere» dell’eutanasia in Belgio. Da dieci anni a capo della Commissione incaricata di controllare il verificarsi di eventuali abusi della legge, è stato più volte accusato di conflitto di interessi ma è sempre rimasto in carica. Nonostante la legge sia stata introdotta dal 2002 (e da quest’anno può essere anche richiesta dai minori) e gli abusi dimostrati da diversi autorevoli rapporti la Commissione non ha mai riscontrato neanche un’irregolarità nell’applicazione della legge.

I “TROFEI” DI DISTELMANS. Distelmans è diventato famoso negli anni, oltre che per i motivi già riportati, per aver praticato l’eutanasia nei casi più disparati: nel 2013 ha ucciso due gemelli 40enni che non erano affetti da malattie terminali solo perché questi, sordi dalla nascita, temevano di diventare ciechi e perdere la loro autonomia. Distelmans ha dichiarato con orgoglio dopo l’iniezione letale: «È la prima volta che viene praticata una “doppia eutanasia” nel mondo. I due gemelli non avevano più niente per cui vivere».
Un altro “trofeo” di Distelmans è Nancy Verhelst, transessuale diventata Nathan, da sempre odiata dai genitori «che volevano un maschio» e che il dottore ha ucciso «perché soffriva troppo psicologicamente. Si trattava di un caso che soddisfa perfettamente le condizioni richieste dalla legge».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. giovanni says:

    Gli ammazzano la madre, e il figlio denucia l’assassino per non esser stato avvisato? Sono angosciato!!!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.