Google+

Cina, arrestati 80 cristiani perché «pregavano in casa»

marzo 9, 2017 Leone Grotti

Aumenta la repressione nella regione dello Xinjiang, minacciata anche dall’Isis. Chen Xiangyan, arrestata e poi rilasciata: «Stavamo solo studiando la Bibbia»

cina-uighuri-xinjiang-comunismo-estremisti2

Più di 80 cristiani sono stati arrestati nella regione dello Xinjiang in Cina. I fedeli, appartenenti alla comunità protestante Fangcheng, sono stati trovati a pregare in chiese domestiche non ufficiali nei giorni precedenti e successivi al capodanno lunare soprattutto nella capitale regionale Urumqi. I cristiani sono stati accusati di avere intrapreso “attività religiose in siti non religiosi” e di essersi rifiutati di aderire alla chiesa patriottica protestante, il Movimento delle tre autonomie.

UIGURI PERSEGUITATI. Lo Xinjiang è la regione più turbolenta della Cina e una delle più militarizzate dal partito comunista. Qui l’etnia uigura, composta da nove milioni di persone turcofone in prevalenza musulmane, è da decenni perseguitata. Il partito ha imposto pensati restrizioni alla libertà religiosa dei musulmani, all’insegnamento della lingua e della cultura locale, alla libertà di associazione e di espressione. Il governo giustifica le misure repressive citando la necessità di prevenire rivolte come quella famosa del 2009 e impedire nuovi attentati terroristici nella regione. Per scoraggiare ogni insurrezione, il partito è tornato a inscenare esecuzioni di massa in pubblico e gigantesche parate militari per le vie di Urumqi.

MINACCE DALL’ISIS. A inizio marzo, alcuni estremisti uiguri che si sono uniti allo Stato islamico hanno diffuso un video, il primo di questo tipo, promettendo di «far scorrere sangue a fiumi» nel Xinjiang. È la prima volta che l’Isis minaccia la Cina. Così il governo, oltre a imporre nuove restrizioni ai musulmani, ha annunciato che anche la libertà religiosa dei cristiani sarà limitata e per ragioni di “anti-terrorismo” tutte le attività cristiane svolte al di fuori della chiesa patriottica saranno proibite.

«VIETATO PREGARE». Gli arresti però non hanno atteso gli annunci ufficiali. Tra gli oltre 80 cristiani arrestati, ci sono 10 fedeli di Wusu, imprigionati per 15 giorni e multati con l’equivalente di 145 dollari. La colpa è «essersi riuniti e aver pregato nel nome del cristianesimo». Gli altri sono stati detenuti per una ventina di giorni. A tutti è stato chiesto di aderire al Movimento delle tre autonomie. «Noi crediamo in Gesù fermamente. Ciò che è accaduto non è giusto», ha dichiarato a ChinaAid Chen Xiangyan, tra gli arrestati. «Non abbiamo fatto niente di male né causato problema alcuno. Non disturbiamo i nostri vicini. Stavamo solo studiando la Bibbia».

CROCI ABBATTUTE. I cristiani dello Xinjiang non sono gli unici a sperimentare nuove restrizioni alla libertà religiosa, laddove prima invece il partito comunista era solito chiudere un occhio. Nel Zhejiang all’inizio del 2014 è stata lanciata una campagna di demolizione e rimozione delle croci dalla sommità delle chiese. Alcune chiese sono anche state distrutte. Negli ultimi mesi la campagna sta rallentando ma in oltre due anni sono state abbattute oltre 2.000 croci e demolite decine di chiese. Nel frattempo, continuano i richiami sempre più insistenti della leadership comunista sulla necessità di «sinizzare le religioni», rendendole cioè funzionali alla (e al servizio della) dottrina comunista.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download