Google+

Corte Ue: illegali brevetti che prevedono distruzione di embrioni umani

ottobre 18, 2011 Leone Grotti

La Corte di giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata oggi sul caso Oliver Brüstle contro Greenpeace. Il neurobiologo Brüstle voleva brevettare un metodo per l’utilizzo di cellule staminali embrionali umane per curare malattie. La corte: «L’embrione umano è tale fin dalla fecondazione dell’ovulo. Brevetti che prevedano la sua distruzione sono illegali»

Si può brevettare un’invenzione che richieda la distruzione di embrioni umani? Oggi la Corte di giustizia dell’Unione Europea si pronunciata su questa domanda nell’ambito del caso Oliver Brüstle contro Greenpeace e ha risposto negativamente.

Brüstle è docente di Neurobiologia ricostruttiva all’università di Bonn e avrebbe trovato un metodo per l’utilizzo di cellule staminali embrionali umane allo stadio iniziale per curare malattie neurologiche come il Morbo di Parkinson. Nel 1997 Brüstle ha depositato il brevetto presso l’ufficio competente di Monaco di Baviera. A fare ricorso è stata la sezione tedesca di Greenpeace, che ha protestato contro l’utilizzo di embrioni umani. Nel 2009 il caso è stato trasferito alla Corte di giustizia dell’Ue, interpellata in via pregiudiziale in merito all’interpretazione dell’articolo 6(2)(c) della Direttiva 98/ 44/EC sulla protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche e soprattutto in merito all’interpretazione del termine “embrione umano“.

Secondo la Corte di giustizia europea la nozione di embrione umano «deve essere intesa in senso ampio: sin dalla fase della sua fecondazione qualsiasi ovulo umano deve essere considerato come un embrione umano, dal momento che la fecondazione è tale da dare avvio al processo di sviluppo di un essere umano». I giudici hanno anche sostenuto che «deve essere riconosciuta questa qualificazione di embrione umano anche all’ovulo umano non fecondato in cui sia stato impiantato il nucleo di una cellula umana matura e all’ovulo umano non fecondato indotto a dividersi e a svilupparsi attraverso partenogenesi». Dunque, è la conclusione, è illegale brevettare procedimenti che «possano portare alla distruzione dell’embrione umano, così definito».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana