Google+

Da oggi, in Australia, chiamando l’1800 180 880 si potrà ordinare un aborto da asporto

settembre 28, 2015 Leone Grotti

Il nuovo servizio telefonico che organizza gli esami medici e spedisce direttamente a casa la pillola RU486 è disponibile da oggi al costo di 250 dollari

australia-aborto-ru486-shutter

1800 180 880: non è il numero di una pizzeria per ordinare la cena, ma quello di un centralino specializzato in “aborto da asporto”. Succede in Australia, dove la Fondazione Tabbot ha inventato e organizzato il servizio per «rendere l’aborto più accessibile e più affidabile». Se il primo obiettivo sarà sicuramente raggiunto, ci sono poche garanzie sul secondo.

ABORTO DA ASPORTO. Il servizio, attivo da oggi, organizzerà esami del sangue ed ecografie nella zona della richiedente e spedirà la RU486 direttamente a casa. La pillola abortiva è legale in Australia dal 2006 ma, si lamenta Jenny Ejlak, co-presidentessa del gruppo Reproductive Choice Australia e tra gli ideatori dell’aborto da asporto, non è molto diffusa: «Il servizio è simile a quello che un medico di base o una clinica può offrire [a una donna che vuole abortire]. Non hai bisogno di viaggiare fisicamente, così per le donne che vivono in zone del paese dove non ci sono cliniche abortive o dove non ci sono medici che forniscono la pillola, ci sarà comunque un accesso adeguato».

250 DOLLARI. Il costo della pillola, comprensivo di esami e telefonata al centralino, sarà di 250 dollari, dunque più economico rispetto ai 300-600 dollari necessari per abortire in una clinica privata. Dal punto di vista del bambino, l’aborto in clinica o a casa non cambia granché, ma può essere considerato sicuro per la donna prescrivere un aborto al telefono? «In Australia è frequente prescrivere medicine al telefono – spiega ancora Ejlak – Penso che se i medici riescono effettivamente a comunicare con i pazienti, allora va bene».

GESTIONE DELLE EMERGENZE. Il servizio non sarà disponibile in alcuni Stati e territori del paese, dove interrompere una gravidanza è illegale (South Australia, Northern Territory, Australian Capital Territory). E per «prevenire le proteste di chi si oppone all’aborto», la fondazione Tabbot ha anche messo in piedi un servizio in grado di gestirne i “postumi”. Una linea telefonica dedicata sarà disponibile 24 ore su 24: chiamandola, si verrà ricontattati da una infermiera, ma solo il giorno successivo. In nessun caso però un medico potrà essere inviato a casa della donna.

«METODO RISCHIOSO». Susan Fahey, che ha contribuito a scrivere la legge che autorizza l’aborto in Tasmania, ha salutato favorevolmente l’iniziativa, anche se non ha nascosto alcune preoccupazioni: «Se cominci ad amministrare questo tipo di medicazioni al telefono, cosa che io sostengo completamente, può esserci il rischio che alcune donne ottengano risultati non positivi. Tutti dovrebbero avere accesso all’aborto e l’accesso è davvero un grande problema, ma senza un sistema di pesi e contrappesi anche l’accesso può diventare problematico».

Foto pillola tratta da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Vedrete, si andrà sempre più verso l’autodistruzione, morale prima e fisica dopo. Quando non ne potremo più grideremo: AIUTO!!, ma non so se ci sentirà Qualcuno!!

  2. filippo d scrive:

    ci stiamo uccidendo con le nostre mani..
    anzi, coi nostri soldi…
    e qualcuno ci guadagna pure sopra!

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Che i loro soldi se ne vadano tutti in medicine!! Dai, non è cattivissima, chè poi con le medicine si guarisce!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana