Google+

Chi studia, muore. Perché Boko Haram ha distrutto più di mille scuole in Nigeria

dicembre 10, 2015 Leone Grotti

Solo quest’anno in Nigeria, in una sola regione, 1.100 istituti sono stati chiusi o distrutti. A Maiduguri si va in classe due giorni a settimana

Nel 2014 Boko Haram ha ucciso più persone dell’Isis (oltre seimila), guadagnandosi lo scettro di gruppo terroristico più mortifero del mondo. Ma c’è un’altra vittima illustre dei jihadisti in Nigeria: l’educazione. Solo nel 2015, infatti, e solo nella regione del lago Chad, attorno al quale Boko Haram combatte senza sosta nel nord della Nigeria, sono state chiuse o distrutte più di 1.100 scuole.

600 INSEGNANTI UCCISI. Secondo Irin, tra il 2009 e l’ottobre di quest’anno i terroristi islamici hanno ucciso più di 600 insegnanti. Boko Haram letteralmente significa “l’educazione occidentale è peccato” e dal 2009 tempesta il nord del paese per cacciare tutti i cristiani e fondare uno Stato islamico. Uno dei primi obiettivi dei jihadisti sono le scuole, colpevoli di insegnare altre materie oltre al Corano e di essere plagiate dai successori dei colonizzatori occidentali.

DOCENTI IN FUGA. Oltre a quelli uccisi, altri 19 mila professori sono scappati dalle scuole dove insegnavano a causa della violenza. Migliaia di altri sono stati minacciati, feriti o rapiti. «È da 20 anni che insegno», racconta Ahmadu Abba, 42 anni, docente in una scuola della capitale dello Stato di Borno, Maiduguri, dove gli attentati si susseguono da anni. «Sono sempre spaventato di entrare in classe. La maggior parte dei miei colleghi è stata uccisa o ferita». In città le lezioni si tengono solo due giorni a settimana e quand’è periodo di esami contingenti dell’esercito vengono schierati a protezione degli edifici. «Un sacco di volte ho pensato di cambiare lavoro a causa dell’insicurezza», continua.

«CHIUNQUE PUÒ PIAZZARE UNA BOMBA». Il governo assicura di aver già aumentato al massimo la protezione, ma Hadiza Bashir, vedova con sette figli, insegnante in una scuola elementare di Maiduguri, non è d’accordo: «Non c’è un cancello a bloccare l’entrata e nessuna guardia a vedere chi entra e chi esce. Chiunque potrebbe venire dentro e piazzare una bomba». Molti nigeriani risolvono il problema della sicurezza rifiutando le proposte di lavoro che vengono dal nord-est del paese: «Di recente ho rifiutato una proposta a Gashua, presso l’università federale dello Stato di Yobe (uno dei più colpiti da Boko Haram, ndr)», spiega il docente Shehu Ahmed. «Ho pensato che fosse troppo rischioso per me andare a lavorare là».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Toc Toc!! C’è qualcuno fuori dalla Nigeria (perchè in Nigeria evidentemente non c’è nessuno che se ne occupi) che ci può almeno mininominimo far caso?

    • Menelik scrive:

      Pensa che l’ultimo anno del pontificato Ratzinger, in occasione di un attacco che è costato un sacco di morti, da qualche parte giù nella Nigeria (avevano massacrato la gente in una chiesa cattolica e anche in una scuola, è successo un casino, non ricordo bene, comunque i morti erano decine e la cosa fece scalpore qua), io ho letto su un forum o un blog delle affermazioni di alcuni atei trolleggiavano là, e mi colpì questa frase:
      Hanno fatto un bel regalino di Natale a Nazingher.
      (Era pochi giorni prima di Natale).
      Un altro aggiunse:
      Nazingher, sei contento?
      Una volta credevo che si trattasse di qualche esaltato, invece oggi credo che tra gli atei troll, quei personaggi sono molto più frequenti di quanto crediamo.
      Ecco, alla tua domanda se qualcuno ci può far caso fuori dalla Nigeria, qua in Occidente, non temere, loro (gli atei nostrani) già si fregano le mani dalla soddisfazione.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana