Google+

Contributo di un lettore: La ricerca del colpevole ci fa dimenticare di essere tutti uomini

marzo 8, 2012 Gianni Ferrari

Vedo regressione, l’attenzione è spasmodica nei confronti dei “cattivi” da crocifiggere e, parallelamente, come un popolo di adolescenti inseguiamo dei miti, buoni o cattivi che siano. Perchè? Per innalzare i buoni sugli altari e gettare i cattivi nelle segrete del castello

Riceviamo e pubblichiamo un commento di un lettore, Gianni Ferrari, autore del blog “Discussioni socialiste”, sulla tragedia del naufragio della Concordia.

Recenti accadimenti come il tentativo di fare arrestare Cosentino, il naufragio della Concordia e la costante ricerca dell’appoggio dell’opinione pubblica da parte politici di molti schieramenti e dell’audience popolare da parte di magistrati, mi dà la misura che viviamo in un paese malato. Parafrasando Bertold Brecht: mi chiedo se non sia sciagurata questa Italia che ha bisogno di eroi e di vigliacchi.

Probabilmente la crisi è frustrante per molti. Vedo regressione, l’attenzione è spasmodica nei confronti dei “cattivi” da crocifiggere e, parallelamente, come un popolo di adolescenti inseguiamo dei miti, buoni o cattivi che siano. Perché? Per innalzare i buoni sugli altari e gettare i cattivi nelle segrete del castello. Ma l’essere umano è un mistero insondabile; ogni uomo, per chi vi crede, è immagine di Dio ma non conosce la perfezione. Chiunque può essere stato eroe oggi e vile ieri ma le logiche che lo avranno spinto ad agire nell’uno e nell’altro caso sono insondabili. Laici e cattolici stanno dimenticando la perla delle loro idee: la tolleranza. Tutto può accadere, ma bisogna essere tolleranti e accettanti verso l’altro. Io lo sono, forse perché consapevole di essere, potenzialmente, il peggiore di tutti. Il tessuto sociale del nostro paese è sgretolato e spera di riaggregarsi espellendo il diverso.

Il male, si vuole continuare a credere, è altro da noi e raffigurabile nelle minoranze, nel diverso, nell’icona del “vile”. Schettino non poteva capitare più a proposito, “splendida” la telefonata con De Falco, un San Giorgio con la spada di fuoco che infilza la miseria umana dell’altro. La ricerca di simboli sia positivi sia negativi lascia in secondo piano quello che, invece, non dovrebbe essere mai perso di vista: siamo tutti uomini, socialmente organizzati perché animali sociali e, proprio in virtù di questo, non dobbiamo mai dimenticare che non esiste l’ “altro” ma un altro possibile io che, se avrà sbagliato, siccome abbiamo una legislazione, pagherà la sua colpa. Ma, anche in presenza della massima condanna, non perderà la condizione di essere umano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.