Google+

Danimarca. Così il governo “salva la vita” a Elliot con la «stanza della morte»

gennaio 9, 2017 Leone Grotti

La Bbc entra in una stanza del buco a Copenhagen, dove si permette ai «consumatori» di assumere legalmente droghe illegali «per salvarli». Ma la faccia di Elliot racconta un’altra storia

droga-copenhagen-bbc1

Droghe come cocaina, eroina, marijuana sono illegali in Danimarca. Ma c’è un posto nella capitale Copenhagen dove chiunque può assumere queste sostanze senza temere ripercussioni: è la “stanza del buco” Skyen, aperta proprio dal governo nel 2012 e considerata da Elliot come «la mia seconda casa». Finora è costata tre milioni di sterline.

«BUONA COCAINA, MOLTA EROINA». Le telecamere della Bbc sono entrate insieme a Elliot nella “struttura sanitaria” per vedere come funziona. Il ragazzo, con occhio spento e voce stentata, spiega all’emittente inglese che cosa sta per iniettarsi in vena: «Ho qui della buona cocaina, molta eroina, diazepam e benzos. Queste ultime le aggiungo solo per rendere più forte l’effetto dell’eroina».

«NOI SALVIAMO VITE». Circa 500 persone al giorno visitano Skyen per consumare legalmente droghe illegali e dannose. Ida Bro è l’infermiera pagata per aiutarli a farlo «in totale sicurezza»: «Tutto quello che i consumatori devono fare quando entrano», spiega sorridendo alla telecamera, «è portare con sé la droga. Tutto il resto lo forniamo noi gratis». Continua poi aprendo uno sportello pieno di materiale sanitario: «Ad esempio, qui abbiamo guanti, siringhe, tutto il necessario per “cucinare” le droghe. Abbiamo anche preservativi, tutto l’occorrente insomma». L’obiettivo principale, ovviamente, è «salvare delle vite», dichiara Bro con voce entusiasta. «Noi impediamo la diffusione di moltissime malattie».

SECONDA CASA. La faccia di Elliot devastata dalla droga racconta un’altra storia. Il ragazzo sulla ventina visita la stanza Skyen diverse volte al giorno per farsi “salvare la vita”. «È la mia seconda casa. È un posto salubre per assumere droghe». Le stanze del buco non aiutano i giovani a uscire dal tunnel della tossicodipendenza e non propongono nemmeno un percorso di riabilitazione. Però «da quando abbiamo aperto», spiega il direttore di Skyen, Rasmus Koberg Christiansen, «il consumo di droga in pubblico in questa zona è diminuito del 90 per cento».

NASCONDERE IL PROBLEMA. Il cinico entusiasmo di Christiansen è comprensibile. Vedere per le strade di una capitale evoluta come Copenhagen facce distrutte dalla droga come quella di Elliot non è bello. Molto meglio, quindi, nasconderle in una stanza costruita apposta, per dimenticarle. Come dichiarato a tempi.it da Yannick Moreau, parlamentare francese che si è opposto all’apertura di una Skyen in Francia, «le stanze del buco servono solo per lavarsi la coscienza fornendo una risposta falsa a un problema vero. Invece che considerare il problema alla radice e adottare politiche ambiziose per spingere le persone dipendenti alla guarigione, cioè a smettere di drogarsi, si accontenta di nascondere queste persone nelle “stanze del buco”, con gran sperpero di denaro pubblico. Legalizzandole, il governo dà ai drogati un’idea di fatalismo e al resto della società di lassismo. È possibile uscire dalla dipendenza dalla droga ma le stanze del buco non portano a questo risultato. Molti me ne hanno parlato come di “stanze della morte”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Brutale e sconvolgente, tanto nella linea quanto nel carattere. Nata nel 1987 ed erede di 288 GTO, era una vettura da corsa adattata all’utilizzo stradale. Un mito da 478 cv, 324 km/h, 0-100 km/h in 4,1”, 1.100 kg e, soprattutto, 162,8 cv/litro. L’elettronica? Sconosciuta

L'articolo Ferrari F40: io sono leggenda proviene da RED Live.

Cos’è Le Northwave Extreme RR sono il modello di punta della gamma dedicata al ciclismo su strada. Utilizzo Ciclismo amatoriale al massimo livello, gare amatoriali e professionistiche. Com’è fatto Il nome dice molto della destinazione di queste scarpe: come se non bastasse “Extreme”, in Northwave hanno pensato di aggiungere RR, declinando la sigla con un […]

L'articolo Northwave Extreme RR (Road Race) proviene da RED Live.

Dopo aver provato l’hoverboard DOC 6.5, sicuramente il più particolare fra i gingilli elettronici proposti da Nilox, abbiamo deciso di fare un passo indietro (nel senso di ardimento) e posare i piedi con un equilibrio più immediato su altri due prodotti legati alla mobilità elettrica: il monopattino DOC PRO e lo skateboard DOC Skate. DOC PRO […]

L'articolo Prova Nilox DOC Pro e Skate+ proviene da RED Live.

Una giornata molto particolare ci ha permesso di apprezzare il passato e il presente delle cabriolet marchiate DS. E abbiamo scoperto anche qualche analogia…

L'articolo DS: tra ieri e oggi proviene da RED Live.

“Come on, baby, light my fire, try to set the night on fire…” la musica è a tutto volume. L’accendo come un preriscaldamento che inizia a darmi la carica giusta. Questa canzone poi è un must; riesce a entrarmi nelle vene e accompagnare l’adrenalina verso l’alto. Direi che ne ho bisogno, visto che con la […]

L'articolo Prova Garmin Varia UT800, torcia e coraggio proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana