Google+

Corte Ue: illegali brevetti che prevedono distruzione di embrioni umani

ottobre 18, 2011 Leone Grotti

La Corte di giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata oggi sul caso Oliver Brüstle contro Greenpeace. Il neurobiologo Brüstle voleva brevettare un metodo per l’utilizzo di cellule staminali embrionali umane per curare malattie. La corte: «L’embrione umano è tale fin dalla fecondazione dell’ovulo. Brevetti che prevedano la sua distruzione sono illegali»

Si può brevettare un’invenzione che richieda la distruzione di embrioni umani? Oggi la Corte di giustizia dell’Unione Europea si pronunciata su questa domanda nell’ambito del caso Oliver Brüstle contro Greenpeace e ha risposto negativamente.

Brüstle è docente di Neurobiologia ricostruttiva all’università di Bonn e avrebbe trovato un metodo per l’utilizzo di cellule staminali embrionali umane allo stadio iniziale per curare malattie neurologiche come il Morbo di Parkinson. Nel 1997 Brüstle ha depositato il brevetto presso l’ufficio competente di Monaco di Baviera. A fare ricorso è stata la sezione tedesca di Greenpeace, che ha protestato contro l’utilizzo di embrioni umani. Nel 2009 il caso è stato trasferito alla Corte di giustizia dell’Ue, interpellata in via pregiudiziale in merito all’interpretazione dell’articolo 6(2)(c) della Direttiva 98/ 44/EC sulla protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche e soprattutto in merito all’interpretazione del termine “embrione umano“.

Secondo la Corte di giustizia europea la nozione di embrione umano «deve essere intesa in senso ampio: sin dalla fase della sua fecondazione qualsiasi ovulo umano deve essere considerato come un embrione umano, dal momento che la fecondazione è tale da dare avvio al processo di sviluppo di un essere umano». I giudici hanno anche sostenuto che «deve essere riconosciuta questa qualificazione di embrione umano anche all’ovulo umano non fecondato in cui sia stato impiantato il nucleo di una cellula umana matura e all’ovulo umano non fecondato indotto a dividersi e a svilupparsi attraverso partenogenesi». Dunque, è la conclusione, è illegale brevettare procedimenti che «possano portare alla distruzione dell’embrione umano, così definito».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download