Google+

Dell’integralismo progressista

giugno 16, 1999 Lauzi Bruno

Lettera a tempo

Continuano i tempi duri per le donne. Sospese tra rivoluzione e tradizione, si ritrovano ad essere al centro di un lacerante dibattito interiore. Dico questo, e spero di avere indovinato la diagnosi, perché l’altra sera ho visto al telegiornale una scena che mi ha fatto riflettere. Il luogo credo fosse il Parlamento turco, dove una deputatessa di fede musulmana ha preteso di presenziare alla seduta con il capo coperto dal tradizionale fazzolettone nero per testimoniare con fierezza la propria fede religiosa e la sua puntigliosa osservanza del Corano. Accanto a lei sedeva una deputatessa, di fede laica, che fingeva che la prima non fosse lì e se anche era lì lei non lo sapeva. In effetti, l’imbarazzo era evidente: probabilmente l’occidentalizzata si era battuta per una vita allo spasimo per garantire alle donne una liberazione da tutti i tabù, sociali, religiosi, sessuali perfino, ed ora doveva sopportare la presenza ingombrante di una donna antica come le sue Sacre Scritture che stava lì a dimostrare che esiste anche la libertà e quindi il diritto di non essere progressisti per forza, o addirittura che si può progredire verso il futuro solo se non si perde il contatto con la propria anima e con il proprio passato. Che c’entra, direte voi, moderni e liberali, ci deve essere la separazione tra la propria religiosità e la laicità della funzione pubblica! Ne siete così certi? Siete sicuri che l’essere integralisti non sia la maniera più onesta di porsi per chi è veramente, totalmente credente? Lo chiedo a voi che mi sembrate pratici, a patto che voi non lo chiediate a me: non saprei rispondervi. Quello che so per certo è che io non sono integralista, e quindi, da un certo punto di vista, non sono neanche un vero credente. E per restare in tema di profezie posso prevedere, con una quasi certezza, che continuerò a credere in un mio Dio che non dà ordini. Rileggerò questa mia dichiarazione ogni anno da oggi, così, tanto per verificare. Forse sarebbe bene la rileggessero anche tutti quelli che la pensano come me. Ci divertiremo, mi sa…

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, comportamento sul bagnato, e guida “spigliata” sono i punti chiavi su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport Touring per vocazione proviene da RED Live.

Tutta nuova, la berlina del Leone graffia molto di più rispetto al passato. Perché è più corta e bassa, ha un design dinamico e la solita attenzione al look by Peugeot. La toccheremo con mano al prossimo Salone di Ginevra

L'articolo Nuova Peugeot 508, la berlina si fa bella proviene da RED Live.

Basata sulla piattaforma EMP2, ha due lunghezze, un bagagliaio smisurato e interni da berlina di lusso. Per elevare verso nuovi orizzonti il concetto di veicolo Multispazio

L'articolo Peugeot Rifter, la nuova multispazio a Ginevra proviene da RED Live.

Una storia, quella delle Sportster, nata nel 1957 e destinata a continuare senza sosta e senza eclatanti sorprese. Anche quest’anno infatti la famiglia si allarga e lo fa grazie a due nuove interpretazioni che combinano lo stile rétro ispirato ai canoni classici del mondo custom e le prestazioni pungenti del motore V-Twin 1200 Evolution.  IRON […]

L'articolo Nuove H-D Sportster Forty-Eight Special e Iron 1200 proviene da RED Live.

In attesa di vederla sulle strade a fine anno, la city car approda a Milano in occasione Fashion Week, con livrea e interni a cura del direttore creativo della Maison Moschino

L'articolo Renault Clio in salsa pop proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi