Google+

Cina. Cristiani difendono la croce della chiesa dalla demolizione, 500 poliziotti li massacrano di botte. «Noi pronti a morire per la fede»

luglio 23, 2014 Leone Grotti

Il fatto è avvenuto lunedì alle 3 di notte nella contea di Pingyang. Molti i feriti, anche gravi, ma la polizia è stata costretta a ritirarsi

cina-pingyang-chiesa-comunismo-cristiani2«Siamo pronti a essere imprigionati e anche a morire per la nostra fede». Non esagerano i fedeli cinesi della chiesa ShuiTou Salvation nella contea di Pingyang, Wenzhou, almeno a giudicare dalle foto (pubblicate in pagina) che mostrano come la polizia cinese ha ridotto molti di loro per aver cercato di difendere la loro chiesa.

CAMPAGNA DI DEMOLIZIONE. Per 33 giorni consecutivi, i cristiani della chiesa, iscritta tra quelle ufficiali protestanti (come richiesto dal partito comunista), hanno pattugliato l’edificio religioso 24 ore su 24 per impedire che il partito comunista abbatta la croce che campeggia sulla sommità del luogo di culto. Come raccontato più volte da tempi.it, è in atto una nuova ondata di persecuzioni nei confronti dei cristiani nella provincia di Zhejiang, considerata più grave anche di quella avvenuta durante la Rivoluzione Culturale. Il partito comunista cinese ha già distrutto 360 tra croci e chiese in poco più di tre mesi, nel tentativo di frenare la crescita del cristianesimo nell’area e abbattere le strutture «troppo vistose».

cina-pingyang-chiesa-comunismoATTACCO DI NOTTE. Lunedì 21 luglio, alle tre di notte, 500 agenti di polizia insieme a una squadra di demolizione hanno assalito i fedeli che circondavano la chiesa, colpendoli ripetutamente con manganelli, calci e pugni. Almeno 10 persone sono state ferite gravemente, quattro sono stati portati all’ospedale. «Continueremo a fare la guardia fino alla fine», ha dichiarato un fedele a International Christian Concern. «Ci siamo divisi in due gruppi in modo da vegliare per tutta la notte». L’assalto è durato un’ora ma alla fine la polizia ha dovuto battere in ritirata.

«IN ATTESA DEL MARTIRIO». Tre cristiani, seguendo l’esempio di un pastore che si è dimesso dai suoi incarichi nella chiesa ufficiale di Pechino e ha iniziato uno sciopero della fame «in attesa del martirio», hanno scritto una lettera aperta: «Il mio cuore sanguina quando vedo centinaia di croci cadere una a una nella provincia di Zhejiang. Davanti ai furiosi attacchi [della polizia] non siamo sicuri di riuscire a fare la guardia alla chiesa perché non venga demolita. Prego Dio perché mi dia la forza di diventare un martire».

cina-pingyang-chiesa-comunismo5CRISTIANI IN AUMENTO. Secondo gli ufficiali del partito comunista della provincia di Zhejiang, «negli ultimi anni la crescita del cristianesimo è stata eccessiva e disordinata». Il partito teme che l’aumento dei cristiani minacci con le sue duemila chiese nella provincia l’autorità comunista. Nonostante il regime non abbia niente da temere dai cristiani, la crescita è stata davvero impressionante: a Wenzhou, considerata la “Gerusalemme d’Oriente”, prima dell’avvento del comunismo, nel 1949, c’erano 70 mila cristiani. Oggi, nonostante le restrizioni al culto e le persecuzioni, i cristiani sono un milione.

«NON BASTA ABBATTERE LE CROCI». Ecco perché il partito è intervenuto, abbattendo croci e chiese. «Vogliono cancellare ogni traccia del cristianesimo. Durante la Rivoluzione Culturale bruciavano le Bibbie, ma neanche allora rimuovevano le croci dalle chiese», afferma un’anziana cinese di Sanjiang, dove il governo ha demolito la grande chiesa della città. «Ma questo non basterà», dichiara un fedele di Pingyang. «Non è sufficiente abbattere una croce per cancellare il cristianesimo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Sebastiano says:

    E naturalmente, da parte dell’intellighenzia che straparla dei diritti ad ogni costo (da repubblica al corrierone), SILENZIO TOTALE!
    Figuriamoci poi se dal mondo economico (europetta compresa) si leva qualche flòebile lamento: non sia mai che vengano meno le esportazioni, tacete, tacete…

  2. AndreaB says:

    In piu’ ci sarebbe da dire che l’Italia sta vendendo ai cinesi aziende e parti di aziende molto importanti, se non strategiche, per il popolo italiano… Speriamo che i nostri giovernanti capiscano che il territorio deve essere tutelato e che e’ preoccupante il fatto che gli stessi che picchiano a morte i cristiani per distruggere una croce, diventino i datori di lavoro degli italiani. Preghiamo che non siano gli stessi.

  3. Aniello says:

    Il Dio dell’amore vincerà sempre

  4. Aniello says:

    Kiko ha lo Spirito quando dice che si deve evangelizzare la Cina e le Corea

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi